Una boccata d’Arte 2022: venti borghi italiani abbracciano l’arte contemporanea

Dal 25 giugno al 18 settembre 2022 torna in tutta Italia “Una Boccata d’Arte”, il progetto di arte contemporanea diffuso che valorizza l’incontro tra patrimonio artistico e patrimonio paesaggistico.

L’arte incontra i borghi più belli d’Italia

“Una Boccata d’Arte 2022” è la terza edizione del progetto d’arte contemporanea esteso a tutta l’Italia, promosso da Fondazione Elpis, in collaborazione con Galleria Continua e con la partecipazione di Threes Productions.

L’iniziativa intende valorizzare l’incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico. Per tutta l’estate, dal 25 giugno al 18 settembre, venti borghi tra i più suggestivi della penisola, uno per ogni regione, ospitano venti installazioni d’arte realizzati da venti artisti di età, cultura, provenienza geografica e linguaggi artistici differenti.

Novità di questa edizione è l’eccezionale presenza di un ventunesimo artista con una performance speciale che mette in connessione tutti i borghi.

Liguria, Montemarcello, frazione di Ameglia (SP)

Leggi anche: Il murale dell’artista argentino Franco Fasoli dona nuovi colori ad Aielli

Un museo a cielo aperto

Nato nel 2020, nella prima fase della pandemia, il progetto si pone obiettivi specifici: valorizzare il lavoro dei giovani artisti in tutto il mondo, portare l’arte contemporanea in posti diversi dai circuiti abituali e riscoprire luoghi poco conosciuti del nostro Paese, fuori dalle rotte turistiche e spesso a rischio spopolamento.

Ogni anno gli artisti, debitamente selezionati dai promotori, vengono invitati a trascorrere un periodo di residenza all’interno di un borgo, a entrare in contatto con gli abitanti e le tradizioni del piccolo centro, infine a creare in un’installazione site specific, ispirata alle sensazioni ricevute dal territorio. 

In ogni regione, per facilitare il dialogo tra cultura locale e creatività, è prevista la presenza di un coordinatore che promuove incontri tra l’artista, la comunità di riferimento e la pubblica amministrazione.

Nascono così opere variegate, che vanno dalla pittura, alla scultura, alla video art e che trasformano l’Italia in un incredibile museo a cielo aperto, ricco di storie da ammirare e ascoltare.

Basilicata, Grottole (MT)

Leggi anche: Van Gogh: a ottobre la mostra-evento a Palazzo Bonaparte

Le tappe di una boccata d’Arte 2022

“Una boccata d’Arte 2022” rappresenta un evocativo viaggio dal Nord al Sud dell’Italia ed é scandito dalle seguenti tappe artistiche:

  • Valle d’Aosta, Morgex (AO), Antonio Della GuardiaAi camminatori di storie
  • Liguria, Montemarcello, frazione di Ameglia (SP), Alice RonchiCaro Montemarcello
  • Lombardia, Cigognola (PV), Alina KleytmanEndless Shine of Human Violence
  • Trentino-Alto Adige, San Lorenzo Dorsino (TN), Giulia MangoniIl Salmerino Viandante
  • Veneto, Malamocco, frazione di Venezia (VE), Lucia CantòRestrizione emotiva
  • Emilia-Romagna, Montegridolfo (RN), Diana PolicarpoHyperbolic Dreams
  • Friuli-Venezia Giulia, Pesariis, frazione di Prato Carnico (UD), Riccardo BenassiCosì per dire
  • Toscana, Sorano (GR), Serhiy Horobets Il dolce dolore
  • Umbria, Panicale (PG), Luis López-ChávezNadine in Panicale
  • Marche, San Costanzo (PU), Eva MarisaldiPer vari motivi
  • Lazio, Fumone (FR), Dessislava MadanskaINTANGIBLE
  • Abruzzo, Rocca San Giovanni (CH), Victor Fotso NyieTesori e meraviglie
  • Molise, Castropignano (CB), Tommaso Spazzini VillaIl pomeriggio della vita
  • Campania, Albori, frazione di Vietri sul Mare (SA), Fabrizio Bellomo Albori è destinata a scomparire?
  • Puglia, Spinazzola (BT), Simone BaccoMaratona
  • Basilicata, Grottole (MT), Hanne LippardRuin
  • Calabria, San Donato di Ninea (CS), Anna ZvyagintsevaTo the rocks that hold roofs and to the plants that grow through stone
  • Sicilia, Castiglione di Sicilia (CT), Isaac Chong WaiPost-Mythical Accidents
  • Sardegna, Aggius (SS), Ludovica CarbottaPaphos.
Abruzzo, Rocca San Giovanni (CH)

Leggi anche: Ennio Flaiano, un nuovo libro a 50 anni dalla morte

Un catalogo e un video per ogni edizione

Un viaggio fatto di arte e splendide oasi naturali, adatto agli appassionati, ma anche ai semplici curiosi. Per ogni edizione di “Una boccata d’Arte” vengono realizzati un catalogo cartaceo e un video; un ulteriore modo per mantenere la connessione tra arte, natura e visitatori.

L’arte si fonde con il paesaggio, che a sua volta, accoglie l’uomo in una sorta di performance collettiva che coincide con la vita stessa. L’iniziativa accoglie ogni anno una partecipazione sempre più numerosa e punta a un dialogo continuativo tra patrimonio culturale e paesaggistico, in una sorta di valorizzazione circolare e reciproca.

Come dichiara Marina Nissim, ideatrice del progetto e presidente della Fondazione Elpis: “Una Boccata d’Arte è un progetto diffuso, di respiro nazionale e di partecipazione collettiva alla bellezza e alla cultura, all’aperto e in sicurezza, nato come reazione alla pandemia per portare un segnale di incoraggiamento alle comunità locali e creare allo stesso tempo un’opportunità di espressione e sperimentazione per i giovani artisti di talento. Sono felice che stia diventando un appuntamento annuale riconosciuto e atteso, in grado di proporre al pubblico itinerari sempre interessanti, borghi da scoprire e artisti pieni di energia creativa, attivando un circolo virtuoso che valorizza il patrimonio e il territorio italiano attraverso l’arte”.

Per ulteriori informazioni è possibile collegarsi al sito www.unaboccatadarte.it

Catalogo “Una boccata d’arte”, photo from graficzny.com.pl

Leggi anche:

Articolo precedente“Sotto Zero”: il debutto in libreria di David Koepp, sceneggiatore di Jurassic Parc e Spiderman
Articolo successivoIl guerriero di Capestrano simbolo dell’Abruzzo, il regista Consorte: scelta azzardata, e se fosse un falso?
Nata a L’Aquila nel 1985, Francesca Massaro consegue la laurea magistrale in Storia dell’Arte nel 2011. Nel 2016 scrive il catalogo della mostra Babele e inizia rapporti di consulenza e critica artistica per artisti aquilani e abruzzesi. Nel 2020 vince il premio letterario Fëdor Dostoevskij- sezione narrativa. Attualmente redige articoli per riviste e siti web del settore e coltiva la sua passione per la scrittura creativa.