Ticket to Ride a Spazio Rimediato, parole e musica aspettando il Natale

Nuovo appuntamento della stagione “Tutto il superfluo necessario 2021” di Spazio Rimediato. Sabato 11 dicembre è in programma “Ticket to Ride”, un viaggio in parole e musica, aspettando il Natale.

Alla fine del 2020, Radio L’Aquila 1 ha lanciato il format “Ticket To Ride – canzoni in viaggio”, programma di approfondimento tra musica e letteratura.

Ogni settimana è stato affrontato un tema diverso legato al viaggio, all’andare, alla scoperta. Un percorso declinato in canzoni (trasmesse dallo studio o suonate dal vivo) e accompagnato da riflessioni, spunti letterari classici e contemporanei. Sono stati affrontati temi come incontro, spiritualità, macerie e rovine, labirinti, oceani, orizzonti, boschi e montagne.

“Ticket to Ride” ora approda in teatro, con un reading in musica in programma sabato 11 dicembre (ore 19 con replica alle 21) a Spazio Rimediato, teatro off dell’Aquila. Il tema scelto è quello del Natale, con un percorso che rende omaggio ad alcune opere o pellicole simbolo del periodo: parliamo di A Christmas Carol, La vita è meravigliosa, Nightmare Before Christmas, ma anche del Grinch, film-parodia di tutte quelle persone che non sopportano tutto questo affannarsi dietro a regali, pranzi, letterine, decorazioni e pacchetti.

Ma se tutte queste persone un po’ Grinch, volessero solo ricordarci la vera essenza del Natale? C’è ancora tempo per un piccolo omaggio a Eduardo De Filippo e al suo Natale in casa Cupiello, in un percorso che non può prescindere da Una poltrona per due.

“Ticket to Ride”, da un’idea di Gioacchino D’Annibale, è una produzione di Spazio Rimediato con testi di Giuseppe Tomei, per la regia di Roberto Ianni. In scena Antonella Finucci, Valeria Valeri Luca Centi Pizzutillo. Musiche a cura di Fabio Iuliano (chitarra e voce), insieme ai violinisti Alessandra Chiarelli Andrea Petricca. Supporto tecnico di Federico Etere.

Caminante, caminante, no hay camino, se hace camino al andar – Viandante, sono le tue impronte, il cammino, e niente più, viandante, non c’è cammino, il cammino si fa andando”. Un viaggio attraverso esperienze e percorsi letterari e musicali. Un viaggio in cui ci si scopre uguali e diversi allo stesso tempo.

Articolo precedenteOscar 2022: “Un Eroe”, il film di Asghar Farhadi che rappresenterà l’Iran
Articolo successivoSu il Sipario al Talia di Tagliacozzo con le favole di Oscar Wilde
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.