Connect with us

Musica

Buon compleanno Yellow Submarine, colonna sonora dell’omonimo film

Published

on

Quaranta minuti e una manciata di secondi per entrare nella storia. Per l’ennesima volta, ovviamente. Perché affiancare il nome The Beatles al concetto di storia è tautologico. I Fab Four sono la storia, per lo meno della musica. Anche se, a giudicare dagli effetti sulla cultura e sulla società degli ultimi cinquanta anni, affermare che l’universo “beatlesiano” sia molto più ampio di quanto si possa percepire, è tutto fuorché esagerato.

Ricorre oggi l’anniversario della pubblicazione di “Yellow Submarine“, undicesimo studio album della band uscito, appunto, il 13 gennaio del 1969. Contenente 13 brani e vincitore di un disco di platino e di uno d’oro, fece da colonna sonora all’omonimo film uscito nelle sale cinematografiche il 17 luglio del 1968. Diretto da George Dunning, per protagonista aveva gli stessi The Beatles.

MyZona

Il pattern, diviso in due lati, vede in quello A sei brani dei “baronetti”, di cui solo quattro inediti (“All Togheter Now“, “Only a Nothern Song“, “Hey Bulldog” e “It’s All Too Much” che, originariamente scritta per Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band fu rieditata e accorciata rispetto alla prima versione che durava ben 8 minuti). Presenti, inoltre, la title track e “All You Need is Love“, presa in prestito dall’album Revolver.

Il lato B, invece, chiamato “Original Film Score“, porta la firma di George Martin e presenta solo brani orchestrali, ideati e scritti da Martin stesso. Le registrazioni avvennero nell’autunno del 1968 ai celeberrimi Abbey Road Studios di Londra. Nessuno dei componenti della band ne prese parte, però. Rispetto alle versioni presenti nel film, quelle incise su disco presentano diverse variazioni, volute al fine di marcare la differenza tra pellicola e colonna sonora.

Nonostante l’album non ebbe un successo planetario (arrivò al massimo in terza posizione in classifica) potè vantare la partecipazione di numerose star. Per citarne alcune: Brian Jones, Mick Jagger, Eric Clapton, Keith Richards, Pattie Harrison, Graham Nash, Gary Leeds.

Nel 2018, in occasione dei festeggiamenti dell’anniversario dei 50 anni dalla sua pubblicazione, il film diretto da Dunning – con Heinz Edelmann in qualità di art director – è stato nuovamente proiettato al cinema. In Italia venne ospitato dal cinema Caravaggio di Roma e dal teatro Guanella di Milano. Presero parte solamente pochi “eletti”, essendo che i posti vennero assegnati alla Universal Music Italia in collaborazione il The Official Beatles Fan Club Pepperland e con Beatlesiani d’Italia Associati.

Cinquanta anni sono un bel traguardo e, quindi, meritano di essere festeggiati a dovere. Oltre a diverse uscite discografiche, mostre e concerti tributo, vale la pena citare l’adattamento a fumetti di “Yellow Submarine”, edito dalla Titan Comics. Scritto da Bill Morrison (pregevoli i suoi lavori con i Simpson e Futurama) vede la cooperazione di Andrew Pepoy (Fables, Futurama Comics).

Questa la sinossi:

Il paradiso subacqueo amante della musica di Pepelandia è stato invaso dagli ostili Biechi Blu. Questa orda di creature mostruose trasforma gli abitanti di Pepelandia in statue viventi, lanciandogli contro delle mele e imprigionando in una sfera di vetro blu i suoi guardiani, la Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band, per poi sequestrare tutti gli strumenti musicali della città. Il sindaco di Pepelandia manda il Capitano Fred in cerca di aiuto a bordo del suo sottomarino giallo, il quale viaggia fino al mondo degli umani, dove si imbatte nei Beatles e chiede loro di soccorrere il suo popolo. La band accetta e unisce le forze con Geremia l’uomo inesistente per sconfiggere i perfidi Biechi Blu grazie alla musica e all’amore.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

The Bastards Sons Of Dioniso: si aggiungono nuove date al tour estivo. Tutti gli appuntamenti

Published

on

Continua il tour estivo dei The Bastards Sons Of Dioniso con un calendario in continuo aggiornamento. Dopo la pubblicazione dei nuovi singoli “Tali e Squali” e “Ribelli altrove”, preludio al prossimo album di inediti, il trio trentino è tornato sui palchi della penisola, riabbracciando quella dimensione live che più gli è propria.

Di seguito le date aggiornate:

MyZona

31.07 Caldonazzo (TN) Arena Lochere

01.08 Ledro (TN) Età del Rock c/o Museo delle Palafitte

07.08 Treviso Suoni di Marca

10.08 Civitavecchia (RM) Civitavecchia Summer Festival – NUOVA DATA

27.08 Prato Settembre / Prato è spettacolo

03.09 Imola Anteprima MEI2021 – Imola in Musica

25.09 Mestre (VE) – Teatro Toniolo – NUOVA DATA

The Bastards Sons Of Dioniso, secondi a X Factor nel 2009, hanno all’attivo 7 album e un EP (disco d’oro), realizzando importanti collaborazioni e aperture per artisti internazionali come Ben Harper, Robert Plant e Green Day e ottenendo numerosi premi e riconoscimenti. Tra gli ultimi, la ‘Menzione Speciale del Premio Lunezia 2018’ per il valore musical letterario dell’album “Cambogia” e la Targa Tenco 2018 per il ‘Migliore Album Collettivo a Progetto’ con ‘Voci per la Libertà’, dove i TBSOD compaiono con il brano “Sulla Cresta dell’Ombra”.

Un percorso artistico, quello del gruppo, costellato da un’infinità di concerti in tutta Italia, frutto di una propensione e di un’urgenza di esprimersi dal vivo che caratterizza la band fin dalla sua formazione.

Continue Reading

Musica

Green Pass e concerti: le reazioni dal mondo della musica

Published

on

Sono giorni di scalpore mediatico e fermento, soprattutto nel mondo della musica e delle grandi esibizioni dal vivo. Il motivo? la decisione del governo, sul modello di quanto fatto in Francia, di introdurre, dal 6 agosto, l’obbligo del Green Pass per accedere, tra le altre cose, ai grandi eventi. Questo, almeno in teoria, per scongiurare la peggiore delle ipotesi: dire ancora addio a concerti, discoteche, partite, fiere e quant’altro. L’idea infatti prevede di esibire il Green Pass, per l’appunto, che attesti l’avvenuta doppia vaccinazione dell’utente che potrà, di conseguenza, partecipare all’evento in questione.

Come è normale che sia in queste circostanze, l’opinione pubblica e la politica sono si sono spaccate a metà: chi grida alla dittatura ritenendo la misura coercitiva e chi, al contrario, ritiene sia giusto questa manovra per la sopravvivenza del settore. Il mondo degli artisti chiaramente non è da meno: anche qui si sono viste le più disparate prese di posizione.

MyZona

Una fra tutte è stata quella di Eric Clapton che si è scagliato pesantemente contro la politica di Boris Johnson e l’obbligo del Green Pass: «Voglio dire a tutti che non suonerò mai su alcun palco alla presenza di una platea discriminata. Se non sarà possibile a tutti poter assistere al concerto, mi riservo la possibilità di poter cancellare lo show». Decisione che, peraltro, potrebbe riguardare anche i fan italiani che aspettano il 2022 per poter vedere Clapton a Milano e Bologna.

Repentina è bruciante è stata la risposta di J-Ax, che ha ritenuto l’intervento irresponsabile e veicolo di un messaggio sbagliato. Il rapper ha criticato aspramente le posizioni sempre più no-vax, sottolineando come da oltre un anno e mezzo il settore della musica dal vivo sia fermo proprio per il covid. Poi, con non poca provocazione, ha aggiunto: «forse a qualcuno la “cocaine” non è ancora scesa».

Un’altra importante presa di posizione viene proprio dai Måneskin, la band più chiacchierata del momento. Dopo aver vinto San Remo, l’Eurovision e scalato tutte le classifiche di ascolti, il quartetto di Roma ha detto la sua circa il Green Pass. Victoria, Damiano, Thomas e Ethan sono stati intervistati dopo essersi recati in Campidoglio per ricevere dalla Raggi l’onorificenza “Lupa Capitolina“. Sulla possibilità di tornare a suonare dal vivo, i Måneskin hanno così commentato:

«Ogni Paese in tema di restrizioni ha le sue misure, sono utili e sacrosante perché consentono alle persone di venire ad ascoltarci e anche a noi di suonare. Sono provvedimenti importanti perché aiutano anche il settore della musica martoriato in questo anno e mezzo di pandemia. Sono segnali assolutamente positivi, di cambiamento e di ritorno alla normalità. Vogliamo divertirci e far divertire chi viene ad ascoltarci». È quindi chiara quale sia la posizione della band riguardo le ultime disposizioni in materia di Green Pass.

Dal fronte italiano arriva anche la voce di Al Bano. Non molto tempo fa, a dicembre 2020, il cantante si era rifiutato di fare da testimonial per un V-day, lamentando diverse preoccupazioni e scetticismo nei confronti del vaccino. Anche se alla fine si è sottoposto alla somministrazione con Pfizer avvenuta il 29 marzo scorso. Al termine anche della seconda dose, Al Bano ha dichiarato di sentirsi bene ed anzi, la sua posizione in merito è diametralmente cambiata. Al punto da commentare così il blocco di AstraZeneca:

«Riguardo al blocco AstraZeneca, penso che in un periodo da terza guerra mondiale come questo le decisioni che prende il Governo hanno un senso logico e vanno rispettate»

Di tutt’altra visione è invece Giuseppe Povia. Da molto tempo il cantante milanese si è fatto portavoce, divenendone un simbolo, dello scetticismo più radicale nei confronti di temi quali: governo, vaccini, Green Pass e immigrazione, sfiorando perfino posizioni complottiste. Non da meno le ultime dichiarazioni proprio in relazione al decreto del 6 agosto. In sintesi Povia ha paragonato l’obbligo di esibire il Green Pass (o un tampone negativo) al numero che gli ebrei avevano tatuato sul braccio nei campi di concentramento. La soluzione proposta dall’artista, in un video intitolato “GREENPASS MACHT FREI“, sarebbe quella di organizzare dei concerti privati:

«Gli ebrei avevano un pigiama e un numero di riconoscimento, noi un Pass per entrare nei luoghi pubblici. Ecco perché sulle mie pagine ho lanciato l’idea di fare concerti privati, come nei regimi»

Insomma, una situazione del genere ha messo in luce come tutti siano coinvolti. Che si tratti di un cantante italiano, o uno inglese, o semplicemente un fan che non vede l’ora di tornare sotto il palco. Da entrambe le parti c’è chiaramente una sincera intenzione al ripristino della normalità. Ne sono un esempio i primi esperimenti nel mondo con i quali si è cercato di tastare nuovamente il terreno dei concerti dal vivo per monitorare i nuovi possibili contagi.

Il problema che si ravvisa, tuttavia, sono le modalità con cui il ripristino della situazione pre pandemia si sta attuando. Chi è pro Green Pass, chi è contrario, chi in parte. Non si può stigmatizzare né l’una, né l’altra parte, soprattutto se dalla politica c’è stato un’ evidente differenza di trattamento. L’esempio più noto è stato la presenza del pubblico agli europei di calcio, soprattutto nella finale giocata con la capienza massima.

Un quesito tuttavia vogliamo porlo: vaccini o meno, Green Pass sì o no, si potrà veramente tornare ad una situazione mentale di normalità? La paura e lo scetticismo che in questi quasi 2 anni di pandemia l’hanno fatta da padrona, verranno definitivamente debellati? Oppure siamo di fronte a quella che potremmo definire “la nuova normalità”?

Continue Reading

Musica

Jaqueline: esce oggi il nuovo singolo “Living in the battle”

Published

on

Oggi 29 Luglio sbarca sulle piattaforme digitali “Living in the battle”, il nuovo singolo della cantautrice e musicista Jaqueline. Scritto dalla cantante insieme a Davide Fraraccio, “Living in the battle” è un brano dal clima ribelle, caratterizzato da sintetizzatori e percussioni che danno un ritmo loquace all’atmosfera.

“Uno sfogo, verso qualcosa che lascio alle spalle, un grido di coscienza spontaneo che attraversa i proibiti inganni, gli interessi occasionali e le notti insonni di ordinaria follia tra il bianco e nero dell’ego”, così lo ha descritto Jaqueline.

MyZona
UN PO’ DI BIOGRAFIA

Jaqueline, nome d’arte di Jaqueline Branciforte è una cantautrice e musicista siciliana. Classe 1994, la cantante scopre la musica grazie alla ricca collezione di dischi del padre, ascoltando sin da piccola le più grandi leggende della musica internazionale come Michael Jackson, Madonna, Prince, Stevie Wonder, Aretha Franklin e tanti altri.

Leggi anche: “L’Abbabula Festival per ridare un sorriso alla Sardegna: Samuele Bersani tra gli ospiti”

Esordisce alla finale di Festival Show 2011, dove si esibisce dal vivo sul prestigioso palco dell’Arena di Verona. Conseguita la maturità, si trasferisce a Roma ed entra nell’accademia di musica “Saint Louis College of Music”.

Nel 2018 il brano Andare Viafa parte della colonna sonora del film candidato ai David di Donatello e ai Nastri D’Argento Un giorno all’improvviso e l’anno seguente fa parte degli otto finalisti di Area Sanremo 2019 con il brano inedito Game Over.

Ultimamente è stata ospite al programma “We have a dream” diretto da Red Ronnie per presentare l’ultimo singolo “Settimo Pasito“. Al momento sta lavorando all’album di esordio, in uscita quest’anno.

Continue Reading

In evidenza