Radiò, cultura e “ribeltà” si incontrano in rete

Mariangela Ardovini è la regista, grafica e autrice di Radiò, emittente indipendente per la divulgazione e la promozione dell’arte, della cultura e della #ribeltà, come la chiama lei. Come nasce questa idea? La Ardovini dirigeva una trasmissione in una radio di Ferentino (Frosinone), città preromanica ricca di artisti, dove teneva un programma dal titolo FalkstudiOnAir. Dopo il primo lockdown la conduttrice, come molti del settore, si è ritrovata a reinventare i propri spazi.

Lo ha fatto tramite la piattaforma Streamyard con il programma dal titolo In arte Meggy (Mariangela si fa chiamare anche così). Radiò , dunque, è nata dall’esigenza di incontrare persone, dalla mancanza dei concerti e della musica dal vivo. Lunedì, mercoledì e sabato, quindi Mariangela ha ricominciato ad intervistare i suoi amici artisti.

MyZona

Il 26 aprile dello scorso anno, la prima trasmissione con ospite la cantante e chitarrista romana Giovanna Marinuzzi. Nel format Speaker X1 giorno, la Ardovini si è trovata a ribadire che “tutte le cose hanno un tempo” concetto che riversa nelle trasmissioni che realizza. Da sempre sostiene che questa radio deve essere fatta da chi la vuole per davvero, tanto che nessuno dei conduttori fa come mestiere principale lo speaker radiofonico. Altra caratteristica di Radiò è la sua versatilità su vari canali: Facebook, Instagram, YouTube e Twitch e, grazie a queste piattaforme inizia ad essere ascoltata anche dall’estero. 

Altra colonna di questo mondo è Mariaester Graziano, scrittrice abruzzese “scovata” da Meggy tramite Facebook e che attualmente tiene il format Eccetera che tratta di letteratura ma di arte in senso lato, proprio per questo è stato scelto questo nome, chiaramente indicativo per le tante personalità che fa conoscere al pubblico.

Molti dei conduttori degli altri format sono saltati fuori dalle sue trasmissioni. Tra questi lo scrittore Antonio Corradi che ha realizzato la RiCreazione, programma in cui ospita artisti principalmente musicali e in cui si diletta a fare il comico regalando momenti esilaranti anche con un tg decisamente particolare. Canzoni parlate è la serie di puntate tenuta da Sasà Calabrese in cui racconta e canta con una voce piena di passione, testi di canzoni che hanno fatto la storia della musica.  Erika Ledonne è una artista eclettica che tiene il format dal titolo Erikaledonne_Lab insieme alla figlia Mia.

Altra personalità che compone questa “famiglia” è Naida Casale, persona che la Ardovini ha contattato tramite la cantante Rida Gisi. Naida è un counselor naturopata che ha partecipato ad una precedente trasmissione che è Vita da Dea e ora tiene un format, Alchi-mia in cui attraverso i testi delle canzoni affronta temi di vita sociale e crescita personale.

Nadia Casale

Coccia Circus è il format in cui Corrado Coccia accompagna con le sue meravigliose canzoni , poetesse e poeti che hanno avuto modo di incrociare il suo percorso artistico. Gotha le eccellenze di Radiò è tenuto invece direttamente dalla Ardovini ed in cui cerca di portare fuori artisti di un certo spessore. Lovedistrict è il momento dedicato all’amore e agli aspetti sessuali della vita dell’essere umano trattati in modo esemplare dalla psicologa e psicoterapeuta Chiara Mastrantonio. 

Uno dei nuovi format è Contromano: la regista si propone di fare interviste live dal vivo e in diretta. Mercoledì 24 giugno, all’interno del format Il pianerottolo sarà ospite un evento in streaming organizzato nell’ambito del progetto Dante per tutti, proposto dall’associazione dei Naturalisti di Napoli in occasione del settecentenario del poeta. La sigla che accompagna ogni inizio trasmissione è , invece, di Adriano De Matteis.

Radiò è ricca di personalità differenti e proprio da queste viene resa unica. Parliamo di una emittente autofinanziata dalla sua fondatrice e tutti coloro che vogliono possono sostenere questo ricco progetto artistico tramite una donazione. Anche parte della vendita dei volumi “L’arroganza del prezzemolo” e “Come facette nonneta” di Mariaester Graziano va a contribuire alla crescita di questo meraviglioso mondo d’arte. Ma perché questo nome? La radio che compare in molte immagini social è una radio vera e funzionante che il padre di Meggy ha voluto regalarle qualche tempo fa, mentre stavano rimettendo a posto la cantina.

di Alessia Del Re

TUTTI I LINK DELLA RADIO

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli