L’Ucraina vince l’Eurovision con la Kalush Orchestra

La Kalush Orchestra dell’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022 con 631 voti, di cui ben 440 ricevuti con il televoto degli spettatori europei. Il brano vincitore è ‘Stefania’, ed è stato il pubblico da casa a portare dritti al primo posto il gruppo che, qualche ora prima, dopo la sua esibizione, aveva anche lanciato un appello per la liberazione dell’Ucraina: “Aiutatate l’Ucraina e Mariupol, aiutate Azovstal!”.

Gioisce sui social il presidente Zelensky: “Il nostro coraggio impressiona il mondo, la nostra musica conquista l’Europa”. Al secondo posto della classifica stilata dalle giurie nazionali e dal televoto il Regno Unito, al terzo la Spagna. Delusione per Mahmood e Blanco che si piazzano al sesto posto con la loro ‘Brividi’.

I Kalush Orchestra si sono imposti con la loro ‘Stefania’, brano dedicato alla figura della madre, ribaltando la classifica grazie al voto  del pubblico raccogliendo 631 punti. Blanco e Mahmood, che rappresentavano l’Italia con ‘Brividi’, hanno chiuso al sesto posto con 268 punti. Al secondo posto la Gran Bretagna (466), al terzo la Spagna (459).

Articolo precedenteRockin’1000, l’abbraccio dei 50mila allo Stade de France tra inferno e paradiso
Articolo successivoKalush: i vincitori dell’Eurovision devolveranno in beneficenza i proventi del brano
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.