Connect with us

Entertainment

“Trio. Storia di due amiche, un uomo e la peste a Messina”, Dacia Maraini in Abruzzo presenta il nuovo libro

Redazione

Published

on

Si intitola “Trio. Storia di due amiche, un uomo e la peste a Messina” ed è l’ultimo romanzo della scrittrice Dacia Maraini che il prossimo sabato 27 giugno sarà ospite del pomeriggio letterario organizzato dall’ Associazione culturale Monti Naviganti, in collaborazione con il comune di Rocca di Mezzo, la ProLoco e il Parco Sirente Velino. A partire dalle ore 18, nel pieno rispetto delle norme anti-covid, nel verde scenario del giardino della Villa, sede del Parco, una delle più grandi scrittrici italiane ci mostrerà la sua ultima fatica letteraria: un breve, intenso e delicato romanzo, ambientato nella Sicilia di Marianna Ucrìa, che narra di un’amicizia al femminile più forte dell’amore.

“La nostra Associazione Monti Naviganti è promotrice di eventi culturali, soprattutto in ambito letterario e abbiamo un ottimo rapporto collaborativo con la ProLoco di Rocca di Mezzo – spiega Loredana Agnifili, presidente dell’associazione –  Questa estate siamo veramente onorati  di ospitare nel nostro territorio, noto soprattutto per le sue peculiarità paesaggistiche e naturali, un personaggio di così grande spessore culturale ed umano, quale Dacia Maraini.

Oltre ad essere tra le scrittrici pluripremiate più lette al mondo, è una persona costantemente attiva nel sociale, propositrice di una cultura di impegno civico, con un’attenzione particolare alle tematiche femminili. In un’epoca in cui conta sempre più la forma, lei rappresenta la voce fuori dal coro. E’ l’essenza, il prevalere dell’essere sull’avere. Ascoltare le sue parole, tra il verde degli alberi del giardino del Parco, regalerà sicuramente intense emozioni agli spettatori di questo incontro. Sarà un pomeriggio che ci aprirà orizzonti nuovi, come solo la cultura può fare”.

All’incontro, oltre ai saluti del Commissario del Parco Sirente Velino Igino Chiucchiarelli e del sindaco Mauro Di Ciccio, parteciperanno la stessa presidente dell’Associazione, nonché Maria Teresa Giusti, docente storica  dell’Università “G. D’Annunzio” e Alessandro Masi, segretario generale della società “Dante Alighieri”, membro degli istituti di cultura nazionali dell’Unione Europea.

Si prega di confermare la presenza inviando un messaggio al numero 331 2954248.

In caso di maltempo l’evento si svolgerà nei locali della Palestra Polivalente.

Entertainment

Parte il processo per i falsi di Modigliani: nuovi testimoni e danni per mezzo miliardo di euro

Federico Falcone

Published

on

E’ tra le truffe più note della storia dell’arte, di cui ancora oggi si parla. Era il 1984 e tre ragazzi livornesi sbuggiardarono – perché, siamo sinceri, di questo si trattò – l’autoreferenzialità del sistema artistico e museale italiano, mettendo in atto un raggiro talmente ben confezionato che neanche i più illustri critici riuscirono a riconoscere. Non sul momento, per lo meno. Il 24 luglio del 1894 passerà alla storia come il giorno della “beffa di Livorno” che riguardava il grande Amedeo Modigliani.

Nel fosso reale di Livorno tre studenti ritrovarono, “casualmente uscite fuori dal niente”, tre teste. Non umane, ovviamente. O meglio, non umane in senso biologico ma umane in senso artistico-figurativo. Le opere vennero, con troppa fretta e superficialità, attribuite ad Amedeo Modigliani, pittore e scultore nato a Livorno il 12 luglio del 1884 e morto a Parigi il 24 gennaio del 1920. Celebre per i suoi sensuali nudi femminili e per i ritratti caratterizzati da volti stilizzati, colli affusolati e sguardo spesso assente, l’opera di Modigliani ha caratterizzato il periodo a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

Quell’anno ricorreva il centenario dalla sua nascita e il ritrovamento di tre opere fino a quel momento non censite venne considerato come un evento nell’evento. Ed effettivamente fu una grande scoperta. Peccato che la storia andò diversamente e che in omaggio al principio del “non è tutto oro ciò che luccica”, l’entusiasmo per la straordinaria scoperta lasciò ben presto il posto a qualcos’altro.

Per circa due mesi si dibatté sulle opere, sulla loro paternità, sulla loro provenienza sulla loro autenticità. Furono scomodati praticamente tutti i più grandi esperti e critici dell’arte, da Argan a Brandi, da Ragghianti a Carli, tutti convinti della originalità delle opere. Anche l’allora restauratore capo della Galleria Nazionale d’arte moderna firmò sull’autenticità. Fino alla scoperta che gettò imbarazzo su quel mondo artistico così autoreferenziale e pieno di sé. I tre ragazzi, in televisione, furono perfettamente in grado di replicare una delle tre teste. Capitolo chiuso.

E’ notizia di questi giorni che si sono costituiti parte civile il Palazzo Ducale di Genova e tre associazioni di consumatori nel processo per i falsi Modigliani, i venti dipinti attribuiti al maestro di Livorno sequestrati nel 2017 mentre erano esposti in una mostra in corso a Genova.

Leggi anche: Quella volta in cui George Orwell incontrò Ignazio Silone

Come riporta il sito Genova24.it “a processo, per truffa, falso e contraffazione di opere, ci sono sei persone: Massimo Zelman, presidente di Mondo Mostre Skira, che organizzò la mostra, Joseph Guttman, mediatore originario dell’Ungheria con base a New York e proprietario di molte delle opere sequestrate, il curatore della mostra Rudy Chiappini, italiano trapiantato in Svizzera, Nicolò Sponzilli, direttore mostre Skira; Rosa Fasan, dipendente Skira, Pietro Pedrazzini, scultore svizzero, proprietario di un “Ritratto di Chaim Soutine” che secondo gli investigatori piazzò come autentico pur sapendolo falso”.

“Secondo gli investigatori, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio, attraverso l’esposizione alla mostra si voleva rendere autentiche delle opere false per acquisire una maggiore quotazione e rivenderle a prezzi stellari nel centenario (caduto lo scorso anno) della morte di Modì. Per i legali degli imputati, invece, le opere sono autentiche. Il processo proseguirà il prossimo cinque marzo”.

Continue Reading

Entertainment

Alda Merini, il “silenzio rumoroso” della poetessa dei Navigli

Redazione

Published

on

Donna fra le donne, personaggio controverso e a volte difficile da comprendere fino in fondo. Il mondo di Alda Merini (1931- 2009) è quello della fantasia, della sensibilità e dei sogni, in cui si colgono cose che chi vive il frenetico quotidiano non riesce a intuire.

Per questo oggi leggiamo “I poeti lavorano di notte”. È tratta da Testamento, raccolta edita da Crocetti nel 1988, nella cui prefazione Giovanni Raboni parlò dei versi della Merini come di “crepe istantanee e terrificanti, bagliori di un altro mondo”. Rappresenta quasi un manifesto poetico.

Leggi anche: Un viaggio nella poesia di Alda Merini insieme ad Alessio Boni: “Lei, l’esclusa che ti colpisce dritta al cuore”

Alda Merini racconta come il ruolo del poeta, durante la notte, diventi un vero e proprio lavoro da portare a termine, reso ancora più dolce e proficuo dall’affascinante e quieta atmosfera notturna. In un tempo senza tempo, in cui tutto tace, in cui la cognizione cessa di esistere e la ragione si china davanti al grido interiore.

In quel tempo senza luci e rumore assordante, lì, l’uomo si fa poeta, prende le vesti di cantore dell’anima, e incomincia a scrivere. La poesia del resto è una forma espressiva che presuppone una condizione di silenzio, per sua natura infatti è in antitesi rispetto allo stress e al caos. Questo quindi ci riporta al ruolo che la poesia dovrebbe avere: fare rumore, esplodere in un “silenzio rumoroso” capace di scuotere gli animi e incantare chi legge.

Ogni poeta può rivedersi in questo componimento della “poetessa dei Navigli”. 

I poeti parlano di notte

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.

I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.

Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.

Di Erica Ciaccia

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

Continue Reading

Entertainment

Coronavirus: morto Larry King, celebre il suo show sulla CNN

Redazione

Published

on

È morto Larry King, celebre conduttore televisivo statunitense celebre principalmente per il suo omonimo show, andato in onda sulla CNN dal 1985 al 2010 per la bellezza di settemila puntate. Aveva 87 anni e da tre settimane era ricoverato al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles perché positivo al Coronavirus. Il virus purtroppo ha avuto la meglio.

Larry King era affetto da patologie pregresse, principalmente il diabete di cui soffriva da anni, così come di problemi cardiaci. Nel 1987 ebbe un attacco di cuore e venne operato per l’installazione di cinque bypass. Nel 2017 era stato operato per un tumore ai polmoni. Nato come Lawrence Harvey Zeiger a New York il 19 novembre del 1933 aveva mosso i primi passi da giornalista proprio nella Grande Mela Prima di avere successo, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, anche in Florida come speaker e radiofonico in quel di Miami Beach. Sul finire dei Settanta ritorna a New York per commentare i campionati di football americano.

Alla carriera da giornalista e conduttore televisivo ha affiancato il suo impegno sociale da filantropo. Sul finire degli anni Ottanta fondò la Larry King Cardiac Foundation con la quale sosteneva le spese cardiache per i più poveri. In carriera ha collezionato più di cinquantamila interviste.

Leggi anche: “Sanremo, l’eccezione che ignora la regola”, la rabbia di artisti e associazioni di categoria

Continue Reading

In evidenza