AC/DC, Brian Johnson ricorda Bon Scott e il suo ingresso nella band

«Come sono entrato negli AC/DC? Questa probabilmente è la domanda che mi fanno di più in assoluto». Con queste parole il mitico Brian Johnson, storico cantante dell’Hard Rock band AC/DC, inizia il video con cui risponde alla fatidica domanda. Lo scorso mese, anche l’iconico chitarrista Angus Young ha raccontato la sua versione in un’intervista all’emittente radio KLOS.

Tutto sarebbe iniziato nel 1973. All’epoca Johnson avrebbe incontrato Bon Scott, vocalist degli AC/DC dal 1974 al 1980, durante una serata nella quale la band del secondo, i Fraternity, stava aprendo a quella del primo, i Geordie. Già nel 2011, Brian aveva raccontato questo singolare incrocio tra i due e di come Scott fosse rimasto impressionato dalla sua voce e dalle sue movenze sul palco:

MyZona

«Ho incontrato Bon nel 1973 o 1974. La sua band stava supportando la mia band, i Geordie. Ho avuto un terribile caso di appendicite e sono caduto sul palco mentre urlavo “Ooh!”. Ma ho continuato a cantare. A quanto pare Bon ha detto ai ragazzi, quando si è poi unito agli AC/DC: “Ho visto questo ragazzo Brian Johnson cantare, ed è stato fantastico. Era sul pavimento, scalciava e urlava. Che scena!”. Certo, non si trattava di una performance. Ero davvero dolorante»

Una versione confermata poi dallo stesso Angus Young, il quale ha ricordato come il compianto Scott fosse rimasto impressionato da Johnson durante quella serata:

« [Scott] disse che Brian suonava alla grande, che sembrava Little Richard sul palco. Ci disse che questo ragazzo [Johnson] ululava e urlava. E poi di averlo visto rotolarsi a terra. Bon pensava che fosse fantastico, tanto da definirla la miglior performance di un cantante mai vista da molto tempo. Ma quello che non sapeva, cosa che in seguito ha scoperto, è che Brian stava avendo un attacco di appendicite. Bon pensava che facesse parte della scena. Ha pensato: “Questo ragazzo è incredibile”»

Se non fosse stato anche per quell’attacco di appendicite, unito ad una prova canora incredibile, Johnson non sarebbe mai stato chiamato per le audizioni nel 1980, anno in cui Bon Scott morì a soli 33 anni. Nonostante il compianto cantante avesse lasciato un’eredità enorme, soprattutto da un punto di vista di aspettative del pubblico, Brian Johnson fece letteralmente impazzire tutti. Quello “sconosciuto” Back in Black, pubblicato il 25 luglio 1980, il primo lavoro con il nuovo vocalist, divenne un disco leggendario ed iconico e tra i più venduti di tutti i tempi.

Leggi anche: ““The Falcon and the Winter Soldier”, cosa c’è da sapere sulla nuova serie Marvel

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli