L’autunno nelle filastrocche di Gianni Rodari: “La castagna”

L’arrivo dell’autunno rappresenta una buona occasione per rispolverare i vecchi libri di filastrocche dedicate alla stagione che fa ponte tra l’estate e l’inverno e ai suoi temi più tradizionali. Pochi mesi, come questo, sono in grado di simboleggiare un determinato periodo dell’anno. Tanti gli autori che hanno messo per iscritto pensieri e rime sui colori dell’autunno, sulle foglie secche, sull’arrivo dei primi freddi e tanto altro. A partire da Ungaretti, Gadda, Pascoli, Quasimodo, Pasternak e non solo. Abbiamo scelto per voi, in occasione del centenario della sua nascita, una simpatica filastrocca di Gianni Rodari dedicata alle castagne. Nel 2020 infatti il famoso giornalista, pedagogista, nonché poeta e scrittore, specializzato in letteratura per l’infanzia, avrebbe compiuto cento anni.

La castagna

MyZona

C’è un frutto rotondetto,
di farina ne ha un sacchetto:
se lo mangi non si lagna,
questo frutto è la castagna.
La castagna in acqua cotta
prende il nome di ballotta.
Arrostita e profumata
prende il nome di bruciata.
Se la macino è farina:
dolce, fina, leggerina:
se la impasto che ne faccio?
Un fragrante castagnaccio.

Da leggere anche

Antonella Valente
Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli