Connect with us

Entertainment

La quarantena fa bene a George Martin: isolato, al lavoro su The Winds Of Winter

Lo scrittore, celeberrimo autore della saga letteraria del Trono di Spade, divenuta serie TV tra le più apprezzate e seguite nella storia, è infatti al lavoro sul sesto capitolo della sua opera, “The Winds of Winter”.

Federico Falcone

Published

on

Non a tutti dispiace la situazione di quarantena in cui il modo sta scivolando, oppure è già scivolato. L’emergenza Coronavirus, elevata dall’Oms a pandemia, sta rapidamente attecchendo fuori dall’Europa. Ma ciò sembrerebbe non destare preoccupazione nelle intenzioni di George Martin.

George Martin, celeberrimo autore della saga letteraria del Trono di Spade, divenuta serie TV tra le più apprezzate e seguite nella storia, è infatti al lavoro sul sesto capitolo della sua opera, “The Winds of Winter“.

Leggi anche: Positivo al coronavirus Kristofer Hivju, attore del Trono di Spade

Queste le parole riportate da Martin sul suo blog personale:

“Per quelli di voi che potrebbero essere preoccupati per me… Sì, sono consapevole di fare parte della popolazione più vulnerabile, data la mia età e le mie condizioni fisiche. Ma al momento sto bene, e stiamo prendendo tutte le precauzioni del caso. Mi trovo da solo in un luogo isolato, e sono assistito da uno dei miei collaboratori, e non vado in città né vedo nessuno. A dire il vero, sto trascorrendo più tempo a Westeros che nel mondo reale, sto scrivendo ogni giorno. Le cose sono piuttosto cupe nei Sette Regni… ma forse non sono così cupe come potrebbero diventare qui. In alcuni giorni, guardando le notizie, non posso fare a meno di sentirmi come se tutti stessimo vivendo in un romanzo di fantascienza. Ma non, ahimè, il tipo di romanzo di fantascienza in cui sognavo di vivere da bambino, quello con le città sulla Luna, le colonie su Marte, i robot domestici programmati con le Tre Leggi [della robotica] e le macchine volanti. Le storie di pandemia non mi sono mai piaciute… Speriamo di riuscire a superare tutto questo sani e salvi. State bene, amici miei. Meglio essere attenti piuttosto che dispiaciuti”.

Leggi anche: Addio allo scrittore russo Eduard Limonov

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Entertainment

Al Colibrì di Sandro Veronesi il premio Strega 2020

Federico Falcone

Published

on

Sandro Veronesi si aggiudica il premio Strega 2020. Il suo “Colibrì” (edito da La Nave di Teseo) prende 200 voti e stacca notevolmente quello che, alla vigilia, era considerato il vero antagonista, Gianrico Carofiglio che col suo “La Misura del Tempo” (edito da Einaudi Stile Libero) ha invece preso 132 voti. Più distaccate Valeria Parella (86 voti) con Almerina (Einaudi), Gian Arturo Ferrari (70 voti) con “Ragazzo Italiano” (Feltrinelli), Daniele Mencarelli con “Tutto Chiede Salvezza” (Mondadori) (67 voti), Jonathan Bazzi con “Febbre” (50 voti) (Fandango).

Ecco quanto ha dichiarato all’Huffinghton Post: “Ho già vinto una volta ma di quell’esperienza e di quelle emozioni non ricordo nulla, lo leggo sui libri. Il premio Strega è sempre lo stesso, ma le persone fuori cambiano. Qui sembra che il tempo si sia fermato”. Per Veronesi si tratta del bis dopo il successo nel 2006 con “Caos Calmo”.

​“Ho capito, all’improvviso, che tu sei davvero un colibrì. Ma certo. E’ stata un’illuminazione: tu sei davvero un colibrì. Ma non per le ragioni per cui ti è stato dato questo soprannome: tu sei un colibrì perché come un colibrì metti tutta la tua energia per restare fermo. Settanta battiti d’ala al secondo per rimanere dove già sei. (…) La tendenza del cambiamento, anche quando è probabile che non porti a nulla di meglio, fa parte dell’istinto umano, e tu non la concepisci”.

Trama:

“Tu sei colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo.” Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti.

Continue Reading

Entertainment

Beavis and Butt-Head, il cartone culto sta tornando per la gioia di metallari e nerd

Federico Falcone

Published

on

Tutt’a un tratto, per la felicità di metallari, rocker, nerd e appassionati del culto anni ’90, il 2020 ha improvvisamente senso. Beavis and Butt-Head stanno tornando. I due inseparabili amici, resi famosi dalle loro orrende – ma quanto mai divertenti – risate e dalle t-shirt di Metallica e Ac/Dc, fanno presto il loro come back sul grande schermo. Ad annunciarlo è stata la Comedy Central che ha svelato di aver raggiunto un accordo con Mike Judge, vincitore dell’Emme Award, per dare nuova linfa vitale al cartone. I due dovranno scontrarsi con un nuovo mondo, una nuova generazione di adolescenti e chissà, magari indosseranno altre magliette.

Sappiamo che la produzione ha previsto due stagioni. Beavis and Butt-Head possono tranquillamente essere annoverati nell’ambito dei personaggi culto e della cultura pop. Ironici, spesso satirici ai limiti della cattiveria, sboccati, insomma…dei veri metalkids. onosciuto per affrontare le questioni sociali tra cui l’obesità adolescenziale, i diritti dei lavoratori e le tendenze dei media, lo spettacolo si è collegato a un’intera generazione, rivendicandosi come una delle serie più innovative dello zeitgeist moderno.

Il cartone, per alcuni più identificabile come sitcom, andò in onda dall’8 aprile del 1993 al 28 novembre 1997, più una breve parentesi nel 2011 con nuovi episodi. Nel 1996, invece, fu realizzato anche un film, dal titolo “Beavis and Butt-Head alla conquista dell’America”.

Continue Reading

Entertainment

Dimenticare Vincenzo Mollica

Alberto Mutignani

Published

on

Recentemente mi è capitato di riprendere i Ritratti Italiani di Alberto Arbasino, da poco scomparso, e rileggere alcuni profili tracciati negli anni e nelle edizioni e riedizioni di quell’opera monumentale. C’è un fondo di sprezzatura nascosta all’interno di quelle pagine, che così poco spazio dedicano ad un autore come Moravia e così tante parole riservano per un’icona del pop come Gianni Morandi.

Arbasino, che di Antonioni scriveva “Subito si fa vivo per protestare se non condivide i giudizi espressi, non li tollera se non dall’entusiasmo in su, prende come stroncatura totale qualsiasi giudizio “misto”, non raccoglie le intenzioni ironiche perché non le vede”, è scomparso e nessuno ne ha raccolto l’eredità. I giornalisti che si affacciano al mestiere pretendendo di occuparsi del cinema “come arte” e della musica “come espressione dell’anima” sono i figli di una stagione trasversale a quella vissuta dal mite lombardo e dominante nel panorama contemporaneo: detta la linea il peso massimo del giornalismo culturale diabetico e zuccherino, Vincenzo Mollica.

Questo pezzo, che doveva inizialmente titolarsi “Contro il mollichismo”, vuole essere una semplice esortazione. Mi perdonerete se, non essendo un compagno del buon partito, non userò parole altisonanti né mi getterò in quelle infinte litanie che sperano di trovare nella lunghezza del testo una complessità concettuale che il discorso da sé non riesce ad esprimere.

Quello che è successo negli ultimi anni in questo Paese, dopo le gare stroncatorie degli anni ’70 e ’80, ha rappresentato il tramonto di una critica pur sempre pudica ma che nella bocciatura delle opere più disparate trovava l’escamotage per ricordare a sé e ai propri lettori la necessità costante di prendere con le dovute riserve il testo dell’ultimo romanziere, la pellicola dell’ultimo cineasta, e lo stesso mestiere di critico e cultore dell’argomento.

Una bustina di Eco recuperata di recente, ispirazione per questo pezzo, ricordava che già Guido Almansi nell’86 lamentava la rarefazione della nobilissima arte della stroncatura – erano ancora gli anni in cui, sul Sole 24 Ore, scriveva il Mamurio Lancillotto di Cotroneo -, come segno di una svigorita moralità letteraria. L’Italia, come Paese cattolico, si è volentieri lasciata alle spalle i pezzi provocatori di Alberto Savinio sull’animazione occidentale e di Tommaso Landolfi su qualunque cosa gli capitasse sotto mano, quelle stroncature che finivano con un sorriso, ben accogliendo invece la musicalità un po’ conservatrice, un po’ nostalgica delle parole di Mollica: belli gli album degli anni duemila, non si dica che siano brutti, ma ve li ricordate Mina e Battisti al Teatro 10?

Era il ’72. Andava tutto bene. Perché? Perché chi guarda(va) DoreCiakGulp era la generazione del boom e quella ancora precedente, persone che hanno fatto una cernita dei ricordi più piacevoli della propria epoca e mal sopportano il nuovo, cercando sempre qualcosa della Roma felliniana, della Dolce Vita, all’interno del nuovo che si affaccia davanti ai loro occhi. Perché non ci induce(va) a ragionare: una cosa è bella perché è bella, ve li ricordate Celentano e Pippo Baudo su Rai 1?

Era tanto tempo fa. Liberarci di questo amico degli artisti, di questo piccolo circolo mecenatico che promuove tutti e invita alla concordia a tutti i costi – perché chi litiga quando in gioco c’è un’anteprima, un disco omaggio, un backstage? – può essere un primo passo per superare il do ut des del giornalismo paracritico italiano, che oggi tempesta un po’ tutti: avete letto le ultime recensioni di Gianni Canova? Meglio una vecchiaia di follie e deliri che arrivare alla senilità facendo una reverenza quando si incontra, non so, un Guadagnino a cui qualcuno dovrebbe invece rivolgere una sola domanda: quand’è che la smetti?

Continue Reading

In evidenza