Connect with us

Interviste

Scopriamo Natalia Rodríguez, star delle serie tv spagnole lanciata da Netflix con Alta Mar

Eleonora Lippa

Published

on

Versione italiana

Netflix ha segnato la riscossa delle serie tv spagnole, questo pacifico. Fra queste c’è “Alta Mar”, giunta alla terza stagione. Contenuti in bilico tra il thriller e la soap opera, strizzando un occhio qua e là ad Agatha Christie con trame curiose e avvincenti. La serie è andata molto bene, sia in Italia che nel resto del mondo. Abbiamo incontrato Natalia Rodríguez che presta il volto a Natalia Fábregas, personaggio tra i più interessanti e sicuramente bene caratterizzato dall’attrice 27enne.

Ciao, Natalia, benvenuta su The Walk Of Fame. Come stai? In che modo inganni il tempo dentro casa per via della quarantena?

Ciao! Beh, tutto sommato abbastanza bene. Ci sono momenti sì e momenti no, come succede a tutti immagino. Alcune volte ho una sensazione di claustrofobia, ma si va avanti. Cerco di mantenere una certa routine come per esempio leggere tutte le mattine e fare lezione di ballo o yoga la sera, oltre che fare meditazione e suonare il violino. Sono tutte cose alle quali non posso dedicarmi normalmente per mancanza di tempo.

Tu che da qualche mese sei uscita su Netflix con Alta Mar, quanto credi sia importante l’intrattenimento televisivo in un momento come quello che stiamo vivendo?

Allora, credo che questa situazione dimostri l’importanza del ruolo giocato dalla cultura nella società e per l’essere umano in particolare. Se non avessimo avuto Netflix o un buon libro suppongo che la settimana sarebbe stata vissuta con più agitazione. La cultura riempie l’anima, è così, e questa situazione è quella che è.

Come attrice ti ho conosciuta proprio grazie ad Alta Mar. Interpreti Natalia Fábregas, una donna forte, indipendente e di grande personalità. Come è stato vestire i suoi panni? Quanto pensi di aver caratterizzato questo personaggio?

Il personaggio di Natalia subisce delle importanti evoluzioni nel corso delle due stagioni. Nella prima, è una donna maltrattata. Nella seconda viene fuori il suo essere forte, desiderosa di riappropiarsi del potere che le avevano portato via in tutti quegli anni. Interpretarla è stata una sfida, è il ruolo più lontano da quella che sono io, in tutti i sensi, sia a livello fisico e sia a livello di forza caratteriale, siamo molto diverse. È stato però anche un onore aver avuto l’opportunità di rendere giustizia a tutte quelle donne che hanno vissuto una situazione analoga nella propria vita.

Ti rivedi in lei in qualche modo? Senti di somigliarle?

Come ti dicevo, non ci somigliamo affatto. Lei desidera il potere più di qualsiasi cosa, anche della sua famiglia. Ma entrambe abbiamo un bel caratterino (ride).

In questi anni le serie tv spagnole sono tra le più gettonate. Quale è il segreto di questo successo, ammesso che vi sia?

Credo che l’accesso a nuove piattaforme internazionali ci sta aiutando molto a mettere in vetrina progetti che abbiamo sempre avuto ma che mai abbiamo potuto far conoscere. Ci sono sempre stati ma mancava la visibilità.

Su cosa stai lavorando attualmente? Puoi darci qualche anticipazione?

Abbiamo appena finito di girare la terza stagione di “Altamar”!

I biopic sono una certezza del mondo del cinema. Se dovessi scegliere, chi ti piacerebbe impersonare?

Mi piacerebbe molto un film su Hedry Lamar o una storia simile a “Bronson”.

The Walk Of Fame è un magazine italiano, quale è il tuo rapporto con il cinema e con la televisione del nostro paese?

Amo Sorrentino e tutto quello che fa ma, ad essere sincera, non ho una conoscenza approfondita del cinema italiano.

Il tempo a nostra disposizione è finito, grazie per la disponibilità. Lascio a te le ultime parole per salutare i tuoi fans..

Grazie a te! È un piacere poter fare un’intervista per un altro Paese. Grazie veramente! Tanti baci a tutte e a tutti!

Versión española 

Netflix sacó a la luz el mundo de las series de TV españolas. Entre ellas se destaca “Alta Mar”, recién llegada a la tercera temporada. Una historia al borde de un thriller y una telenovela, con una sinopsis particular y cautivante. La serie tuvo un gran éxito, tanto en Italia como en el resto del mundo. Hemos etrevistado a Natalia Rodríguez que interpreta el papel de Natalia Fábregas, uno de los personajes más fascinantes y, sin duda, perfectamente interpretado por la joven actriz.

Hola Natalia, bienvenida a The Walk of Fame, ¿cómo estás? ¿Cómo pasas el tiempo durante esos días de cuarantena?

Hola!! Pues dentro de lo que cabe bastante bien, tengo momentos como todos imagino, de cierta claustrofobia, pero aguantando. Intento mantener una rutina diaria como por ejemplo leer todas las mañanas y hacer clases de baile o yoga por las tardes además de meditar y practicar violín. Cosas que normalmente por falta de tiempo me cuesta hacer.

Saliste hace unos meses con la serie “Alta Mar” disponible en Netflix, ¿cúanto piensas que sea importante el entretenimiento televisivo en un momento histórico como el que estamos viviendo ahora?

Bueno, creo que esta situación demuestra lo importante que es la cultura para una sociedad y para el ser humano en particular. Si no tuviesemos Netflix o un buen libro supongo que a la semana estaríamos con bastante ansiedad. La cultura llena el alma, es así, estemos en la situación que estemos.

Te conocí justo gracias a la serie “Alta Mar”, en la que interpretas el personaje de Natalia Fábregas, una mujer fuerte, independiente y con gran personalidad. ¿Cómo ha sido interpretar ese papel? ¿Cúanto piensas de haber caracterizado su personaje?

El papel de Natalia tiene una transformación bastante grande en las dos temporadas, en la primera es una mujer maltratada mientras que en la segunda aparece el despertar de la mujer fuerte que ansía el poder que le habían arrebatado durante tantos años. Interpretarla ha sido un reto, es uno de los papeles mas diferentes a mi, en todos los sentidos. Fisicamente y de energía, somos muy diferentes. También ha sido un honor poder hacer cierta justicia a las mujeres que han podido tener una situación similar en su vida.

¿Cúanto te reflejas en ella? ¿Le pareces un poco?

Como te decía, no nos parecemos mucho. Ella ansía el poder por encima de todo incluso de su familia. Aunque supongo que nos parecemos en que tenemos bastante carácter, jajaja.

Parece que en estos años las series tv españolas se colocan entre las más queridas por el público, ¿cúal es el secreto de este éxito, siempre que exista?

Creo que la entrada de nuevas plataformas internacionales nos esta ayudando a hacer de escaparate para muy buenos proyectos que siempre hemos tenido pero que faltaba esa visibilidad para hacerlas virales. Siempre han estado ahi, pero faltaba esa visibilidad.

¿En qué estás trabajando ahora? ¿Puedes decirnos algo?

Acabamos de terminar la tercera temporada de Altamar!

Las películas biográficas representan una garantía en el mundo del cine. Si pudieras elegir, ¿quién te gustaría interpretar?

Me encantaria una peli sobre Hedy Lamar o alguna historia similar a “Bronson”.

The Walk of Fame es un magazine italiano. ¿Cúal es tu relación con el cine y la televisión de nuestro País?

Amo a Sorrentino y todo lo que hace, pero si te soy sincera me falta mucha cultura cinéfila italiana.

El tiempo a nuestra disposición se acabó, te agradezco muchísimo. Te dejo a ti las ultimas palabras para saludar a tus fans…

Gracias a ti! Es un placer poder hacer una entrevista para otro pais! Gracias de verdad! Mil besos a todos y todas!

Studentessa di traduzione editoriale, innamorata della Spagna, del cinema italiano e delle parole di Alberto Moravia, coglie al volo la possibilità di uscire dalla suo comfort zone e visitare tutto ciò che è possibile. Gingerness e arrosticini come unico credo.

Interviste

Carolina Bubbico: “Vi presento il mio disco “felice”. Ai miei studenti? Consiglio di essere autentici”

Michela Moramarco

Published

on

Carolina Bubbico giunge al suo terzo album di inediti con “Il dono dell’ubiquità”

Cantante, pianista, arrangiatrice e direttrice d’orchestra, Carolina Bubbico ha un’idea della musica molto eterogenea. In questo suo nuovo progetto discografico esplora varie attitudini e sonorità, a volte sorprendenti e di certo ricche di sfumature. “Il dono dell’ubiquità” non si va a incastonare in nessun genere musicale preciso. Ed è questa l’essenza per poterlo ascoltare, liberi da ogni sterile collocazione.

Abbiamo parlato con Carolina Bubbico.

“Il dono dell’ubiquità” è un titolo d’impatto. Complessivamente, cosa vuoi raccontare?

Sicuramente voglio dare l’idea dell’ubiquità in senso musicale. Mi sono auto-dichiarata ubiqua poiché mi piacciono cose diverse, non voglio più etichettarmi o rispondere alla domanda “che genere fai?” Per me questo è un disco felice, riesce a restituirmi questo impatto che rispecchia i miei gusti. Ho cercato di dare un filo conduttore dal punto di vista compositivo. L’ubiquità è anche culturale, con l’idea di aprirsi al diverso.

Come è andata la fase di produzione in generale? Ci sono anche tante diverse collaborazioni..

Questo disco è stato molto particolare perché abbiamo registrato da febbraio a giugno. Probabilmente dal punto di vista creativo il lockdown mi ha aiutata. Ci sono infatti collaborazioni con musicisti a cui forse non avrei mai pensato di contattare. Abbiamo registrato a distanza. Mio fratello Filippo Bubbico è il produttore del disco e insieme abbiamo lavorato al Sun Village studio, ovvero lo studio che abbiamo a casa nostra in campagna. Abbiamo ragionato fuori dalle logiche di mercato, cercando di puntare in alto, verso la qualità. Nel complesso, è un disco molto collettivo, ne sono felice. Credo molto nella cooperazione. Le tracce che abbiamo acquisito per comporre questo puzzle musicale derivano da varie parti del mondo. Paradossalmente si è abbattuta la distanza, ma non si è persa la cura per l’ascolto, nonostante non stessimo fisicamente vicino.

Il brano “Amore infinito” vede la collaborazione di Nando di Modugno, un chitarrista classico. Com’ è andata la composizione di questo brano?

Ho coinvolto Nando in questo brano che è un po’ un omaggio al Brasile. Mi sono trovata molto bene, lui è una persona molto accogliente ed è un musicista straordinario, di grande sensibilità. Sapevo che prima o poi l’avrei contattato. Ho sempre avuto un rapporto di amore e odio con la chitarra, anzi, un amore a distanza. Non l’avevo mai inserita in un mio disco. Io stessa mi sono avvicinata allo strumento e incredibilmente alcuni pezzi li ho scritti alla chitarra. È nato dunque “Amore Infinito”, che è una sorta di preghiera di un padre che dichiara a sua figlia amore eterno. La produzione è avvenuta di persona. È stato divertente, in quel momento stare insieme è apparso ancora più prezioso.

Sei anche docente di conservatorio. Dunque, cosa ti senti di consigliare a un giovane che vuole intraprendere una carriera da musicista?

Consiglierei di non comporre necessariamente musica propria, a meno che non si abbia una vocazione. La musica si può vivere sotto tantissimi aspetti, ognuno deve proseguire ciò che lo fa stare bene. In questo lavoro spesso ci si impone dei ruoli che non si addicono alla persona. E invito ogni aspirante musicista a cercare la propria vocazione. Inoltre, consiglio di conservare la propria autenticità, che  fondamentale e mai scontato.

Mi racconti un aneddoto della tua carriera?

Mi viene in mente il viaggio in Giappone, quando sono andata a suonare a Tokyo. È stato un confronto con una cultura e un modo di porsi molto diverso dal nostro. Sono affascinata dalla diversità umana e ovviamente l’esperienza del viaggio è l’emblema del confronto. È stata un’esperienza quasi mistica, ecco cosa mi viene da raccontare in questo momento.

Continue Reading

Interviste

Altarboy e Levante insieme su Netflix: intervista al duo romano

Antonella Valente

Published

on

Gli Altarboy muovono i loro primi passi in una Roma anni ’80, fatta di riscoperte ed esplorazioni musicali dall’hip hop all’elettronica fino alla musica house. Al tempo però il progetto non era ancora nato. C’era solo una forte amicizia – che dura ancora ora – tra Attilio Tucci e Sergio Picciaredda, due ragazzi sedicenni che passavano i loro pomeriggi a registrare nastri dentro le cantine dei Parioli.

Oggi quei ragazzi sono cresciuti e nel corso della loro carriera a partire dal 2010 – anno della fondazione degli Altarboy – hanno sfornato una decina di dischi tra cui “Way beyond” contenente “Blow” e “You on me”, scelti per la colonna sonora della serie “Baby” prodotta da Netflix. A questi, però, si è aggiunto anche “Vertigine” il brano realizzato insieme a Levante, permettendo loro di consolidare la collaborazione con la produzione della serie Netflix.

“Vertigine” è il vostro ultimo singolo realizzato insieme a Levante per la serie Netflix “Baby”. Come è nata questa collaborazione?

L’idea di “Vertigine” è nata negli studi di Fabula Pictures insieme al produttore della serie di “Baby” Marco De Angelis. Noi eravamo già parte della colonna sonora delle prime due stagioni con quattro singoli (“Blow -You on Me” – “Keep it on Your Mind” – “Tonight”) e per la terza, quella finale, Marco aveva bisogno di qualcosa di eccezionale, così ha pensato che avrebbe potuto funzionare e unire un duo indie dal suono internazionale come noi con una artista italiana già molto affermata come Levante. Come dargli torto! La colonna sonora di “Baby” resta una delle più riuscite in assoluto.

Levante è una delle cantautrici più seguite nel panorama musicale attuale, com’è stato lavorare con lei?

Il brano è stato praticamente prodotto durante il lockdown per cui non ci siamo mai incontrati fisicamente. Lavorare con lei comunque è stato molto stimolante poiché abbiamo avuto la prova di quello che abbiamo sempre pensato cioè che Levante è un’artista che arriva direttamente alle persone ma in modo assolutamente originale, mai scontato e sapevamo che questo connubio avrebbe funzionato e il successo che sta riscuotendo “Vertigine” ne è una conferma.

Gli Altarboy nascono ufficialmente nel 2010, ma l’amicizia tra Attilio e Sergio va oltre questa data. Quando vi incontrate per la prima volta?

Siamo amici dai tempi della scuola e abbiamo sempre condiviso una grande passione per la musica poi siamo stati bravi a farlo diventare un lavoro realizzando il nostro sogno.

YouTube Music vi considera tra i 50 artisti che hanno dettato il suono del 2019, è così?

A quanto pare sì. Il nostro suono è come il nostro marchio di fabbrica ciò che ci identifica, quello che quando qualcuno sente un brano senza sapere chi è dice: “Altarboy”. Il 2020 ne è stata la conferma.

Cosa vi aspettate per il vostro futuro musicale? Durante il lockdown avete avuto modo di pensare ad altri progetti?

Stiamo lavorando ad un secondo album e a nuove collaborazioni sulla scia di “Vertigine”, quindi mettete l’orecchio sul binario che arriverà tanta nuova bella musica!

Continue Reading

Interviste

L’Avvocato Dei Santi: “essere me stesso è la mia più grande ambizione”

I suoi brani mescolano cantautorato e attitudine rock, collocando il progetto tra i più interessanti della scena underground italiana

Michela Moramarco

Published

on

L'Avvocato Dei Santi

L’Avvocato Dei Santi racconta il suo nuovo singolo “Luci Accese”

L’Avvocato Dei Santi, al secolo Mattia Mari, è un musicista romano eclettico e innovativo.

I suoi brani mescolano cantautorato e attitudine rock, collocando il progetto tra i più interessanti della scena underground italiana. Difficile definirlo in un genere. Potremmo azzardarci a dire che la sua musica è un genere a sé.

L’Avvocato dei Santi. Questo nome rende la domanda obbligatoria: a cosa si deve questa scelta?

L’Avvocato Dei Santi è una figura del mondo ecclesiastico, si occupa delle pratiche di canonizzazione. È un personaggio che ho incontrato davvero quando avevo diciotto anni. Lavoravo in un ristorante vicino Città del Vaticano e spesso arrivavano personalità legate a questo mondo, tra cui una figura che mi era apparsa sin da subito molto rispettabile. Chiesi a un mio collega chi fosse. “E’ l’avvocato dei Santi”, disse. Mi rimase impresso e pensai che sarebbe potuto diventare il nome di un mio progetto musicale. Inoltre penso che sia adatto come nome a rappresentare quello che faccio: un po’ misterioso, mistico, oscuro.

L’Avvocato Dei Santi è un genere musicale a sé. Un po’underground, un po’ cantautorale. Quali sono le tue influenze musicali?

Essere me stesso è la mia più grande ambizione, quindi grazie. Tra le mie influenze c’è molto dei miei ascolti del passato: dai Led Zeppelin a Battisti, per parlare di classici. Ad oggi ci sono cose alla “Arcade Fire” e simili.

“Luci accese” è il nuovo singolo

“Luci accese” è un brano che inizia un po’ cupo, poi si accende. Com’è nato? Cosa vuoi raccontare?

Si, a me piace dire che il brano si apre, come le braccia che si allargano per prendere un pezzo di vita. Credo di aver portato all’estremo l’elemento che caratterizza le mie canzoni, l’esperimento tra ombre e luce. Sono contento del risultato. L’ho scritto durante il lockdown. Volevo fare qualcosa che potesse rimanere nel tempo. Cesare mi ha mandato la base di batteria e in circa due giorni avevo chiuso il pezzo. Mi sono confrontato con Enrico Lupi (fiati; La Rappesentante di Lista, ndr) e con Carmine Iuvone (archi; Tosca, Motta, ndr); ognuno ha registrato le sue parti ed è nato “Luci Accese”.

Questo brano anticipa qualcosa?

In realtà penso che tutti i miei brani anticipino qualcosa. È un percorso. Sto indicando la strada a chi vuole seguirmi, per arrivare a qualcosa di più ampio. Sono un po’ perfezionista e questo disco uscirà quando sarò del tutto soddisfatto. Ho tante ipotesi. La situazione del mercato musicale non è delle migliori. Non poter promuovere un album dal vivo sarebbe un buco nell’acqua. Quest’inverno non uscirà il mio disco. Qualche singolo forse sì.

Continue Reading

In evidenza