Connect with us

Musica

Torna il Music Day Roma, la full immersion nella storia della musica dagli anni ’50 a oggi

Published

on

Patrocinato dalla Regione Lazio come Manifestazione di interesse culturale, il Music Day Roma vanta un ampio parterre standistico con decine di espositori provenienti da tutta Italia e dall’estero, che propone una messe di dischi in vinile, cd, poster, riviste, oggettistica, memorabilia, a cui si affiancano gli incontri con i protagonisti del mondo musicale di ieri e di oggi, presentazioni di dischi, libri, dvd, dibattiti mai noiosi e sempre coinvolgenti su temi musicali.

Grazie all’iniziativa dell’Associazione Culturale “Per un pugno di dischi”, al Patrocinio della Regione Lazio e alle partnership di Radio Rock, radio ufficiale della manifestazione, di Classic Rock, il magazine musicale più venduto in Italia e di Vinile, il bimestrale della Sprea Editori dedicato al mondo del collezionismo discografico, la manifestazione romana offre la possibilità di condividere e approfondire le passioni di ciascuno in ambito musicale.

MyZona

Con una media che oscilla fra i 1.500 e i 2.000 visitatori, il MDR si è guadagnato nel corso degli anni un posto di assoluto rilievo nazionale, sia sotto il profilo collezionistico che sotto quello culturale, grazie alla lunga lista di importanti esponenti del mondo della musica e del cinema (le colonne sonore sono fra i dischi più ricercati dai collezionisti di vinile) che ha ospitato nel tempo. Grazie al successo riscontrato l’organizzazione del Music Day è stata invitata a realizzare la prima “Fiera del disco” di Faenza nell’ambito del Meeting delle Etichette Indipendenti, ad Ottobre 2019, appuntamento già confermato per il prossimo anno grazie ai più che promettenti risultati ottenuti.

La ventisettesima edizione

Il più importante evento collezionistico della Capitale in ambito musicale, propone come sempre, un’ampia area commerciale che accoglie oltre 50 espositori dov’è possibile trovare vinili di ogni genere, dalle chicche da collezione ai più amati Lp, parallelamente a importanti incontri culturali.

Nel corso della due giorni che animerà le sale del Mercure Roma West Hotel si alterneranno sul palco molti importanti artisti italiani, dal trio Rea-Moriconi-Golino, impegnato nella rivisitazione in chiave jazz del repertorio di Mina, a Claudio Simonetti, che presenta un nuovo album di inediti e il primo volume  di un’antologia dei suoi Goblin. Non mancheranno poi, come tradizione del Music Day Roma,  importanti protagonisti del mondo del cinema e delle colonne sonore, da Franco Micalizzi a Fabio Frizzi, dal regista Ruggero Deodato, ad Antonella Fulci, figlia del regista Lucio Fulci.

                                                            GLI INCONTRI

SABATO
Ore 11,30:

Claudio Simonetti presenta il suo nuovo lavoro discografico di inediti “The Devil is Back” e il primo volume dell’antologico “The very Best of” che propone 10 classici dei Goblin risuonati con l’attuale line up dei Simonetti’s Goblin.

Lo stile inconfondibile di un maestro della tensione in musica, torna a farsi sentire con un nuovo lavoro di inèditi che comprende anche 3 rielaborazioni di brani ben conosciuti come “Solitude” composta dal Maestro per il film “Multiplex” diretto da Stefano Calvagna del 2013, “Gamma” composta dal padre Enrico per l’omonimo sceneggiato tv del 1975, e “Chi?” e “Chi? Parte seconda”, brano composto da Pippo Baudo e Pippo Caruso ed eseguito dai Goblin come sigla del programma “Chi? – Giallo-quiz”abbinato alla Lotteria Italia del 1976.

Ore 15,30:

Presentazione dell’album “Tre per una”, rilettura di alcuni classici di Mina in chiave Jazz a cura di un trio d’eccezione composto da Danilo Rea (pianoforte) Massimo Moriconi (contrabbasso) e Alfredo Golino (batteria). Sarà presente Massimo Moriconi. Modera Fernando Fratarcangeli, Direttore di Raro Più e grande esperto della discografia di Mina.

Tre grandi jazzisti, ma anche tre partner storici di Mina, che suonano con e per lei da molti anni. La confidenza stretta con il materiale musicale, unita alla creatività e alla bravura del trio, pongono le grandi canzoni di Mina sotto una luce nuova e a tratti sorprendente, rivelandone particolari e sfumature inedite.

DOMENICA

Ore 11,00: Doppio incontro con Beat Records Company e Sonor Music, dedicato alle colonne sonore. Ospiti di Daniele De Gemini, titolare della Beat Records, Antonella Fulci, figlia del regista Lucio, Ruggero Deodato, icona vivente della cinematografia e il Maestro Fabio Frizzi, reduce da un incredibile tour di concerti in nord America.

Un doppio tributo dedicato al cinema di Lucio Fulci e Ruggero Deodato, realizzato in occasione della stampa delle colonne sonore dei film “La casa sperduta nel parco” (Ruggero Deodato, 1980), “I guerrieri dell’anno 2072” (Lucio Fulci, 1984), entrambe realizzate dal Maestro Riz Ortolani, e della trilogia del terrore di Lucio Fulci (“Paura nella città dei morti viventi”, “E tu vivrai nel terrore… l’aldilà!”, “Quella villa accanto al cimitero” (Lucio Fulci, 1980, 1981, 1982) per le musiche di Fabio Frizzi e Walter Rizzati.

A seguire Sonor Music Editions e Musica per immagini presentano la colonna sonora de “Il dio sotto la pelle” (Piero Piccioni, 1974, regia di Folco Quilici) su vinile in una nuovissima edizione realizzata utilizzando nastri inediti di prima generazione, accuratamente restaurati. Con un doppio LP completo di ben 12 tracce inedite e arricchito di note di copertina al suo interno e una stupenda grafica ispirata dai manifesti originali, questa meravigliosa e ricercata OST del maestro Piccioni rivede la luce a distanza di oltre vent’anni dalla prima pubblicazione. Moderano l’incontro il giornalista Marco Ferretti, autore delle liner notes, e Claudio Fuiano, artefice del remastering.

Ore 15,30:

Incontro con il Maestro Franco Micalizzi in occasione della pubblicazione di “Solisti – omaggio a Franco Micalizzi”, album che vede i brani più belli del Maestro interpretati da grandi musicisti, fra cui Enrico Pieranunzi e Fabrizio Bosso, atteso anche lui a quest’incontro che vedrà la partecipazione di molti dei musicisti presenti nel disco, fra i quali Héctor Ulises e Roberto Passarella, Don Sensini, Valentina Ferraiuolo, Dario Rossi.

“E’ bellissimo scoprire, nell’ascolto di queste interpretazioni, significati che lo stesso autore aveva inconsapevolmente espresso, ed anche compiacersi della bravura e dello spirito di chi suona; io credo di  essere stato particolarmente fortunato per il gran livello di chi ha voluto dedicarmi questo bellissimo omaggio”. Le parole di Micalizzi sono la miglior presentazione per questo lavoro, che si avvale anche delle voci di Orietta Berti, Mariella Nava, Frankie Lovecchio e Valentina Ducros. Molto preziosa la partecipazione del figlio Cristiano Micalizzi, tra i più apprezzati e richiesti batteristi italiani.

Foto: Progressivamente

Musica

Gassa D’amante: “Vi riportiamo negli anni ‘80”

Published

on

Abbiamo incontrato i Gassa D’amante, band romana, nata da quattro amici di vecchia data nel bel mezzo della pandemia. La band pop-alternative (da loro così definita) con sonorità anni ’80 nasce infatti da un’idea di del chitarrista Roberto Iorio che nell’estate del 2019, inizia a lavorare sul primo brano “Onirica”. In un secondo momento si aggiunge il cantante Marco Antonio Sergi e a seguire il chitarrista Daniele De Sapio e il batterista/tastierista Fabio De Angelis. A distanza di poco tempo però, i ragazzi si ritrovano con le spalle al muro bloccati dal primo lockdown di marzo 2020.

La band poco tempo fa è stata ospite ai microfoni di Stregati Dalla Rete (format notturno di RadioRock) in cui Marco, il cantante ci ha spiegato alcune dinamiche e rivelato qualche aneddoto. Non nega quanto sia stato duro nascere e crescere online a causa di una chiusura forzata. Indubbiamente alla band è mancato il fatto di potersi incontrare in uno studio per parlare, confrontarsi e registrare. In più è stato difficile anche proporsi al pubblico. “È vero che i social ci aiutano, ma stare su un palco è totalmente diverso”.

MyZona

Leggi anche. “Tutte le strade portano a Roma e a guidare ci pensano i The Pischellis

Ha spiegato poi Marco che genere della band , come detto prima, definito da loro retro-wave è molto influenzato da Kavinsky.

Ascoltando i loro brani, possiamo renderci subito conto delle sonorità anni ’80, dovute in particolar modo dall’uso dei synth. In realtà ognuno di loro ha influenze diverse; dal metal, al tribal house e chi più ne ha più ne metta, ma unendo il tutto ecco che escono questi suoni.

Abbiamo notato inoltre che il loro nuovo album “Cose Strane” si rifà a “Stranger Things, tant’è che nell’omonimo brano possiamo ascoltare un monologo che solo i bambini degli anni ’80, ormai adulti, possono comprendere, ovvero il grido di chi prima era considerato nerd e  quindi sfigato, emarginato, ma che ora è invece ritenuto alla moda e popolare.

Leggi anche: “Mannaggia: “Sorgiamo dalle tettine di questa mamma Roma mordendo forte con i denti”

Una domanda che ovviamente era d’obbligo fare, è stata proprio quella sul loro nome. Gli abbiamo fatto notare che il nodo gassa d’amante è uno di quelli più semplici da fare, ma più difficili da snodare. Marco confessa di non aver mai pensato a questo aspetto del nome, ma riflettendoci un secondo non ha esitato a sottolineare il fatto che questo nodo sia il più stretto, sicuro e duraturo proprio come la loro amicizia e che il concetto di sicurezza per loro è strettamente legato alla musica.

Il cantante ha voluto evidenziare quanto i Gassa D’amante siano una band coraggiosa, ed è proprio così! I ragazzi infatti sono tra i finalisti di Sanremo Rock e sono pronti per raggiungere il palco dell’Ariston!

Non esitiamo quindi a fargli un grande in bocca al lupo e speriamo di vederli presto live!

Continue Reading

Musica

Arezzo Wave Abruzzo, ecco gli ospiti e finalisti della competizione canora

Published

on

Si svolgerà venerdì 30 luglio presso il Why Not 2.0 a Carsoli la finale regionale di Arezzo Wave Abruzzo con ingresso gratuito.

Da oltre 30 anni la Fondazione Arezzo Wave Italia, Fondazione no profit,  organizza il Love Festival. A livello nazionale il Love Festival ha fatto sì che la scena live ed elettronica italiana diventasse un vero fenomeno promuovendo i migliori artisti, sia indie che pop. Mescolando la musica assieme ai fumetti, la letteratura, il teatro, il cinema, le arti visive e la tecnologia il Love Festival ha parlato un linguaggio moderno in grado di sostenere, promuovere e valorizzare la diversità culturale.

MyZona

Arezzo Wave Abruzzo, l’associazione culturale Franti Rise e l’Etichetta Discografica Anima Dischi (Ass. Cult. Animus LAB), dopo un attento ascolto delle 20 band hanno selezionato i 5 gruppi finalisti che si esibiranno Live venerdì 30 luglio 2021 al Why Not 2.0 situato a Carsoli in via Tiburtina Valeria al Km 69.

I 5 finalisti che si sfideranno sul palco di Arezzo Wave Abruzzo saranno: Farge di Civita D’Antino (AQ), Le canzoni giuste di Montesilvano (PE), MALAMADRE di Manoppello Scalo (PE), RinoeGliAltri di Fara Filiorum Petri (CH), RockweilHertz di Lanciano (CH). Durante la serata si esibiranno gli Artisti di Anima Dischi: Blessiu di Avezzano (AQ), Eterer di Carsoli (AQ) e Amaro di Roma. 

Leggi anche: “Go Abruzzo Festival: Guardiagrele punta sulla cultura per il rilancio del borgo

I finalisti di Arezzo Wave Abruzzo:

Farge

Farge al secolo Matteo Di Fabio, cantautore e poeta, incontra per la prima volta la musica a 7 anni, quando imbraccia per la prima volta una chitarra, una Castelfidardo. A 16 anni mette su la prima band, gli Arsenik, ma è con gli Alveromanzia che iniziano ad arrivare i primi risultati concreti, arrivando in finale al Premio Musica ControCorrente Lucio Battisti, al Festival Augusto Daolio e al Festival di Avezzano.

Da solista, nel 2019 è semifinalista al Tour Music Fest (indetto da Mogol) e, nel 2021, è finalista al Premio Fabrizio De André (organizzato da Dori Ghezzi, SIAE, iCompany e dalla Fondazione Fabrizio De André) con la poesia “Caro vecchio cantautore”. Sempre da solista, nel 2019 pubblica i singoli “Rebecca” e “K2” (brani con cui arriva in finalissima a Sanremo Rock), mentre è del 2020 l’uscita del brano “Torni alla realtà”. Attualmente, Farge è alle prese con la pubblicazione del suo nuovo singolo, “Giorni”, con un videoclip girato da Loreto Di Cesare, film maker italiano di stanza a Los Angeles, ex cameraman del Centro Televisivo Vaticano, per anni al seguito di Papa Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Le Canzoni Giuste

Le Canzoni Giuste nascono a Pescara nel febbraio del 2017. Il progetto è caratterizzato da uno stampo ironico-demenziale e dalla totale mancanza di appartenenza ad un unico genere.

Le Canzoni Giuste sono composte da: Iacopo Ligorio: chitarre, voci, musiche, testi, arrangiamenti e produzione elettronica; Bruno Contin: pianoforte, tastiere e synth, cori, testi, musiche, arrangiamenti e produzione elettronica; Flavio Piermatteo: sax, EWI e cori; Luca Degl’Innocenti: basso, cori, musiche e arrangiamenti; Gianmarco Spaccasassi: batteria, percussioni, Chris D’eramo: chitarre (turnista – live).

A maggio 2019 pubblicano il disco d’esordio “Per l’amor del cielo” per la Wolrd Fonogram Records. Escono i 2 singoli: “Ma perché mi insulti su Facebook? Comprati una macchina” e ”Per l’amor del cielo” entrambi con videoclip. Negli anni la band conquista diversi premi e riconoscimenti, come il Premio nazionale del Festival Della Melodia (2018), i contest Revolution Sound, A-Cappello Festival e Beyond Sound mission (2019) e molti altri. Nel 2017 e 2018, sono finalisti del contest Area Sanremo.

Nel 2021 pubblicano “Sushi all you can hit” , il primo singolo estratto dal loro nuovo album interamente auto-prodotto “Felici e Contenti” che uscirà a settembre insieme al loro primo gioco da tavolo, creato ed ispirato al concept dell’album. Insieme al singolo, esce anche un videoclip, che apre una saga di 4 episodi incentrata sul viaggio nel tempo. Nel Giugno 2021 escono gli episodi 2 e 3 della loro saga, rispettivamente i singoli “Candy Crash”, e “Felici e Contenti” in unico cortometraggio musicale. 

MALAMADRE

MALAMADRE nasce nel 2014, in Abruzzo. Nicholas Di Valerio è autore, voce e chitarra; Mariano Pavone è il basso; Luca “Bonzo” Belisario è la batteria.

A precedere il debutto dell’omonimo primo album (poi giunto tramite MArteLabel/BetaProduzioni) c’è il Collettivo Socio-Narrativo di Fumetti Musicali, una webserie indipendente con undici fumetti musicali (uno per ogni brano del primo album) rilasciati gratuitamente sul web grazie alla collaborazione con venti “manine d’oro” del fumetto e dell’animazione del belpaese. La serie è entrata successivamente nella programmazione di Cubik Tv.

Tra il 2014 ed il 2017 la band partecipa con successo a molti festival e concorsi, suonando in giro per lo stivale,aprendo agli Afterhours, a Giorgio Canali e a Dellera. Dal 2017 la band collabora con il conterraneo Lorenzo Della Valle, accogliendolo come seconda chitarra. Nel 2018 pubblicano il loro secondo album NOCE.

RinoeGliAltri

La band abruzzese “RinoeGliAltri ” nasce nell’estate 2016 con alla voce Giuseppe Ciccone, Luigi Resta alle chitarre, Simone Di Girolamo al basso, Luca Di Muzio alla batteria e Stefano Corsini alle tastiere. La band ha un’ identità folk-rock, amalgamata al blues e pop elevato all’ennesima potenza.

Nel dicembre 2019 RnoeGliAltri lanciano sul web il loro primo singolo “ Pillole d’Idiozia“ : una rock-ballad che racconta con cruda chiarezza una società frenetica, molte volte ingiusta, che pretende da tutti noi sempre di più.

Nel maggio del 2020 esce sulle piatteforme digitali il loro nuovo brano intitolato  “L’Orizzonte“ : una canzone piena di speranza e dal tema purtroppo sempre attuale; quello della discriminazione. I loro brani più recenti sono: “ Tutto in un giorno “ e “ Giustino “.

Rockweil Hertz

I “RockweilHertz” (dal gioco di parole: “rock”, “rottweiler” e “hertz”) sono un gruppo rock italiano della costa abruzzese formatosi agli inizi del 2014, dopo un incontro fortuito tra Enrico Di Carlo (cantante) e Mirko Teti (chitarrista). I ragazzi contattarono Nicola Attimonelli, un giovane bassista e amante del classic rock ma che non disprezza affatto le sonorità di nuova generazione. Nel mese di Marzo, entra a far parte del gruppo il batterista Andrea Cicchetti

Nel Novembre del 2015 entrano in studio di registrazione per dare vita al loro primo E.P. “Radio Rockweilhertz”, contenente 5 brani di puro rock italiano. Nel febbraio 2016, lanciano il “mini album” e si preparano alle esibizioni live primavera-estate del 2016. A Gennaio 2017 arrivano a Napoli, chiamati in causa per aprire il concerto degli storici “Warrior Soul”. Tornano in studio per la registrazione di due singoli. ‘’Liberamente Schiavi’ e “Shock!”.

Nei mesi successivi si susseguono diverse importanti esibizioni live come al “Teramo anonimo Sound” e arrivano a toccare anche Roma, nel mese di Aprile 2018, condividendo il palco con noti artisti della scena Indie attuale come i “Voina”. Nel luglio 2019, decidono di entrare in studio per registrare i primi tre singoli del nuovo album presso il “TouchClay studio” di Popoli (PE).

Leggi anche: “Apre in Abruzzo il Museo dell’Intrattenimento Elettronico: è il più grande d’Europa

Gli ospiti di Arezzo Wave Abruzzo

Blessiu

Blessiu (Alessio Morgante) si avvicina al mondo della musica nel 2014, pubblicando diversi mixtape. Nel 2020 pubblica il suo primo EP “Praga D’inverno” dalle sonorità pop/rock/rap.L’EP è completamente scritto e prodotto da Blessiu e suonato da Marco Torge e Vincenzo Pocetta (chitarra), Davide D’Elia (batteria), Gianluca Occhiuzzi (basso). Nel 2020 firma con l’Etichetta Discografica Anima Dischi e autoproduce i brani “Vinco Tutto O Vinco Niente” e “Comete”.

Etere

Gli Etere sono un duocomposto da Antonio Mazzetti e Francesco Cimei, che ama la dolce malinconia del pop. La loro musica mescola la festosa danza dell’amore e del vino all’ironia amara dei ritorni e delle partenze, è un cocktail dal sapore così anni 2000. Paesaggi folk-rap, armonie da boyband, Stranamore e Festivalbar, Tassoni e Vaporwave si intrecciano nelle loro canzoni con naturalezza. Si incontrano per caso ad una festa universitaria a Perugia e finiscono per scrivere canzoni, trovano poi in Abruzzo, dove vivono entrambi, una nuova stabilità artistica che lì porta nel 2021 a firmare con Anima Dischi per la pubblicazione del loro primo singolo.

Amaro

Amaro, nome d’arte di Federico Bellan, nato a Roma classe 1989, è un cantautore e musicista. La sua penna è ironica e mai banale, irriverente quanto basta. Federico scrive il suo primo EP: “Tutte le (Ma)Donne della mia vita”, quattro pezzi che raccontano storie d’amore finite male ed altre tragicomiche, ci racconta amare verità , ispirato dalle donne della sua vita che lo hanno segnato nel bene e nel male. Nel 2021 firma con l’etichetta discografica Anima Dischi.

Continue Reading

Musica

Concerto a cuor leggero: Riccardo Sinigallia annuncia il tour estivo. Le prime date

Published

on

In questa estate di grandi ritorni sul palco anche Riccardo Sinigallia torna in tour per alcune date in giro per l’Italia. Concerto a cuor leggero è un tour dove non vengono presentate nuove canzoni, ma dove quelle già scritte tornano a farsi sentire e stabiliscono nuove relazioni con noi stessi e con gli altri.

Dopo un anno e mezzo passato ad ascoltare, Riccardo Sinigallia tornerà sul palco in forma ancora più intima e informale, con Laura Arzilli (basso e voce), Francesco Valente (chitarra) e Maurizio Loffredo (mix).

MyZona

Queste le prime date confermate:

28/07 Cortona (AR) – Fortezza del Girifalco

29/07 Torino – Hiroshima Sound Garden

30/07 Bergamo – Spazio Polaresco

07/08 Carovilli (IS) – Nuvole… chitarre e note

09/08 Civitanova Marche (MC) – Varco sul Mare

19/08 Rionero in Vulture (PZ) – Vulcanica Live Festival

04/09 Santa Marinella (RM) – Castello di Santa Severa

Leggi anche: “Niki De Saint Phalle: all’anfiteatro del Leccio due serate dedicate all’artista francese

Continue Reading

In evidenza