Tom Cruise al fianco di Venezia: aiuti economici e set di Mission Impossible 7 confermato

Tom Cruise giura amore a Venezia e all’Italia. Le riprese della settima pellicola della saga di Mission Impossible, avviate a inizio anno nel città veneta e poi bruscamente interrotte a causa dell’emergenza Coronavirus e quindi del conseguente lockdown, riprenderanno laddove interrotte. La scelta è da rimettersi alla volontà ferrea di Cruise che non ha assolutamente accolto l’idea della produzione di replicare i set negli studiosi inglesi.

Secondo il quotidiano britanicco The Sun, infatti, all’attore sarebbe stato proposto di ritirarsi dal set veneziano per girare le riprese in Inghilterra. Proposta bocciata e rispedita al mittente.

MyZona

Ecco quanto riportato dal giornale “Tom Cruise si rifiuta di girare da qualche altra parte perché vuole far affluire i suoi milioni in una delle aree più colpite dal Coronavirus, così da aiutarla a riprendersi. I responsabili della produzione avevano tentato di trovare una location alternativa, ma a lui non ne andava bene nessuna. Il gesto verso  la città e sarà sicuramente accolto bene dai veneziani. L’Italia ha iniziato ad allentare le misure del lockdown e con la riapertura di parchi, fabbriche e cantieri, i responsabili di Mission: Impossibile 7 e lo stesso Tom Cruise”sono convinti che non ci vorrà ancora tanto tempo prima di riprendere le riprese, quindi hanno già iniziato una serie di discussioni su come fare“. 

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli