Buon compleanno Terence Hill: da Trinità a Don Matteo, sempre al fianco degli italiani

Buon compleanno Terence Hill: da Trinità a Don Matteo, sempre al fianco degli italiani

“Mio nonno mi ha insegnato il segreto per avere una lunga vita: non fare niente per accorciarla”

Chissà che questa battuta, pronunciata da Trinità nel celebre film “Continuavano a chiamarlo Trinità” non avesse un fondamento di verità. E scusate la rima. Il protagonista della celebre pellicola, interpretato da Mario Girotti – meglio noto come Terence Hill – evidentemente deve aver fatto bene i compiti e preso alla lettera quanto rivelatogli dal nonno stesso. A distanza di 50 anni dall’uscita nelle sale cinematografiche del film che lo ha consacrato, infatti, si diverte ancora come un bambino e oggi, da eterno sognatore quale è sempre stato, si trova a spegnere 82 candeline che coincidono in gran parte con una bellissima carriera.

MyZona

Leggi anche: Mezzo secolo di Trinità, scazzottate e fagioli: Bud e Terence non passano mai di moda

Alzi la mano chi non ha mai visto un suo film in compagnia del compianto e mai troppo amato Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer. Quasi sicuramente questo appello non vedrà alcun braccio sollevato. Nel caso in cui, però, così non dovesse essere, allora si tratterà di qualcuno che molto probabilmente ha vissuto sulla luna negli ultimi 60 anni. E, in questo caso, sarà giustificato. Niente cazzottone a martello sulla testa.

Per quelli della mia generazione (30/40 anni) Terence Hill e Bud Spencer sono stati come dei padri spirituali, delle guide che, nel corso degli anni dell’adolescenza, ci hanno affiancati nei momenti bui e nei momenti di felicità. Nel bene o nel male loro c’erano e sapevi che potevi sempre contare su quella comicità che li ha resi i migliori; mai volgari, mai sopra le righe, mai altezzosi, mai costruiti. Trinità e Bambino, per chiamarli con i nomi di due dei loro personaggi più amati di sempre, sono stati più di comuni attori. Nonostante le due carriere spesso e volentieri abbiano viaggiato sugli stessi binari, anche da soli hanno lasciato il segno.

Leggi anche: A Berlino il museo che omaggia Bud Spencer tra cimeli, rarità e scatti immortali

Per Hill vale sicuramente il discorso con Don Matteo che da un decennio a questa parte tiene incollati allo schermo milioni di telespettatori. Un format riuscito alla grande che non vuole saperne di cedere il passo alle serie tv più moderne, più complesse nelle trame, più cool, più dispendiose. Dove c’è il personaggio amato – e Terence lo è per davvero – c’è il successo. Dettato, quest’ultimo, da qualcosa che, al netto del talento e delle idee, non si può comprare: l’amore del pubblico, la cosidetta famiglia allargata. Con Bud Spencer il legame si è definitivamente interrotto il 27 giugno 2017, quando l’ex campione di nuoto è volato in cielo. Insieme hanno promosso la diffusione dello spaghetti-western, genere di punta della produzione italiana degli anni ’70.

Terence Hill è ancora oggi uno tra gli attori italiani più amati in assoluto

Quello sguardo, quegli occhi di ghiaccio, non smetteranno mai di entusiasmare i suoi fan. Non tramonterà mai quel sorriso così coinvolgente e carismatico. Sarà impossibile dimenticare le innumerevoli battute dei suoi film leggendari. Sarà impossibile smettere di volergli bene, di sentirlo uno di famiglia e di volerlo accanto sempre e in ogni circostanza. Perché, caro Trinità, per chi è cresciuto guardandoti allo schermo, non c’è Hollywood che tenga, non ci sono supereroi Marvel che possano sostituirti, non ci può essere western dei fratelli Coen capace di far passare in secondo piano i tuoi spaghetti western.

La saga di Trinità, “Chi trova un amico trova un tesoro”, “Dio perdona…io no”, “…Piu forte, ragazzi”, “Altrimenti ci arrabbiamo”, “Pari e dispari”, “Il mio nome è Nessuno”, “Renegade, un osso troppo duro”, “Lucky Luke”, sono solo alcuni dei suoi film immortali. Anche tra 100, 200, 300 anni, si parlerà di te, dei tuoi film e del tuo fratellone Bud. Buon compleanno!

Leggi anche: Tra Suburra e Fargo, Francesco Acquaroli si racconta su The Walk of Fame

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli