Chi ha bisogno di un palco per suonare a Manhattan?

Non giriamoci intorno: il 2020 è stato un anno disastroso per la musica dal vivo, specie nei suoi canali tradizionali. I concerti cancellati non si contano ormai più e molti locali rimangono chiusi, rendendo pressoché impossibile programmare un live, ammesso che ciò sia consentito dalle restrizioni anti-Covid. Ma c’è chi non si arrende castronerie date in pasto all’opinione pubblica come “questo non è il momento dello svago”. Anzi, se c’è un momento in cui c’è più bisogno di musica, arte in generale, è proprio quello attuale.

“Quanto sarebbe bello”, aveva detto tempo fa lo scrittore Stefano Massini, “che gli artisti, gli scrittori, i musicisti, gli attori, i danzatori, i cantanti, quelli che fanno cinema, che fanno televisione, dimostrassero quanto mai in questa situazione, che noi siamo consapevoli in questa situazione di essere come diceva Shostakovich, ovvero di essere invincibili e come tali vi dico ‘andiamo avanti’, a oltranza, è una forma di resistenza, andiamo avanti”.

MyZona

A Manhattan, ad esempio, vari musicisti locali più coraggiosi stanno trovando modi alternativi per esibirsi davanti al pubblico dal vivo. Lo racconta Charley Crespo nel suo Everynight Charley’s Manhattan Beat. Un set alternativo fatto di cartelli, merchandising, valigetta per racimolare due spicci. E gente che beve birra abbassandosi la mascherina. E la magia è la stessa che respiri in strada il giorno della maratona. Set allestiti in un mercatino delle pulci all’aperto, in una galleria d’arte, sul retro di un camioncino e in un parco.

C’è davvero bisogno d’altro?

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli