Rockin’1000 Party, musica e cinema con il supergruppo all’Arena Lido di Rimini

Venerdì 23 e sabato 24 luglio a partire dalle 19 l’Arena Lido di Rimini ospita Rockin’1000 Party, un doppio appuntamento con la più grande rock band al mondo, nata grazie al video virale che ha convinto i Foo Fighters a suonare a Cesena e che oggi si esibisce nei grandi stadi (nel 2022 suonerà allo Stade de France di Parigi).

“È da diverso tempo che ci annusiamo con la città di Rimini e finalmente abbiamo trovato l’occasione giusta – dichiara Fabio Zaffagnini, Ceo e Fondatore di Rockin’1000 -. Ripartire dalla Romagna, la terra da cui tutto è iniziato, vedere il nostro film ed esibirci sul mare sarà suggestivo. Sarà al calar del sole, ma per noi quel tramonto ha il sapore di un’alba”.

MyZona

L’Arena Lido verrà travolta dall’energia dei musicisti impazienti di ricominciare a suonare insieme nel format Power 100, il live con la formazione da 100 elementi. Venerdì il programma prevede dalle ore 20 il Rotation Stage con il palco aperto a tutti, dove suonare alternandosi in una jam session rock continua.

Per partecipare occorre entrare nella app di Rockin’1000: il Rotation Stage è aperto a tutti i musicisti. A seguire, alle 21, ci sarà la proiezione di “We are the Thousand”, regia di Anita Rivaroli, il film che sta facendo il giro dei più importanti festival cinematografici internazionali.

Sabato alle ore 20 partirà ′”Power 100″ con 2 ore di concerti rock con il format composto da 100 musicisti della community Rockin’1000. In repertorio brani da “Won’t get fooled again” degli Who, “Police on my back” dei Clash, a “Space oddity” di David Bowie e “Gold on the ceiling” dei Balck Keys fino a “Up patriots to arms” dei Subsonica. A conclusione delle due serate ci sarà il dj set con la selezione musicale a cura del Velvet music&factory.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli