Franco Nero e gli itinerari onirici di Angelus Hiroshimae

 “Questa città ci ha permesso di portare a termine il film Angelus Hiroshimae, in un momento in cui le risorse a disposizione erano poche e servivano le idee”.

L’attore Franco Nero è tornato all’Aquila per l’incontro inaugurale della stagione 2022-23 del Cinema Teatro Zeta, nel parco delle arti della frazione di Monticchio.

Un confronto moderato dal direttore artistico Manuele Morgese e dal critico cinematografico Piercesare Stagni che hanno ripercorso alcuni tra i momenti più importanti della carriera internazionale, in particolare il rapporto con registi come Luis Buñuel e Quentin Tarantino. “Quest’ultimo conosce tutti i miei film – ha ricordato l’attore – e nel suo Django Unchained, omaggio al mio personaggio del film di Sergio Corbucci, ha fatto di tutto per farmi fare una parte”.

Alla presenza del regista Giancarlo Planta, Franco Nero ha partecipato alla visione del film Angelus Hiroshimae. Il film, praticamente senza dialoghi, si apre con l’immagine onirica di un cacciatore, che in una mattinata nebbiosa dell’Aquila spara ad una misteriosa creatura simile ad un angelo. Tutta la vicenda è di fatto uno strano sogno di un uomo ancora incredulo per la morte del figlio in un incidente stradale. “Angelus Hiroshimae” è dedicato a Vanessa Redgrave, che ha perso la figlia a seguito di una caduta sugli sci. La colonna sonora è di Ennio Morricone.

Il film era stato girato nei luoghi del sisma prima del 6 aprile 2009. Dopo un anno, gli attori si ritrovarono nel capoluogo abruzzese per filmare un lavoro, “Tornando a L’Aquila”, che mostra la città prima e dopo la tragedia. E ora il film è accompagnato da un’epigrafe documentaristica. Lo stesso Stagni ha anche guidato un’escursione a Calascio e Santo Stefano di Sessanio, sul set di alcuni dei film più celebri girati in Abruzzo.

Giovedì 13 ottobre, a tal proposito, Andrea Lolli presenterà all’Aquila, all’Auditorium della Fondazione Carispaq il volume “Gran Sasso e Cinema”, una vera e propria “movie map” edita da Ricerche&Redazioni che racconta le maggiori produzioni cinematografiche girate in zona.

Articolo precedenteSalvo Nugnes presenta il suo nuovo libro su Frida Kahlo
Articolo successivoBlink 182: Tom DeLonge torna nella band e parte il nuovo tour
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.