Connect with us

Interviste

Dog Eat Dog segna il ritorno di Pino Scotto: il rock è attitudine ma internet è un mare di merda. Vi racconto il Monsters of Rock del ’92…

Autentica leggenda del rock tricolore, e persona vera (molto) prima ancora che personaggio, il 27 marzo Pino Scotto torna con un nuovo album “Dog eat Dog” e la solita voglia di spaccare il mondo

Domenico Paris

Published

on

Autentica leggenda del rock tricolore, e persona vera (molto) prima ancora che personaggio, il 27 marzo Pino Scotto torna con un nuovo album “Dog eat Dog” e la solita voglia di spaccare il mondo. In questi drammatici giorni di emergenza e forzata reclusione che stiamo vivendo, lo abbiamo raggiunto telefonicamente per farci raccontare le sue sensazioni alla vigilia di questo ennesimo capitolo discografico della sua carriera. Ecco che cosa ci ha detto.

Dopo “Eye For An Eye” un altro full-lenght interamente cantato in inglese. Ci spieghi il motivo di questa scelta?

Da un po’ di tempo sono tornato a sonorità hard rock più rootsy rispetto alle sperimentazioni presenti nei miei album solisti cantati in italiano. Diciamo che, in qualche modo, è un processo che si è innescato a partire da “Live For Dream”, anche se lì i brani erano eseguiti live e quelli in inglese si alternavano con quelli cantati in italiano.

A chi è rivolto l’invito a non sprecar tempo del primo singolo “Don’t Waste Your Time”?

Dietro questa canzone c’è una storia personale molto delicata e, purtroppo, anche, in qualche modo, legata alla triste quotidianità che stiamo vivendo da quando è cominciata l’emergenza legata al Coronavirus. Diversi mesi fa andai a fare dei controlli medici perché da oltre un anno soffrivo costantemente di alcuni sintomi riconducibili a quelli influenzali. Per fartela breve, da alcuni referti sembrava che io avessi un tumore. Capirai come un timore del genere inneschi delle riflessioni sulla vita di un certo tipo. Non che io ne abbia mai sprecata molta, sia chiaro, però di fronte a questo possibile baratro mi è venuto naturale scrivere una canzone così, che vuole incoraggiare la persone a non rimandare mai a domani quello che si può fare oggi. E ci tengo anche a dire che, dopo la morte di Lemmy, facevo già determinate riflessioni e ho cercato di modificare certi aspetti eccessivi del mio stile di vita.

Come mai hai deciso di recuperare in questo album “Don’t Be Looking Back” dei Vanadium?

È stata una cosa piuttosto casuale. Stavamo iniziando le registrazioni e i ragazzi hanno cominciato a suonarla per “spezzare il fiato” in studio. A quel punto, siamo andati fino in fondo e, beh, è venuta fuori molto bene fin dal primo take e ho deciso di tenerla per la setlist finale.

Dell’ellepì sei anche il produttore (coadiuvato nel missaggio da Tommy Talamanca). Si tratta di una scelta legata a particolari esigenze di suono che hai pensato di poter soddisfare soltanto mettendoti in prima persona dietro la consolle? E, più in generale, come ti poni rispetto alle produzioni di oggi? Ti sembrano ancora “attitudinali” come un tempo o riscontri un deciso impoverimento di personalità in tal senso?

Faccio una doverosa premessa: scegliere di prodursi da soli comporta assumersi non solo oneri e onori, ma anche avere la piena consapevolezza che tutto dipende da te, che il risultato finale di quello che incidi è tutto sulle tue spalle e dopo non puoi prendertela con nessuno. Detto questo, aggiungerei che, da sostenitore assoluto dell’analogico rispetto al digitale, mi piacerebbe tanto che si tornasse indietro con certe scelte di produzione. La musica di oggi ha perso completamente l’anima, basti pensare a quelle odiose batterie triggerate che sembrano uguali in tutti i dischi e che, alla prova del nove del live, si rivelano pietosi escamotage da studio per molti strumentisti. Questo, bada bene, avviene anche nell’heavy metal che troppi si ostinano a credere ancora un “territorio incontaminato” da certi trucchetti. Quindi, senza troppi giri di parole, io dico “vaffanculo” a tutti i discografici che impongono tutto questo. E parlo assolutamente a ragion veduta, perché non una sola volta mi sono trovato ad ascoltare o selezionare batteristi che su un palco mancavano completamente di groove, che non avevano neanche un’impronta basilare di blues nel loro bagaglio. Bravissimi magari ad andare a cento all’ora, ma completamente sprovvisti di “tocco”. E quando il risultato è questo, quando manca il groove, la definizione di certe performance è solo una: merda.

A proposito di attitudine: tu che per tutta la tua vita hai lavorato in una fabbrica e sofferto pur di mantenere la tua integrità artistica e la tua libertà di pensiero, che ne pensi di tutti quei ragazzi che vogliono bruciare le tappe attraverso i talent o i reality?

Che questa roba è solo fumo negli occhi, non serve a un cazzo. Basti pensare che in una ventina d’anni talent e reality non hanno mai prodotto niente di duraturo, neanche un artista in grado di reggere la prova del tempo (che è l’unica vera cosa che conta nella musica). Senza sacrificio, senza l’esperienza della cantina, soprattutto, non si va da nessuna parte! Non ci si deve fidare di chi dice e promette il contrario. E poi bisogna evitare la presunzione, un male che attanaglia molti giovani di questi tempi. Io ascolto tutto quello che i ragazzi mi mandano e delle volte ho a che fare con delle persone che mi verrebbe da definire “disturbate”, che non hanno raggiunto neanche un livello di qualità appena sufficiente per esibirsi o registrare un demo e già credono di essere pronti a sfondare. Meglio non fare nomi… E poi, amici, ci vuole la passione per questo mestiere! Io, a settanta anni suonati, quando salgo su un palco, provo ancora le stesse identiche vibrazioni che provavo quando ne avevo diciassette. Se nella vita non hai passione per quello che fai, per qualsiasi cosa che fai, i risultati non arriveranno, garantito.

Nel corso della tua ormai lunghissima carriera ti sei costruito una fanbase sempre più ampia e variegata. Qual è l’obiettivo di “Dog Eat Dog” in questo senso?

È quello di sensibilizzare le persone verso certi grandi temi sociali, verso i grandi abusi di cui tutti, chi più, chi meno, siamo vittime. C’è bisogno di redenzione, come suggerisco in questo album con “Before It’s Time To Go”. E bisogna combattere, far sì che le promesse che ci vengono fatte vengano per una buona volta mantenute. In “Ghost Of Dead”, una traccia dalla forte impronta trash, parlo per esempio della ricerca di successo da parte dei poveri, che quasi sempre ha risultati nefasti e si risolve in una bolla di disperazione. Più in generale, comunque, il disco vuole essere un invito ad essere mentalmente aperti, oggi più che mai, e credo si evinca anche dalla ricchezza di ispirazioni musicali che lo caratterizza. Per me è stato un autentico viaggio attraverso tutta la musica che ho amato in questi anni, dal metal all’hard rock, dal progressive al rock and roll: nei solchi di “Dog Eat Dog” c’è tutto, l’ho concepito con la ricettività mentale con la quale si realizzavano i grandi dischi degli anni Settanta, un’epoca in cui ci si lasciava permeare da tante suggestioni con uno spirito libero, propositivo, quello che ha dato origine ai grandi capolavori che ascoltiamo ancora oggi a distanza di mezzo secolo. Ecco, spero di essere riuscito ad avvicinarmi a questo, di aver mantenuto sempre questo tipo di libertà creativa.

Internet e musica secondo Pino Scotto: ha contribuito a “distruggerla”, come sostengono in molti, o può rappresentare, con il suo canale diretto verso gli ascoltatori, anche un’opportunità di esprimersi più liberamente?

Secondo me, dopo i primi tempi in cui internet alimentava la speranza di essere più liberi, è diventato tutto un gigantesco contenitore di merda, come i reality e i talent, d’altronde (sarebbe interessante sapere quanti dei protagonisti di questi ultimi, dopo aver preso coscienza della vacuità di queste “opportunità” di fama immediata, sono stati costretti ad andare in analisi!). La rete credo possa essere un mezzo buono per coloro che godono già di un loro buon seguito, ma non certo per chi deve emergere. Per questi ultimi è anzi molto dannoso, perché è diventato tutto un gran casino, riempito da troppe cose in mezzo alle quali si fa fatica ad orientarsi anche solo un minimo. Magari avrà fatto bene alla scena trap, ma, fidati, per il rock internet è stato nefasto.

Alla tua età, come ci si prepara ad un tour lungo come quello che affronterai per supportare dal vivo questa tua ultima fatica? Ti servi di un vocal coach, hai qualche segreto particolare?

Ma quante cazzate che tocca sentire, di questi tempi! Mai avuto un vocal coach o robe di questo tipo. Io il mio tempo l’ho sempre usato per divertirmi e per fare quello che volevo. Io non ho consigli da dare, quando mai! Se magari soffri di un’infiammazione, potrei suggerirti di usare un po’ di erisimo, la cosiddetta “erba dei cantanti”, un rimedio naturale certamene molto utile. Ma se i problemi non sono quelli, l’unica cosa che mi sento di dire a chi deve affrontare il palco e si fa cento scrupoli è la seguente: mettiti un dito in culo e canta! Tra l’altro, da quando ho adottato uno stile di vita più salutare dopo la morte di Lemmy, mi sento incredibilmente in forma. A me di certo non pesa l’età, io amo il rock and roll!

La formazione che ti accompagnerà nei live quale sarà?

Steve Volta alla chitarra, Davor Juric al basso e Luca Mazzucconi alla batteria. Ti assicuro, davvero una gran bella line up, ne sentirete delle belle.

Che ascolti oggi e, soprattutto, ritieni esistano delle premesse, storiche e sociali, per le quali a breve termine si possano ricreare le condizioni per veder rinascere una qualche scena rock nella quale un ragazzo di questa epoca possa identificarsi?

Sono anni, ormai non so più quanti, che vado predicando in ogni modo questo: “Torniamo al blues”. Solo ripartendo dalle origini si potrà pensare di riscrivere la storia della musica che verrà. Il metal, per dire, fino a un certo punto ha anche funzionato, ma poi… Poi è sparita la melodia, sono sparite le voci, è sparita la musica. È diventato tutto un bordello, come l’hip hop o il rap. Io ero un amico di Lemmy e quando ci trovavamo a discutere dell’argomento, la conclusione era sempre la stessa: è rock and roll, non c’è niente da inventare. Bisogna solo tornare indietro alle proprie radici e faccio presente, dal mio punto di vista, che un’operazione di questo tipo non si deve aspettare che venga fatta necessariamente da qualcuno che viene dall’America. Possiamo farla anche noi italiani e credo anche meglio degli altri!

Tra i tanti, puoi raccontare ai nostri lettori un aneddoto particolare e citare un riconoscimento che più ti ha inorgoglito in questi oltre cinquanta anni di musica?

Vediamo, non è facile come potrai immaginare (ride, ndr)…Allora per quanto riguarda il riconoscimento, ti racconterei una storia del Monsters of Rock del 1992 di Reggio Emilia. Stavo promuovendo il mio primo album da solista ed ero inserito in un cartellone fantastico con Iron Maiden, Black Sabbath, Megadeth, Testament e Pantera. Alla fine della mia esibizione, nell’area riservata del festival, mi viene incontro con una di quelle cartoline pubblicitarie che si utilizzavano al tempo nientemeno che Ronnie James Dio! Immaginate la scena: uno dei più grandi cantanti di tutti i tempi con la tua cartolina pubblicitaria in mano che è lì per chiederti un autografo! Ricordo che lo abbracciai fortissimo e lo ringraziai per il pensiero e per l’onore che mi stava facndo. Rest in rock, grande Ronnie! E, rimanendo sempre a quella fantastica esperienza in terra emiliana, citerei il seguente aneddoto di cui fui testimone: avevo il camerino vicino a quello dei Pantera e c’era Dimebag “Diamond” Darrell completamente fuori di testa che vomitava qua e là e apparentemente non era in grado neanche di reggersi in piedi. Arrivano quelli dell’organizzazione per chiamare in scena la band americana e lui, come per magia, si riprende in un nanosecondo, va sul palco e suona da paura di fronte a quella marea di persone. Grandioso! Per dire cosa è la potenza del rock… Amavo molto i Pantera e Darrell era un gran bravo ragazzo. Il suo assassinio mi ha sconvolto profondamente, è stata una tragedia enorme.

Una domanda conclusiva di triste attualità: che idea ti sei fatto di questa epidemia di Coronavirus che sta sconvolgendo le nostre quotidianità e quali conseguenze avrà sulla nostra società?

Il problema fondamentale è che i potenti di questo paese hanno ben pensato di sputtanare i soldi della sanità, ecco perché siamo in questa terribile emergenza! C’è poco da fare, adesso: dobbiamo stare in casa e sperare che si riesca a debellare il virus il prima possibile. Su quello che succederà dopo, è difficile fare ipotesi. Come pure non sento di esprimermi al riguardo delle tante teorie complottiste che si leggono dovunque in questi giorni. Speriamo che questo incubo finisca al più presto.

Interviste

Deborah Iurato: “Ma cosa vuoi”, la mia svolta artistica per credere nei sogni

Avatar

Published

on

By

Intervista a cura di Giulia Antenucci

Si intitola “Ma cosa vuoi”, il nuovo singolo di Deborah Iurato, vincitrice della tredicesima edizione di Amici. Un inedito in cui la giovane autrice canta la sua svolta personale, non solo da una prospettiva artistica ma anche da un punto di vista maggiormente emotivo e autobiografico. Il cambiamento non spaventa più, tutt’altro: sembra fatto esattamente su misura per lei, per Deborah, e per ognuno di noi.

In questo lungo periodo ho cercato e ricercato me stessa, provavo a scrivere qualcosa che mi appartenesse e sentivo il bisogno di trovare la mia dimensione dimenticandomi di tutto il resto

“A volte ci perdiamo per ritrovarci, cerchiamo sempre di liberarci dal peso delle cose quando invece basterebbe solo seguire il ritmo giusto per vibrare

Parliamo di questo tuo nuovo singolo, come è nato? E’ per te una svolta?

Questo nuovo singolo nasce durante il periodo di lockdown, che mi è servito parecchio per acquisire maggiore consapevolezza di me stessa. Diciamo che è nato anche un po’ per caso. All’inizio girovagavo per casa tra divano, serie tv su Netflix, cucina, poi ho iniziato a scrivere quasi per una voglia che mi è nata e per capire se le mie emozioni e i miei pensieri potevano portare a qualcosa di utile. E così è stato. “Ma cosa vuoi” parla del conflitto tra uomo e donna; mi piace pensare che nonostante gli scontri quotidiani presenti in un’unione, se poi si è davanti a un vero sentimento tutto si supera.

Come hai vissuto il lockdown?

Molto positivamente. All’inizio, più che altro la prima settimana, è stato un po’ preoccupante e inaspettato, a tratti assurdo. Poi ho cercato di prendere il lato positivo di questa situazione e mi sono concentrata molto sulla scrittura. Al di là di ciò, ho vissuto tutto quello che poi mi circondava, magari facendo più attenzione a una telefonata o a una conversazione con una mia amica piuttosto che con la famiglia. Questo periodo mi ha aiutato a capire i valori della vita. L’importanza di sentirci più vicini nonostante la distanza. Ti racconto un aneddoto: una sera, per le 10, dopo aver finito di cenare ho aperto le finestre di casa e una signora, dall’altra parte del palazzo, mi ha salutato. È stato molto bello perché, se fosse stato in un altro periodo, forse non sarebbe accaduto o non avrebbe avuto lo stesso peso e lo stesso valore di ora.

Quanto ti ha aiutato la musica nel pensare che questo periodo sarebbe stato solo un brutto ricordo?

Come sempre, è stata parte importante della mia vita. In questi mesi ha ovviamente avuto maggiore peso perché in ogni singolo minuto della giornata c’era o la tv accesa o una playlist su Spotify. La musica è stato il pilastro portante di questo momento.

Parliamo del videoclip del tuo nuovo brano, interamente girato con un drone…

Il video è stato diretto da Andrea Occhipinti a Comiso, piccola città in provincia di Ragusa dove sono nata e dove ho vissuto cinque anni durante le superiori. Ho molti ricordi e amici in quel posto. L’idea del drone: sono sempre stata affascinata da questo oggetto che riesce a volare così in alto e a riprendere le bellezze di un posto che a volte diamo per scontate. Sono siciliana e ritornare e sentire il profumo della mia terra, rivedere la famiglia, gli amici e il mare è stata un’emozione che non provavo da tempo. Forse perché non gli ho mai dato il giusto valore come ora.

Ti conosciamo per la tua vittoria ad Amici, qual è il ricordo più bello di quella esperienza?

L’esperienza ad Amici la porterò sempre nel mio cuore. Ci ho messo l’anima, il cuore e mi sono divertita tantissimo. Ovviamente ci sono stati anche momenti difficili, però la ricordo come se fosse il primo amore. Sai, quando ci ripenso mi vengono un po’ le farfalle allo stomaco. Ho conosciuto persone incredibili come Maria. Ricordo quando ho iniziato a duettare con alcuni grandi artisti avendo l’opportunità di chiacchierare con loro. Mai avrei pensato di incontrare Anastacia, Giorgia e tanti altri artisti.

Capitolo Sanremo: hai avuto un grande successo col brano portato con Giovanni Caccamo. Quali sono le emozioni e i ricordi di quel periodo?

Di Sanremo ho solo ricordi super. Quei giorni non ti fermi un attimo, sono intensi ma allo stesso tempo volano. Le stesse emozioni che provi, come paura o adrenalina, sono difficili da spiegare. L’esperienza l’ho vissuta a pieno, mi sono goduta ogni minuto del festival. Aver avuto accanto un amico come Giovanni mi ha aiutata molto, è stata una buona spalla su cui appoggiarmi. E poi anche il pezzo che ci è stato regalato da Giuliano Sangiorgi è stata un’emozione unica. Mi piacerebbe tornare su quel palco. Non so quando ma non lo escludo in futuro.

Dopo l’emergenza sanitaria la musica continua a vivere un periodo di stop che ha coinvolto tutto il settore dello spettacolo. Qual è, secondo te, la ricetta migliore per farlo ripartire?

Mi manca molto non poter salire su un palco e, al di là del fare il concerto in sé, mi manca tutto il contorno, le persone che lavorano con te, la gente che viene a vedere i concerti, magari quell’abbraccio, quel sorriso, il cantare insieme. Ho quella malinconia e quella tristezza di non poter suonare. Ritorneremo più forte di prima, magari non all’inizio,faticheremo a dare un abbraccio, a essere più calorosi, piano piano tutto tornerà come prima.

Qual è il tuo più grande sogno nel cassetto?

In realtà di sogni ne ho realizzati molti, da Amici a Sanremo, ho aperto il concerto di Laura Pausini che è un’artista che stimo tantissimo, sono cresciuta con i suoi pezzi quando ero più piccola e continuo ad ascoltarli tutt’ora. Sogni ne ho realizzati molti, ma questo non significa che non ne abbia altri: sono una persona molto concentrata su quello che faccio, ci metto molta energia, mi piace vivere l’attimo e godermi il momento. E in questo preciso momento sono molto entusiasta e felice di questo percorso cantautorale che ho intrapreso. Mi godo questa esperienza.

A chi dedichi questo singolo o questo tuo nuovo percorso?

A mio padre che non c’è più. E’ stato lui che ha fatto che sì che io potessi raggiungere il mio obiettivo: i miei genitori sono stati sempre al mio fianco, sin dall’inizio, da quando avevo cinque anni e già cantavo. Hanno fatto sempre parte di questo mio sogno musicale, quindi diciamo anche ad aprile è uscito un pezzo, che non è stato un singolo ma un’introduzione a questo nuovo percorso che si chiama “Supereroi” ed è lì che dico: il mio supereroe più grande è ovviamente mio padre!

Continue Reading

Interviste

Gran Galà del Teatro a Pescara. L’intervista al regista Milo Vallone

Alberto Mutignani

Published

on

Sta ricominciando a prendere forma la stagione teatrale abruzzese, tra spettacoli nazionali e le tantissime iniziative del teatro locale. Il 10 agosto, a Pescara, in occasione della notte di San Lorenzo, andrà in scena la prima del “Gran Galà del Teatro – La sostanza dei sogni”, proposto dall’Ente manifestazioni in collaborazione con gli assessori Maria Rita Paoni Saccone e Alfredo Cremonese.

Tanti i nomi del panorama pescarese che parteciperanno all’evento: Tiziana Di Tonno, Franca Minnucci, Luigi Ciavarelli, Giò di Tonno, Massimiliano Elia, Domenico Glasso, Elia Iezzi, Giampiero Mancini, Mario Massari, ‘Nduccio, Edoardo Oliva, Marco Papa, Silvano Torrieri e Milo Vallone, che firmerà anche la regia. Con Vallone abbiamo chiacchierato proprio di questo grande evento, ma anche di quarantena, letteratura e delle sue esperienze con il cinema.

Durante la quarantena molti artisti si sono reinventati su internet. Ti abbiamo seguito durante la lettura del quaderno dei pensieri e delle parole, ci racconti com’è nata l’idea?

Diciamo che è stata più una necessità. Vivo in campagna e per me è una condizione di privilegi, perché quando mi ritiro a casa mi piace poter respirare il silenzio, il riposo. È accaduta questa sciagura del coronavirus e dopo un paio di settimane ho iniziato a parlare con gli utensili. La solitudine, che è una condizione di privilegio quando la cerchi, quando è forzata apre naturali spazi di dialogo, di esternazione di ciò che la propria interiorità assorbe. Mi sono sentito un po’ come Tom Hanks in Cast Away, infatti giocando ho rinominato il mio pallone “Wilson”. Ho girato il primo video pensando che sarebbe stato un video unico, non l’inizio di una serie. Come sempre le cose nascono perché c’è un feedback, c’è un entusiasmo dall’altra parte. Già al quarto video hanno iniziato a inviarmi poesie o espressioni in prosa. È stata una compagnia per loro ma lo è stata anche per me, perché mi costringeva a dover leggere, a impegnarmi, a rispettare una puntualità.

Se dovessi usare uno soltanto degli estratti presenti nel quaderno, quale sceglieresti per raccontare la quarantena?

Li indicherei tutti, visto che hanno rappresentato delle tappe fondamentali del periodo vissuto. Dovendo proprio scegliere, te ne direi almeno due: un monologo di Marcello Mastroianni, in quel capolavoro che è Otto e mezzo di Fellini. È una bellissima pagina di letteratura cinematografica, sintetizza il lato più importante dal mio punto di vista di tutta la vicenda, che è l’accettazione e nello specifico l’accettazione dell’altro. Ho provato tante volte delle sensazioni di disturbo verso i social, che sono dei supermarket dell’opinione. Trovo sempre violento quando un atteggiamento critico assume una saccenteria castrante verso le libertà dell’altro; il secondo brano è più sociale, è una poesia di Trilussa che avevo già presentato sul mio diario personale e che raccontava alla perfezione, in tempi non sospetti, certe forme ben precise di ipocrisia, per cui stringendo il campo non potevano che essere almeno queste due.

Come sta andando la ripresa degli spettacoli in Abruzzo? C’è la risposta del pubblico in cui speravate?

In primavera temevo che fosse compromessa seriamente la stagione estiva, in termini non solo economici ma anche di lavoro. Chi fa questo mestiere ha bisogno di tenersi allenato, quindi c’era la necessità di tornare in scena, di affrontare il pubblico. Per fortuna quella stagione che sembrava molto compromessa in realtà è particolarmente intensa, con le ovvie differenze rispetto al passato per via del distanziamento: uno spettacolo che stiamo portando avanti, itinerante nei vari borghi, prevede la presenza di 10 spettatori alla volta, che poi si danno il cambio con gli altri, per cui spesso replichiamo anche decine di volte. È una sorta di termometro per capire cose che in una normale routine legata al mondo dello spettacolo, un modo di rimettersi in gioco e chiedersi se il pubblico ha davvero bisogno di quello che proponiamo.

Il 10 agosto ci sarà il Gran Galà del teatro che vedrà la tua regia e la partecipazione di numerosi attori abruzzesi. Com’è nata questa collaborazione?

Noi del mondo dello spettacolo ci siamo sentiti un po’ abbandonati, soprattutto essendo consci della necessità dell’arte e vedendo che attorno a noi si parlava di tutte le categorie da aiutare eccetto quella teatrale. Scrissi una lettera aperta al ministro Franceschini e come me tanti altri colleghi in Italia. Da lì è nata una sinergia che ha portato ad ECUA (Enti Culturali Autonomi) con l’hashtag #NessunChiuda, mettendo insieme tanti allestitori, produttori e protagonisti dello spettacolo, cercando una linea comune che è stata abbracciata da tutti. Da questo confronto sono nate diverse amicizie e alcuni progetti: uno è lo spettacolo itinerante di cui parlavo prima, e poi questo spettacolo del 10 agosto.

Di che si tratta?

È una union, più che una reunion, visto che non siamo mai stati tutti insieme prima d’ora. Il criterio è stato quello di scegliere i volti più rappresentativi per i vari generi che andavamo ad affrontare: c’è il doppiaggio, il musical, ci sono gli attori in prosa e i comici locali. Lo spettacolo sarà sostanzialmente un avvicendarsi sul palco di nostre performance raccontando il territorio su due fronti: da un lato attraverso la serata dedicata ai desideri per eccellenza, la notte di San Lorenzo, per cui una parte dei contenuti saranno volti alle speranze, ai desideri. Un’altra parte di scelta dei testi invece è volta alla riscossa, alla resilienza, che è un termine abusatissimo però serve per raccontare lo scatto che è giusto fare sia per il peridio storico che stiamo vivendo sia perché ci troviamo questo tatuaggio che vede in noi abruzzesi non solo la gentilezza ma anche la forza.

Pensi che agire a livello locale con il proprio teatro possa aiutare la comunità a sollevarsi dal clima teso di questi mesi?

Assolutamente sì. Il teatro, che a me piace definire il “cugino della vita”, ha delle magie che mettono in condizione per forza l’essere umano a delle forme reattive, non solo in senso liberatorio ma anche come forme costruttive. Molti terapeuti consigliano il teatro: è una grande riscoperta di sé, oltre ad essere, come il cinema, un’arte complessa. Quando si costruisce anche un semplice dialogo si è costretti a doversi relazionare. Si è costretti a dover dare il meglio di sé all’altro e all’altro si chiede di fare lo stesso. Questo si riflette chiaramente anche sulla platea, ma è così dall’alba dei tempi. Non a caso dicevo che il teatro è “cugino della vita”, perché ha la capacità di solleticare, schiaffeggiare, stimolare certe parti di una persona, da sempre, quindi figuriamoci in un periodo come questo.

Negli anni ti sei occupato anche di cinema. Ci sono progetti in cantiere su quel fronte?

Io dico sempre che il teatro è mia moglie e il cinema è l’amante. E l’amante richiede particolari attenzioni, bisogna frequentarla ma con una certa segretezza. Tra le mie esperienze cinematografiche c’è una creatura che ha fatto appena in tempo a vedere la luce e che poi è stata portata subito in incubatrice: “Nemici”. È una commedia che già dal titolo fa il verso a quell’Amici condotto da Maria De Filippi, e riflette proprio su come questi reality e talent show siano entrati nella nostra vita e in qualche modo la condizionino. L’abbiamo girato e ambientato interamente in Abruzzo, per questo ho voluto che l’anteprima fosse qui. L’idea era quella di presentarlo col vestito da festa il 2 aprile a Roma, per una prima nazionale, e poi da lì far prendere al film la sua strada, cosa che è stata impossibile per il virus. Speriamo in autunno. Nel frattempo ho altri progetti: c’è il mio “Cineprosa” che è l’incastro tra i linguaggi cinematografici e teatrali, per cui in alcuni miei spettacoli la narrazione è un ping-pong tra palco e schermo. E un paio di progetti per il cinema, oltra ad una webserie, ma so che non riuscirò a concentrarmi su nulla di tutto questo finché non chiuderò l’avventura di “Nemici”. 

L’appuntamento è quindi per la Notte di San Lorenzo, il 10 agosto alle 21,15 al Teatro d’Annunzio (Lungomare Colombo 122). I biglietti per il “Gran Galà del Teatro” sono disponibili sul sito di CiaoTickets e in biglietteria al Teatro d’Annunzio.

Continue Reading

Interviste

La Municipàl: da ascoltare per resistere alle mode

“Per resistere alle mode” è il nuovo percorso artistico de La Municipàl. Non a caso il progetto musicale guidato da Carmine Tundo ha optato per un’inusuale pubblicazione discografica, caratterizzata da 5 doppi singoli in digitale e in vinile da 45 giri a tiratura limitata.

Avatar

Published

on

By

Intervista a cura di Michela Moramarco

“Per resistere alle mode” è il nuovo percorso artistico de La Municipàl. Non a caso il progetto musicale guidato da Carmine Tundo ha optato per un’inusuale pubblicazione discografica, caratterizzata da 5 doppi singoli in digitale e in vinile da 45 giri a tiratura limitata.

Dopo “Quando crollerà il governo/Fuoriposto” e “Canzone d’addio/Che cosa me ne faccio di noi” possiamo ascoltare il nuovo doppio singolo “L’orsa maggiore/Al diavolo”.

La Municipàl ci racconta il suono de “L’Orsa Maggiore”

Come tutti i brani dei fratelli Tundo, anche “L’orsa maggiore” racconta una storia. Stavolta è una storia che pare inseguirci, come qualcosa che non vuole essere proprio dimenticata. Questa trama è come un filo rosso che intreccia perfettamente linea melodica e arrangiamento. Si tratta di una storia passata, ripercorsa a suon di ricordi. Tra amori iniziati e finiti allo stesso modo: all’improvviso. Lasciando quella sensazione di nodo in gola, tanto cara alla scrittura de la Municipàl.

Il nuovo doppio singolo della band pugliese è un viaggio galattico, nei propri sogni. Magari quelli che si fanno dopo essersi addormentati con in sottofondo Paolo Fox. In una notte di fine estate, quando è ora di partire ma anche di lasciar andare, ricordi, impressioni, persone.

Il brano può essere raccontato per immagini. Una festa, un bicchiere di troppo, un addio. Insomma, uno stato d’animo riassumibile così:

“… e ho deciso che stanotte non ti penserò, che parlerò del più e del meno con il diavolo, in mezzo a tutto quel rumore…”

“L’orsa maggiore” lascia elegantemente il posto “Al Diavolo”. Un brano energico, irriverente. Una dedica liberatoria, per mandare via rancore, rabbia e tutto quello che si era trattenuto. Per paura, forse.

Ancora una volta La Municipàl ci stupisce, proponendo un doppio singolo senza dubbio forte e con un apprezzabile velo di vulnerabilità.

Ne abbiamo parlato con l’anima del progetto La Municipàl, Carmine Tundo.

Ciao, grazie per la disponibilità!

Il progetto “Per resistere alle mode” si potrebbe definire come viaggio interiore. Come ogni viaggio richiede un bagaglio. Mi diresti gli elementi che hanno caratterizzato il bagaglio di questo percorso interiore, suppongo in continua evoluzione?

Sicuramente è un percorso interiore che parte dall’accettazione di sé stessi. È un po’ il proseguimento del percorso portato avanti con bellissimi difetti. È un percorso che mi ha portato a capire di stare bene anche se fuori moda. È il disco che mi andava di fare, senza piegarmi ai suoni del momento o al modo di fare musica di questi anni. L’idea del doppio singolo in vinile rappresenta l’unione di scrittura e produzione che vanno nella stessa direzione.

I doppi singoli de La Municipàl ci raccontano storie collegate fra loro, a tal punto che anche a livello sonoro si percepisce una sorta di continuità. Si potrebbe parlare di storytelling emozionale. Come siete arrivati a questa scelta di stile ben definita?

Dunque, dal momento in cui mi sono reso conto che un brano era un po’ riduttivo per raccontare una determinata storia, sto cercando di raccontarla come se fossero diversi capitoli di un libro. Questo mi permette di ricreare diverse atmosfere ma anche di collegare i brani dal punto di vista sonoro e di tematiche. mi sto divertendo molto, il mio fine ultimo è di avere un disco fluido nei suoni.

Ma in questi doppi singoli quanto è forte la componente autobiografica?

È totale. Soprattutto negli ultimi due dischi, ho cercato di essere quanto più sincero possibile. Di questo ci sono i pro e i contro. Ti ritrovi a raccontare fatti privati citando anche nomi reali, di persone, luoghi… Fa parte del gioco, è anche divertente.

La Municipàl riparte coi live

Com’è stato l’impatto con la dimensione live, dunque col pubblico, in piena estate post lockdown?

È stato molto strano. Il concerto è stato con i posti a sedere, con le mascherine. Alienante nei primi minuti. Dopo un po’ ci siamo riscaldati ed è stato comunque un buon modo per ripartire, sperando che tutto possa risolversi.

Grazie!

Grazie a voi!

Fonte: Ufficio Stampa Big Time

Continue Reading

In evidenza