Musica, letteratura e arti grafiche: ecco il Samara Festival

Foto: di Marica Massaro - Opera propria, CC BY-SA 4.0,

Letteratura, musica inedita e immagini in un weekend che si propone di celebrare l’arte nuova in ogni sua forma nonché una riscoperta della tradizione pittorica danese a partire da Kristian Zahrtmann, in virtù le sue estati passate a Civita D’Antino (L’Aquila). Ecco il Santa Maria Ricordi & Accordi, in programma proprio nel borgo abruzzese sabato 30 e domenica 31.

Un appuntamento che si propone come crocevia di artisti e autori provenienti da più parti d’Italia. La manifestazione è promossa dal Comune di Civita D’Antino, finanziata dall’associazione Palazzo Ferrante ed organizzata dall’associazione Anima Dischi.

Diversi i riconoscimenti che verranno assegnati agli artisti meritevoli:

Premio Samara (vincitore assoluto): Al miglior musicista del Festival 2022, il quale riceverà un riconoscimento in denaro nonché una produzione musicale offerta dall’etichetta discografica indipendente “Anima Dischi”. Il premio, sarà consegnato dal sindaco di Civita d’Antino, Sara Cicchinelli.

Targa Franco Califano: per premiare l’artista con il testo più intimo e vissuto sulla pelle, consegnato direttamente dal giurato Cinzia Baccini, storica corista del cantautore romano.

Targa Franco Battiato: Per premiare l’artista più distaccato ed artisticamente disinteressato alle dinamiche commerciali dell’industria discografica.

Targa Palazzo Ferrante: Al partecipante o alla band che eseguiranno la miglior performance musicale e scenografica. La targa sarà consegnata da Manfredo Ferrante

Targa Luca Piccone: In onore di Luca Piccone, della band I Nineties scomparso l’11 gennaio 2022, sarà donata una targa all’artista o alla band band che più rappresenta lo spirito musicale e artistico del cantante. Sarà consegnata dalla band “Nineties”

Targa Barba: In onore di Alberto Di Fabio, per premiare la composizione più geniale o ingegnosa in totale semplicità di mezzi.

A decretare i vincitori una giuria d’eccellenza: Felice Casucci, Lucio Meglio, Cinzia Baccini, Mario Quaglieri, Gianluca Alfonsi, Lorenzo Berardinetti, Valerio Bisegna, Pietro di Massimo.

A presentare il festival il giornalista Daniele Imperiale affiancato da Giada Panella.

Street food e attività collaterali accompagneranno la kermesse ideata da Matteo Di Fabio, vicesindaco del paese. Sabato spazio all’approfondimento sugli artisti danesi. Nel pomeriggio, in programma le presentazioni dei libri al teatro del Fauno con Massimo Pietrantoni, Roberto Cipollone, Mariavittoria Fiore, Paola di Domenico, Federico Falcone, Francesco Proia, Emanuele de Santis. A seguire, teatro e musica. Pittura e concerti sono previsti anche nella giornata successiva.

Foto: di Marica Massaro – Opera propria, CC BY-SA 4.0,

Articolo precedenteAddio a Pietro Citati, scrittore e critico raffinato
Articolo successivoA Ripa Teatina l’evento tra musica e solidarietà in ricordo di Erriquez della Bandabardò
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.