Se Stranger Things strizza l’occhio a Stephen King

A un anno dalla conclusione della terza stagione, ho ripreso in mano Stranger Things per rilanciarmi in un’appassionante maratona. Ho sempre ritenuto ingiuste le critiche di chi ha affermato che non tenga il passo delle precedenti e che, inoltre, sia anche sottotono rispetto a esse. Negli otto episodi che la compongono l’evoluzione della storia, dei personaggi e delle vicende che ruotano loro attorno è concreta e straordinariamente rappresentata, esattamente come accaduto nella seconda rispetto alla prima. E’ un’inevitabile e bellissima conseguenza chiamata, appunto, evoluzione. Ed è qui che il “piatto” e “scontato” citato da qualcuno fa acqua ed è fuori contesto, per usare un’espressione pulita. Cosa si aspettavano, un copia incolla infinito e una minestra riscaldata in eterno?

E’ una sceneggiatura perfetta, quella di Stranger Things, che in più passaggi ricorda da vicino alcune opere di Stephen King: i bambini e la loro lotta contro il male, il profondo senso di amicizia, il legame di amore-odio con la propria realtà di provincia, il sentimento cristallino e puro ostacolato da vicissitudini che, però, non potranno mai realmente scalfirlo e che verrà ricordato per tutta la vita. E poi, ancora, il passaggio all’età adolescenziale, la difficoltà nel lasciarsi alle spalle quella “infantile” nella quale ci si costruisce un mondo, si crede nei sogni e si spera nel fatto che questi possano avverarsi. Il dramma interiore di vedersi crescere, di capire di stare diventando adulti e maturi e che, quindi, nulla sarà più come prima. La consapevolezza che un capitolo della propria vita, quello più genuino, più dolce, più bello, più innocente è ormai alle spalle. 

MyZona

E, per andare ancora più sul popolare, non si può non apprezzare la caratterizzazione dei personaggi, più vicini a un Los(V)ers Club di qualsiasi altro tentativo mai portato sul grande schermo. Il ricordo di un’estate di “Stand By Me“, i demoni interiori di It, le memorie del luna park di Joyland. C’è molto, in effetti, di King in questa meravigliosa serie che non ti stancheresti mai di guardare e che vorresti non finisse mai. In un connubio di citazioni, dai The Clash alla Storia Infinita, dalla Guerra dei Mondi a Guerre Stellari, da inquadrature alla Jurassic Park e da sottofondi musicali devoti al verbo dell’horror-fantasy anni ’80, la verità è che Stranger Things dei fratelli Duffer ha più personalità di quanto si voglia far credere o di quanto qualcuno voglia credere.

Resta da attendere solo la quarta stagione, forse l’ultima, forse la penultima. Ci sarà ancora un’evoluzione, ci deve essere. Perché al centro della trama della serie c’è la vita di un gruppo di bambini che, però, diventano adolescenti. E allora l’inevitabile passo sarà quello di scoprire quale strada avranno preso le loro vite. Con buona pace dei detrattori e di coloro che amano la minestre riscaldate.

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli