“Vivere con l’accento”, il primo libro di Manuela Galliè

È uscito “Vivere con l’accento”, il primo libro di Manuela Galliè. Un piccolo manuale di crescita personale e spirituale per raggiungere libertà, serenità e felicità.

Non è mai troppo tardi per cominciare a vivere in pienezza, concentrati sul “qui e ora” e lasciando andare situazioni che non portano a nulla di buono. L’importante è iniziare un percorso di consapevolezza, ripartendo da se stessi e avendo la costanza giornaliera di percorrere una nuova via. I risultati arriveranno e porteranno libertà, felicità e serenità.

MyZona

Manuela Galliè, life coach, ne è convinta e chiosa: «Se ce l’ho fatta io, possono farcela tutti!». La 42enne abruzzese – che ha vissuto e lavorato anche a Roma, Catania e Ancona essendo docente formatrice di tecniche di vendita, store manager, responsabile di punti vendita e coordinatrice di risorse umane – è la prova vivente che è possibile cambiare la propria vita ottenendo il meglio.

Oggi Manuela è life coach, operatrice bioenergetica, facilitatrice per la crescita personale e spirituale e lettrice di Registri Akashici, oltre che creatrice di Genesa e Pentasfera, e ha deciso di raccontare il suo percorso di crescita attraverso le 144 pagine del suo primo libro intitolato “Vivere con l’accento”, edito da Maginot Edizioni.

L’autrice spiega: «Avevo un lavoro che mi faceva guadagnare molto, ma mi teneva tutto il giorno impegnata, con il risultato di non sapere neanche come spendere il frutto della mia fatica. Oggi sono invece una persona che ha tempo per i figli, le persone care e lavora facendo ciò che ama. Con questo libro voglio aiutare tutti coloro che lo vorranno a cambiare in meglio, approfondendo aspetti e dando semplici indicazioni».

Leggi anche “Un omaggio alla madre ed un ricordo delle vittime istriane: il diario intimo di Caterina Edwards”

La trasformazione di Manuela Galliè, che l’ha portata a essere un punto di riferimento per molte persone, è raccontata nei 16 capitoli del libro, che parte con un racconto biografico per poi affrontare le grandi domande dell’umanità, come: “Cosa siamo venuti a fare su questa terra?”. Il volume prosegue spiegando l’importanza di accettarsi e amarsi e di curare e tenere pulita la propria energia, lasciando andare ciò che non serve e sapendo trasformare le emozioni negative. Altri capitoli sono dedicati all’eliminazione dell’aspettativa, alla legge di attrazione o risonanza e a quella dello specchio, prima di spiegare come capire quali sono i nostri talenti, come meditare in maniera semplice e la potenza della preghiera. Il libro si conclude con l’analisi di Registri Akashici, il racconto di come è nata la realizzazione di Genesa e Pentasfera e quattro testimonianze di amiche e amici dell’autrice che hanno iniziato un percorso di crescita.

Dedicato anche a Franco Battiato (“Che ha piantato un seme e fatto cantare, inconsapevolmente, a milioni di persone canzoni sulla consapevolezza”), il volume, afferma l’autrice: «È rivolto a chi vuole fare della propria vita una meraviglia, a chi non si spaventa davanti al profondo lavoro da fare su se stesso, a chi ha già percepito l’importanza di cambiare il modo di vedere le cose. Perché l’unico modo per cambiare il mondo che ci circonda è fare un profondo, intenso e continuo lavoro su noi stessi».

Da leggere anche

Federico Rapini
Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli