Connect with us

Musica

Ecco Meltingpot l’alt rock dal cuore progressive dei Brandes: la nostra intervista

Fabio Iuliano

Published

on

“Avremmo voluto pubblicare il nostro primo album in un momento di normalità, liberi di poter brindare a questa data per noi storica, ma la gioia è stata sovrastata dal dramma di queste ultime settimane”. I milanesi Brandes vincono su Instagram l’imbarazzo di lanciare il loro disco d’esordio, frutto di mesi di studio e sperimentazione, in questo tempo sospeso.

Una band con la mente negli anni Duemila ma il cuore nel progressive e nell’art-rock, pur rimanendo freschi e immediati. Brani imprevedibili, arrangiamenti molto ricercati per esser realizzati da ragazzi così giovani, e infine la voce profonda del cantante Cut a fare da collante.

Registrato ai RecLab Studios (Buccinasco, Milano) nell’estate del 2019, “Meltingpot” esce ufficialmente oggi, dopo di settimane di “ghost release”. Un lavoro nel quale i cinque ventenni milanesi hanno voluto esprimere la necessità e il desiderio di essere ascoltati e compresi su più livelli: quello musicale, quello artistico e quello umano.

View this post on Instagram

20/03 🔥 #brandes #meltingpot

A post shared by Brandes (@brandes.music) on

Meltingpot è nato dall’istinto ma si è costruito poi pian piano con l’obiettivo di dare una forma strutturata a quelle che erano solo idee spontanee, brani nati senza schemi, avendo come unica linea guida la passione comune per l’alt-rock anni Novanta-Duemila. Il risultato è una tracklist caratterizzata da una significativa varietà stilistica nella quale si incontrano melodia e architetture strumentali complesse, linee vocali immediate e arrangiamenti sinfonici e orchestrali, sapore rock, sfumature lievemente progressive, art-rock e persino momenti in stile brit-pop.

Un melting pot, appunto, una mescolanza, un contenitore concettuale in cui ogni componente della band diventa un ‘ingrediente’. A fare da collante, infine, la voce profonda del cantante Cut (Ivan Cutolo) per un risultato finale stravagante e complesso.

I Brandes sono cinque ragazzi che scrivono musica poco ordinaria, poco da ragazzi, poco milanese. Si formano nel 2018 a Milano, accomunati da una grande passione per l’alt-rock ma il percorso tracciato successivamente comincia ad esplorare strade molteplici abbracciando le diverse influenze musicali di ogni membro. I Brandes sono Stefano Paiardi (chitarra), fondatore e anima organizzativa della band, Luca Brandes (tastiere), Alessandro Brunetti (basso), Ivan Dell’Anna(batteria) e Ivan Cutolo (voce).

La prima volta che conobbi Luca (il tastierista) – racconta Stefano, fondatore della band – mi presentò una suite da 13 minuti, lo guardai e gli dissi che la trovavo interessante ma che c’erano 10 minuti di troppo. Così abbiamo iniziato a lavorarci sopra e da allora continuiamo a farlo con la voglia di trovare un compromesso sapiente tra i nostri mondi. Dal punto di vista creativo, le dinamiche dei Brandes sono complesse: c’è chi ama la musica classica e chi il punk; chi è affascinato dalla nuova ondata della trap e chi invece la detesta. Ognuno di noi è attratto da qualcosa di diverso e se ci chiedessero che genere facciamo non sapremmo dare una risposta precisa: i nostri brani sono difficilmente categorizzabili e ci piace farci trasportare dalla loro stranezza ed imprevedibilità.

Il disco è stato anticipato dal singolo Divine Disorder: ispirazione proveniente dall’art-rock e da Jack White, dal pop sperimentale fino al prog-metal, riscoperti nella freschezza sonora della giovane band.

LA NOSTRA INTERVISTA. In primis, qualsiasi contatto non può prescindere dall’emergenza che stiamo vivendo in questi giorni delicati. Qual è la vostra prospettiva?

Certamente l’emergenza sanitaria attuale ha stravolto le abitudini di vita di tutti gli Italiani, specialmente quelle di noi musicisti. Se fai parte di una band poi, la questione si fa ancora più complicata. Le attività più basilari e necessarie per progredire come gruppo d’insieme vengono inevitabilmente a mancare, come il provare in sala e condividere poi i frutti del lavoro svolto con i fan tramite esibizioni live. E’ un momento difficile, che va affrontato col giusto senso di responsabilità – perché la salute viene prima di tutto – e con quel pizzico di ingegno e sforzo in più per far si che il progetto “Brandes” non si fermi . Attraverso lunghe videochiamate su Skype riusciamo a coordinare gran parte del lavoro che dev’essere svolto: ognuno di noi riceve i suoi compiti e li svolge individualmente da casa; che sia scrivere un assolo di chitarra per un nuovo inedito o annunciare con un post su Instagram la data d’uscita del nostro album.
Vogliamo inoltre cogliere l’occasione per esprimere il nostro supporto a tutti i musicisti che con l’hashtag #iosuonoacasa e con la loro musica, nonostante la distanza, ci fanno sentire più vicini. Infine, i nostri più calorosi ringraziamenti vanno a tutte le persone e gli addetti ai lavori che lottano ogni giorno per la nostra salute e quella di tutti i nostri cari.

Quanto avete dovuto rivedere della vostra attività live, anche legata alla promozione del vostro “Meltingpot”?

Purtroppo a causa di quest’emergenza, molti locali hanno cancellato o rimandato le programmazioni live perciò tutta la pianificazione del periodo primaverile/estivo è andate in fumo. Siamo coscenti della gravità della situazione e speriamo che il tutto si risolva al più presto, così da poter organizzare nuove date. Per quanto riguarda la promozione del disco rimarremo attivi sui social e cercheremo di avere un contatto diretto coi nostri fan anche in questo momento di difficoltà. Vedendo il bicchiere mezzo pieno, l’obbligo di stare a casa potrebbe portare ad un ascolto più attento ed elaborato dei nostri pezzi, il che ci farebbe molto piacere.

Le vostre canzoni sembrano percorrere tante strade dell’alternative rock, dalle ballate elettroacustiche ai suoni ripetitivi del punk, fino a sconfinare nelle suggestioni che ti aspetteresti legate al metal…

È proprio così! Mentre componevamo non ci siamo posti limiti e ricercando ciò che accendeva la nostra curiosità, siamo giunti a questo risultato. Fare alt rock nel nuovo decennio significa essere aperti all’idea di poter attingere da tutti generi del passato e della contemporaneità. Inoltre questa unione di influenze è dovuta ai diversi mondi musicali dai quali provengono i cinque membri del gruppo. Meltingpot, che è il nostro album d’esordio, è un vero e proprio viaggio alla ricerca dell’io musicale dei Brandes.

Come nascono i testi? Qual è l’ispirazione, letteraria o musicale?

I nostri testi nascono con l’intento di conferire orecchiabilità ad una base strumentale complessa e a volte disordinata. Sono ispirati alle melodie britpop/rock e sul piano lirico, per quanto diversi tra loro, trovano un punto d’incontro nella paura di non riuscire a lasciare il segno. Per citare un esempio: in “Quiet” , il conflitto interiore ci porta a riflettere su come sia importante perseverare nonostante le avversità e di non provare rancore nei confronti di chi ci circonda e ci giudica, perché è solo trovando l’equilibrio interiore che potremo mostrare al mondo ciò che siamo .
Come lingua abbiamo scelto di utilizzare l’inglese per la sua attinenza al genere e la sua maggiore musicalità.

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Musica

Per Riconoscersi: fuori il sesto album della band genovese En Roco

Si tratta di un disco politico, nel senso più alto del termine, che dà spazio al concetto di cittadinanza come partecipazione e responsabilità

Antonella Valente

Published

on

Si intitola “Per riconoscersi” ed è il sesto album degli En Roco. Per la prima volta nella
storia della band genovese, si tratta di un disco politico, nel senso più alto del termine, che
dà spazio al concetto di cittadinanza come partecipazione e responsabilità.

La cittadinanza come parte rilevante della vita di ciascuno, all’interno del proprio Io, della
comunità e del mondo. In tempi di grande difficoltà nel mantenere vivi i valori democratici – dati in precedenza per acquisiti – si è resa necessaria una presa di posizione sui principi che possano
garantire l’armonia e la condivisione nella società. Tuttavia, all’interno dell’album, si possono percepire tutte quelle contraddizioni umane e sociali che impediscono il raggiungimento di quell’obiettivo politico.

Il suono – nonostante una storia lunga vent’anni – rimane fedele a se stesso ma con
un’apertura maggiore alle influenze dei componenti del gruppo. I gusti di ognuno si fanno
sentire ma, senza espliciti accostamenti ad un genere, riescono armoniosamente a
confluire nello stile En Roco. Registrato live in 3 momenti distinti dell’ultimo anno e mezzo, l’album guarda tanto al periodo 90/2000 quanto a certe venature funk della fine degli anni ‘70, facendo emergere una sfumatura psichedelica di tanto in tanto.
Si tratta di un disco che condensa molto bene diversi aspetti e che risente in maniera
molto naturale degli ultimi 20 anni di storia e di musica.

Ascolta l’album

Gli En Roco nascono a Genova nel 2000. Una delle caratteristiche che inquadra fin dagli esordi la band è un’attitudine personale tanto timida e intimista quanto diretta e decisa, dalla quale trae forza ispiratrice un indie-pop acustico di matrice d’autore. Nel 2001 il gruppo, con Francesco Davi alla batteria e Virgilio Aristei al violino registra un demo-CD e, successivamente, inizia a muovere i suoi primi passi pubblicando un EP di 6 brani uscito per la genovese Marsiglia Records di Matteo Casari. È grazie a questo EP che il gruppo inizia a farsi conoscere in ambito indipendente. Questo lavoro, accolto in maniera molto positiva dalla critica, pone i presupposti per lo svolgimento di una buona attività dal vivo.

Sempre alla fine del 2001 gli En Roco si spostano a Roma per due settimane e registrano 15 tracce destinate a divenire, nell’ottobre del 2003, il loro debutto discografico sulla lunga distanza. Uscito per l’etichetta trevigiana Fosbury Records e distribuito da Audioglobe, il lavoro viene intitolato “Prima di volare via”. In seguito ad un cambio di organico, si creano i presupposti per iniziare un lungo tour, che permette alla band l’incontro con tanti musicisti di cui condividono gli intenti.
Nell’autunno del 2005 la band esce dal Greenfog Studio dopo la registrazione di “Occhi chiusi”, album uscito nel dicembre dello stesso anno. L’album, distribuito da Venus, contiene 13 brani dotati di una lieve, ma comunque più evidente, attitudine rock rispetto a “Prima di volare via”. Al suo interno, oltre ad una maggiore complessità a livello compositivo, si è voluto imprimere un differente impianto sonoro. Dal dicembre 2005 la band è occupata nella promozione del disco.

Ne scaturirà un tour di una quarantina di date. Nel giugno 2006 girano il loro secondo video, La notte si avvicina, con la regia di Fabio Luongo. Tra il maggio ed il luglio 2006 sono nuovamente in tour. Nel 2007 concludono una collaborazione con Richard Coldburn, batterista dei Belle&Sebastian. La canzone che ne è derivata è presente nel terzo album, Spigoli, registrato sempre al Greenfog studio di Genova da Mattia Cominotto. L’approccio è decisamente più elettrico rispetto al passato. Cecilia lascia il gruppo e si decide di rimanere un quartetto.

Parteciperà comunque alla registrazione di alcuni brani del disco. Nel dicembre del 2008 il gruppo ritorna sotto Fosbury/Audioglobe. Nei due mesi successivi si concretizza la possibilità di una collaborazione con Ghost PR per quanto riguarda l’aspetto promozionale. In seguito, a circa un anno dall’uscita di Spigoli, nell’aprile del 2009, tornano in studio per buttare giù le nuove canzoni (giugno-luglio 2010).

Il nuovo album “Né uomini né ragazzi” è uscito a novembre 2011. Il suono e le atmosfere più morbide si accompagnano alla scelta forte di tirarsi un po’ indietro, di tornare dentro se stessi, di moderare i toni. Leggerezza la parola d’ordine. Nel 2016 pubblicano per Dischi Soviet Studio L’ultimo Sguardo, un album che segna la fine di un percorso secondo la logica compositiva che ha contraddistinto l’attività musicale passata. L’album è diviso in due sezioni (brani risalenti agli anni ’90 e altri di nuova composizione). Vengono coinvolti, tra gli altri, Amerigo Verardi, Lori Goldston (musicista e compositrice già al fianco di Nirvana, Earth, David Byrne, Parenthetical Girls, Dead Science, Black cat Orchestra), Gionata Mirai, Deian e Tristan Martinelli e altri.

Alla realizzazione grafica contribuiscono otto illustratori producendo ciascuno una copertina sul tema dell’ultimo sguardo. Oggi nel 2020 dopo vent’anni di attività gli En Roco si rinnovano nel sound, nell’attitudine musicale, nella omposizione e negli arrangiamenti, vissuti e interpretati in modo più corale. Le registrazioni live in studio di pochi brani per ogni sessione garantiscono concentrazione e varietà sonora pur in un contesto di generale coesione di pensiero e musica. È un disco intimo e politico nel senso più alto del termine, che vede contrapporsi il bisogno di identificarsi in una comunità di persone con cui condividere bellezza e valori, e l’estrema solitudine e mancanza di senso che contraddistinguono i nostri tempi. C’è rabbia e disillusione, ma si sta in piedi ugualmente con pervicacia.

Continue Reading

Musica

Online il videoclip del singolo “Come una Stella” della cantautrice Barbara Cavaleri

In “Come una Stella” la voce della cantautrice diventa un’arma potente, il sound elettronico la accompagna dolcemente senza mai prendere il sopravvento

Antonella Valente

Published

on

Da oggi, mercoledì 1° aprile, è online il videoclip ufficiale del singolo “Come una Stella (ft. Ferruccio Spinetti e Lele Battista)” della cantautrice Barbara Cavaleri, title track dell’album “Come una Stella – Novastar” (LoopMusic), disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download. Produzione artistica di Fabio Mecuri e Simone Pirovano, distribuito da Beatrising.com.

In “Come una Stella” la voce della cantautrice diventa un’arma potente, il sound elettronico la accompagna dolcemente senza mai prendere il sopravvento. Nel videoclip la protagonista tenta di liberarsi dai suoi alter ego che con i loro tentacoli cercano di allontanarla da quella che è la sua parte più umana.

«Come una stella è la canzone che dà voce alla parte più umana del disco, oltre che dargli il titolo – spiega Barbara Cavaleri – La Donna protagonista del concept album è ora in aperto dialogo con tutte le sue nemesi, presenze talvolta rassicuranti, talvolta per niente. “Lasciami qui, voglio restare, non cerco lotte o vanità, ma respirare”, una preghiera, quasi, in cui la Donna si trova faccia a faccia con i suoi obblighi e le sue prospettive, quelle che le fanno scegliere di essere integra e coerente con se stessa e con i suoi principi interiori: rimanere legata alla parte più umana del sè».

La regia del videoclip è di Federico Cadenazzi aka Mario Gooseman, con il contributo delle Make – Up Artist Mara De Marco e Paola Crudo. Il video è stato girato a Milano nel “Controluce studio”.

Barbara Cavaleri comincia il suo percorso studiando e cantando in diversi ambiti (classica, pop, gospel, soul, jazz, performing arts). Come interprete, pubblica il suo primo album “Ad un passo dal sogno” nel 2007 (Lagash-Edel- Bollettino Edizioni). Finito il tour promozionale, scrive per Ray The Project e collabora con Ugo de Crescenzo e Marcello Testa; l’album “Someone’ Speaking” viene pubblicato in Europa e Giappone e promosso in UK (Casaluna Records, Emi Edizioni 2008).

Dal 2008 al 2011 si stabilisce a Londra dove continua a collaborare con realtà folk locali, si esibisce su diversi palchi della città, studia alla Goldsmiths University e scrive il suo nuovo lavoro. Nel 2014 pubblica “So Rare”, suo disco da cantautrice, prodotto da Leziero Rescigno (La Crus, Amor Fou, Mauro Ermanno Giovanardi). Barbara è la voce e l’autrice del progetto elettronico “GENTLE EYES IN THE GLOOM” (2019, Prismopaco Records). Collabora al progetto di Alex Cremonesi, “La prosecuzione della poesia con altri mezzi” (Riff Records, 2019).

Lavora come autrice di testi e melodie in ambito cinematografico e nell’ambito del VoiceOver. La voce rimane il suo primo strumento creativo, messo a disposizione anche nell’ambito dell’insegnamento della produzione vocale, e di musica e canto presso diversi istituti e accademie nazionali. Il 28 gennaio è uscito il suo concept album “Come una Stella – Novastar”.

Continue Reading

Musica

Jack Savoretti: in uscita domani “Andrà tutto bene”, prima canzone in italiano nata su Instagram

Il singolo è nato in una sessione di scrittura live su Instagram insieme ai suo fan italiani durante la prima fase di blocco totale in Italia.

Antonella Valente

Published

on

Jack Savoretti pubblica giovedì 2 aprile “Andrà tutto bene”, il suo primo brano in italiano. Il singolo è nato in una sessione di scrittura live su Instagram insieme ai suo fan italiani durante la prima fase di blocco totale in Italia.

“La risposta dell’Italia a questo evento – dice Jack Savoretti – ha aperto la strada al mondo mostrando unità e bellezza in tutte le circostanze”.

Jack ha registrato il brano a casa, nel suo studio sulla traccia prodotta da Cam Blackwood, gli archi sono arrangiati ed eseguiti da Davide Rossi e mixati da Daniel Moyler, tutti da remoto.

I proventi derivati dal brano verranno devoluti interamente all’Ospedale Policlinico San Martino di Genova per il progetto #genovapersanmartino,in prima linea nella lotta contro il COVID-19. L’Ospedale si sta dedicando all’aumento di posti letto dedicati al reparto di Malattie Infettive, sta allestendo nuove aree di terapia intensiva e di pronto soccorso, sta acquistando continuativamente dispositivi di protezione individuale e assumendo medici, infermieri e operatori sanitari, oltre a supportare la ricerca per curare questa malattia. (https://www.ospedalesanmartino.it/sostienici/donazioni.html). Sarà inoltre possibile effettuare una donazione diretta all’Ospedale San Martino tramite bonifico bancario  indicando i seguenti estremi:

INTESTAZIONE: IRCCS Ospedale Policlinico San Martino

IBAN: IT02Y0617501594000002390480

Causale: Andrà tutto bene #genovapersanmartino

Codice SWIFT per donazioni dall’estero: CRGEITGG

“Siamo lusingati dalla scelta di Jack di supportare con questa inedita iniziativa il nostro progetto – dichiara il Direttore Scientifico dell’Ospedale Policlinico San Martino Antonio Uccelli – conosciamo il suo profondo attaccamento a Genova, ai suoi abitanti e alle sue realtà e non possiamo che ringraziarlo, sperando presto di ospitarlo qui in Ospedale, una volta terminata questa emergenza, per mostrargli le strutture ed entrare nel merito dei progetti che finanzieremo con il ricavato derivante dalla vendita della canzone”.

In questi giorni in cui tutti trovano modi alternativi di comunicare e di tenere vivo lo spirito di unione, anche solo per avere pochi minuti di distacco dalla realtà, Jack Savoretti ha scritto questo brano in italiano dall’Inghilterra insieme ai suoi fan e guidato dal pianoforte.

il brano nasce proprio dai suggerimenti che i fan italiani hanno dato all’artista, strofe, passaggi, modifiche. “Andrà tutto bene” è un brano scritto da tante mani virturali, che si sono unite con l’unico scopo di prendere parte al sentimento che al momento unisce tutto il mondo.

Ognuno di noi si può rispecchiare in loro e sentirsi parte del progetto, una canzone creata da tutti per tutti.

Continue Reading

In evidenza