Zuccarino Rehab, dedica una suite alle storie d’Abruzzo

Continua la riabilitazione musicale di Graziano Zuccarino, alias Zuccarino Rehab. Una nuova suite (la numero due), che affonda le radici nella storia più antica di Francavilla al Mare, paese della costa adriatica in provincia di Chieti. “Una nuova suite”, come suggerisce l’autore, “da ascoltare con un calice di Montepulciano, sulla costa dei trabocchi”.

Leggi anche: Orchestra Popolare del Saltarello, il progetto

La produzione che vede la rinnovata partecipazione del chitarrista Fabio Duronio e di Luca “Luchino” Marinacci al basso, questa volta punta il faro sulla storia delle nostre coste abruzzesi: siamo nel 1500, parliamo dell’invasione dello sbarco dei turchi, “i saraceni”. I testi delle canzoni. infatti, sono liberamente ispirati a “La rapita dei turchi” e “Pialì Bassa”, tratti dal libro “Francavilla nella storia e nell’arte” di Teodorico Marino.

Zuccherino Rehab ne prende ispirazione e più di ogni altra cosa racconta di Domenica Catena, la bellissima rapita dai predoni e portata in dono al sultano turco, per mano del comandante Pialì Bassa. Il video del singolo “Libera Liberata”, diretto da Pietro Falcone, codifica la libertà restituendole una luce moderna, attualissima.

Foto: Luigi Nespeca

Graziano Zuccarino nasce a Melbourne (Australia) nel 1969. Sin da piccolo mostra affinità con la musica e nei primi anni ’80 inizia lo studio della batteria con alcuni tra i maestri più riconosciuti come Agostino Marangolo, Giovanni Del Gallo, Dante Melena. Da sempre affascinato dalla composizione e dal canto, si avvicina ad essi a partire dagli anni ’90, inizialmente sperimentando musica strumentale e pian piano affinando una propria tecnica vocale e un linguaggio testuale che lo portano a decidere, verso la fine dei ’90, di intraprendere la strada del cantautorato.

Infatti nel 2000 forma la Nuova Agricola Associazione insieme al produttore Franco Liberati, progetto interamente in dialetto che riscuote un discreto successo nazionale ed internazionale. Nei sette anni a seguire producono due Ep e un Lp.

Nel 2007 decide di concludere il progetto Naa e si ritira un anno nella sua campagna francavillese per scrivere il nuovo progetto Cazzirro e le Scorribande dei Precari.  Con questo progetto realizzano un Ep  dal titolo “Non basta il sugo” e un LP dal titolo omonimo. Nel mentre firma e realizza dal vivo le musiche di alcuni spettacoli teatrali, quali: “Settembre” tratto da “Fontamara” di Ignazio Silone, “Cosmogonia” e, con il Teatro del Krak, “Quel che resta”  del regista  Antonio G. Tucci. Attualmente è impegnato nella scrittura di un opera rock, ispirato dal viaggio tra il mare e la montagna, abruzzese chiaramente.

Articolo precedenteEurovision Song Contest, Achille Lauro trionfa a San Marino e rientra dalla finestra
Articolo successivoRicciardi, le pop corn e il terrore contagi al cinema: l’irrealtà supera la fantasia
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.