Più facili i rimborsi dei concerti: approvato l’emendamento anti-voucher

Nonostante le resistenze di addetti ai lavori, forti talvolta anche del silenzio degli artisti stessi, l’emendamento che permetterebbe di ottenere il rimborso dei concerti al posto dei voucher è stato approvato.

L’emendamento andrà a modificare il Decreto Cura Italia e di sostituire il tanto osteggiato voucher con un rimborso completo nei casi di annullamento del concerto a causa del Coronavirus. Anche se, il rimborso verrebbe erogato solo nel caso di annullamento totale o di rinvio ove la nuova data venisse fissata oltre il termine previsto per l’utilizzo del voucher, per esempio oltre 18 mesi da quella originaria.

MyZona

“Piccola bella notizia da Commissione Bilancio Camera: approvato nostro emendamento a Decreto Bilancio per immediato rimborso cash dei biglietti dei concerti cancellati e non riprogrammati”. Così Stefano Fassina (LeU) qualche giorno fa. Non è stato il solo.

Sul tema si è espressa anche l’Antitrust: “Al consumatore, per i contratti di acquisto di titoli di accesso per spettacoli di qualsiasi natura (inclusi quelli cinematografici e teatrali) — ha spiegato l’authority —, i biglietti di ingresso ai musei ed altri luoghi della cultura, titoli di viaggio e abbonamenti ferroviari o di trasporto pubblico locali e, infine, abbonamenti per l’accesso a palestre, piscine e impianti sportivi, deve essere consentito di scegliere tra il rimborso monetario ed altre, eventuali, equivalenti modalità di compensazione, in un’ottica di contemperamento tra i diritti dei consumatori e l’esigenza di far fronte alla situazione di crisi di liquidità̀ in cui versano numerosi professionisti del settore”.

L’authority suggerisce pure che i voucher siano “accompagnati da garanzie e da strumenti volti a renderli più appetibili e affidabili”.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli