Ozzy Osbourne, la diagnosi più amara: ha il morbo di Parkinson

Da mesi si rincorrono le voci di un terribile male che affliggerebbe il Madman. C’è addirittura chi lo ha dato per morto, salvo pronta smentita della figlia, infuriata e infastidita da voci mirate a screditare l’amato padre. Ma è notizia di queste ore che Ozzy ha rilevato di essere affetto dal morbo di Parkinson. Lo ha fatto nel corso del programma televisivo “Good Morning America”, con il giornalista Robin Roberts.

Ha svelato che tutto è nato da un reiterato intorpidimento al braccio ma che, a causa di un precedente intervento chirurgico, non gli avrebbe dato il giusto peso. Poi le gambe hanno iniziato a diventare fredde e da lì sono sorte le preoccupazioni. Le disavventure di Ozzy in questo 2019 sono state numerose e tutte hanno lasciato i fan col fiato sospeso: da una polmonite (causata da un’influenza male curata) alla caduta che lo ha costretto a letto con l’inevitabile annullamento di una lunga serie di concerti, fra cui quelli italiani.

MyZona

Ecco quanto dichiarato da Sharon, la moglie: E’ un Parkinson di tipo secondario, che è una forma di Parkinson. Ci sono molti tipi di Parkinson e non è una condanna a morte, come si potrebbe immaginare ma coinvolge certi nervi del corpo. Passi delle giornate in cui sei in forma e altre in cui non lo sei per nulla”.

“La cosa più brutta è vedere qualcuno che ami soffrire”, ha dichiarato la figlia Kelly, “per noi è come se si fossero ribaltati i ruoli. Adesso siamo noi a dover dire ‘Riprenditi, forza, dobbiamo tutti accettare ciò che sta accadendo per superarlo’. Ma ci è voluto un po’ per far sì che tutti fossimo sulla stessa lunghezza d’onda”.

Leggi anche: Nel nuovo singolo di Ozzy Osbourne ci sono gli “Avengers” del rock n’roll

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli