Il blues intimista di Buzzy Lao nel nuovo singolo Fango

Fango’ è la nuova ballata folk e intimista del cantautore-bluesman Buzzy Lao a pochi mesi dall’uscita di ‘Haya’, brano afro-blues con la partecipazione di Dargen D’Amico. Pubblica ora un intenso e delicato inedito che trae ispirazione dalla vecchia scuola del cantautorato anni ‘60 e ‘70. Condito con le sonorità del nuovo folk internazionale il brano, rilasciato da Bunya Records (label fondata dallo stesso artista) è frutto di un percorso artistico e umano del cantautore torinese vissuto durante il periodo della pandemia in cui, come tanti, è stato costretto ad annullare il tour di presentazione del secondo disco ‘Universo / Riflesso’, uscito a Gennaio 2020 per INRI / Bunya Record, proprio poco prima delle restrizioni.

Leggi anche: La dimensione ultraterrena de La Cura: la sfida di Battiato al suo universo onirico

MyZona

Decide così di dedicarsi alla scrittura e alla registrazione in totale autonomia di nuovi brani nella sua casa di Palermo dove si è trasferito nel 2019. ‘Fango’, da ballata nostalgica con le sue chitarre acustiche sapientemente sfiorate in accordatura aperta e l’emozionante interpretazione della voce, rimanda in parte al folk di ultima generazione di Josè Gonzalez e King of Convenience. Allo stesso tempo a una scrittura che si rifà a un cantautorato minimalista, misterioso e sognante a cavallo tra Nick Drake e il nostro Niccolò Fabi per restare in Italia. Il brano si apre con rumori casalinghi che appaiono e scompaiono lungo tutto il pezzo e che fanno da contorno all’arpeggio di chitarra classica che conduce la narrazione e richiama sonorità oniriche e raccolte.

Leggi anche: Malcolm X, i 96 anni del “Detroit Red”

La melodia si poggia perfettamente sul tappeto sonoro.  É ondulante e sostiene un testo evocativo che gioca con il racconto della quotidianità. Quella di una giovane donna alla ricerca di se stessa e alle prese con la volontà di affermarsi senza però rinnegare il suo lato emotivo.

LE PAROLE DI BUZZY LAO SU “FANGO”

“Fango è una canzone che ho scritto la scorsa estate- afferma Buzzy Lao- per un’amica che stava affrontando un periodo complicato della sua vita dovuto alla fine di una relazione in età non più adolescenziale. In questi momenti ci si trova a fare il nostro bilancio personale. Ci si interroga sugli errori commessi e questo ci porta al rischio di perdere la connessione con la realtà dei fatti, delle cose grandi o piccole che ci accadono nella vita. Una volta scritto il brano ho deciso di registrarlo in casa a Palermo, dove mi sono trasferito da due anni in controtendenza rispetto ai tanti che dal sud si trasferiscono a nord”.

“Così negli ultimi mesi del 2020 e nei primi del 2021 mi sono immerso totalmente nell’autoproduzione, che è anche una mia passione. Mi sono affidato solamente a fine processo a collaboratori di lungo corso come Donato Di Trapani e Fabio Rizzo per i suoni aggiuntivi di pianoforte, synth e per il mix finale. Dall’ascolto si può quindi percepire una sorta di intimità che riaffiora anche con rumori casalinghi. In particolare mentre registravo in un pomeriggio di pioggia ho deciso di catturare il suono con i microfoni in casa e di fare apparire e scomparire in modo inatteso questa ripresa durante il
brano. Ma anche se comincia con la pioggia
– conclude Buzzy Lao- Fango non è per nulla un brano malinconico. Anzi. Lo considero un preciso stato d’animo. Quella stessa percezione di meraviglia che ci pervade quando il cielo torna sereno dopo un temporale estivo inatteso”.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli