Connect with us

Musica

L’accusa di Skin: “Industria musicale razzista, Skunk Anansie messi da parte senza motivo”

Federico Falcone

Published

on

Skin, cantante e leader degli Skunk Anansie, non usa giri di parole e in maniera neanche troppo velata accusa l’industria musicale britannica di essere razzista nei confronti della musica suonata da artisti di colore. Le dichiarazioni rilasciante nel corso di un’intervista al quotidiano The Guardian sono, infatti, inequivocabili.

Cita, prima di tutto, la difficoltà che ha avuto all’inizio e anche nel prosieguo della propria carriera. Colore della pelle e bisessualità per la cantante non hanno mai rappresentato un ostacolo o un tabù, a differenza del pensiero di – secondo lei – molti addetti ai lavori che, di fatto, hanno in qualche maniera limitato il successo della band.

“Gli Skunk Anansie sono stati rimossi dalla storia degli anni ’90, pur essendo una delle band inglesi di maggior successo del periodo. Mi chiedono spesso di fare interviste sul Britpop. Io rispondo sempre: all’epoca c’erano anche Björk, il trip-hop, la musica elettronica, il drum ‘n bass,  l’R&B, il reggae e molto rock, sapete? È quasi come se tutto ciò che è successo sia stato cancellato dal successo degli Oasis”.

“Siamo una delle band dal vivo migliori e di maggior successo provenienti dall’Inghilterra. Non si parla di noi con la stessa riverenza di altre band del nostro tempo che non ci hanno nemmeno sfiorato in termini di messaggio, presentazione o diversità. E sì, abbiamo ottenuto del vecchio fottuto successo vendendo un sacco di dischi. Non ci avviciniamo neanche lontanamente al riconoscimento che meritiamo, perché i nostri volti non erano ciò che l’establishment voleva per definire la Gran Bretagna Così tanta storia nera è stata cancellata, e gli Skunk Anansie fanno parte di quella storia nera britannica.”

“Le donne di colore, da Tina Tuner a Grace Jones e Mel B, sono rappresentate come pantere in gabbia. aggressive, apertamente sessuali, animalesche. L’industria allora era di proprietà e gestita da uomini bianchi di mezza età. Se non eri sessualizzata non sapevano cosa fare di te. Li facevi sentire a disagio, perché non stavi giocando al loro gioco. Volevano illuminarmi e farmi sembrare una sorta di Dracula nero del cazzo. Il messaggio era come, ‘Visto che non possiamo fotterti, allora ti renderemo terrificante, una film dell’orrore”.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Bring Me The Horizon: pubblicano il nuovo ep e annunciano il prossimo tour

La band ha anche annunciato il tour nelle arene, che avrà inizio il 21 settembre 2021 a Glasgow

redazione

Published

on

E’ uscito “Post Human: Survival Horror” (RCA Records/Sony Music), nuovo ep dei Bring Me The Horizon. Senza mai smettere di spingersi oltre le loro barriere creative, anche durante il lockdown, i Bring Me The Horizon hanno realizzato un lavoro che ad oggi è tra i loro progetti musicali più eccitanti, originali e complessi.

Le prime due tracce estratte dall’ep, “Parasite Eve” e il più recente brano “Obey” realizzato insieme al loro conterraneo inglese Yungblud, hanno ricevuto un grande riscontro dalla critica e dal pubblico, con oltre 115 milioni di stream combinati audio e video. Altri featuring presenti nell’ep sono le Babymetal, le Nova Twins e Amy Lee degli Evanescence.

Questa la tracklist di “Post Human: Survival Horror”:

1.           Dear Diary

2.           Parasite Eve

3.           Teardrops

4.           Obey with YUNGBLUD

5.           Itch For The Cure (When Will We Be Free?)

6.           Kingslayer ft. BABYMETAL

7.           1×1 feat. Nova Twins

8.           Ludens

9.           One Day The Only Butterflies Left Will Be In Your Chest As You March Towards Your Death feat. Amy Lee

La band ha anche annunciato il tour nelle arene, che avrà inizio il 21 settembre 2021 a Glasgow.  Queste tutte le date nel Regno Unito: 21 settembre – Glasgow, The SSE Hydro; 22 settembre Cardiff, Motorpoint Arena; 24 settembre – Sheffield, FlyDSA Arena; 25 settembre – Birmingham, Utilita Arena; 26 settembre – London, The O2 Arena.

Continue Reading

Musica

Global Village, Rockin’1000 raduna 2.500 musicisti per il più grande stage virtuale di tutti i tempi

Fabio Iuliano

Published

on

Un virtual concert da record: oltre 2.500 musicisti, provenienti da 5 continenti diversi, 80 paesi e 250 città. Ecco Rockin’1000 Global Gig, organizzato a Dubai in collaborazione con Global Village in collaborazione con Arn (Arabian Radio Network) per celebrare l’apertura della 25esima stagione del Global Village, la principale destinazione multiculturale dedicata alle famiglie, dove scoprire le culture di tutto il mondo attraverso il cibo, lo shopping e l’intrattenimento.

Rockin’1000 ha messo in campo una formazione di tutto rispetto: 986 chitarristi, 447 batteristi, 361 bassisti, 94 tastieristi, 598 cantanti, 54 fiati tra tromboni, trombe e sax. Tutte le tracce sono state registrate da casa.

Il repertorio individuato per Rockin’1000 Global Gig prevede quattro cover classificate tra le più grandi canzoni rock di tutti i tempi: “What a Wonderful World” nella versione punk di Joey Ramone, “Rockin ‘All Over the World” degli Status Quo, “You Get What You Give” dei New Radicals e infine “We Will Rock You” dei Queen.

Continue Reading

Musica

“Vent’anni”: i Maneskin si mettono a nudo nel nuovo singolo

redazione

Published

on

E’ previsto per domani il ritorno della band italiana più irriverente e provocatoria che ha conquistato le classifiche negli ultimi anni. “Vent’anni” è il nuovo singolo dei Måneskin.

La band, ospite della web serie “Star Walks – Quando il PArCo incontra la musica”, ha presentato in anteprima il singolo con una performance live nell’ineguagliabile scenario dei palazzi imperiali sul Palatino, un’esibizione senza pubblico in uno dei luoghi più iconici al mondo. A distanza di due anni dall’album di debutto “Il ballo della vita”, doppio disco di platino, i Måneskin ritornano sulla scena in grande stile con un brano diretto e introspettivo che dà il via a una nuova fase del gruppo.

Scritta dai Måneskin e prodotta con Fabrizio Ferraguzzo, “Vent’anni” è una rock ballad cruda e contemporanea scritta in forma di lettera aperta in cui si intrecciano i pensieri di Damiano con quelli del suo alter ego più maturo, dando vita a un dialogo che vuole incoraggiare i ventenni spesso già disillusi sotto il peso dei giudizi e delle incertezze sul futuro.

“Ho scritto quello che io stesso avrei voluto sentirmi dire da qualcuno più adulto ora che ho vent’anni” racconta il cantante. Parole rivolte ai coetanei, ma che fanno ricordare anche a chi ventenne non lo è più quanto “farà male il dubbio di non essere nessuno”, quanto a quell’età faccia paura, ma allo stesso tempo sia naturale sbagliare, spinti dal desiderio di fare qualcosa di grande perché “sarai qualcuno se resterai diverso dagli altri”.

“Vent’anni” è una canzone che il gruppo dedica alla propria generazione, un messaggio carico di libertà e di voglia di lasciare il segno. Ad accompagnare l’uscita del brano, il fotografo Oliviero Toscani firma la campagna di lancio ritraendo la band con un’immagine che vuole essere un messaggio forte, senza filtri: liberarsi dalle sovrastrutture ed essere autentici, se stessi, senza veli inutili. 

“Libertà non vuol dire essere liberi di fare ciò che si vuole. – riflette Oliviero Toscani – Io, per esempio, mi sento libero quando sono incatenato a un progetto, perché in quel momento mi libero di tutti i miei complessi e limiti. Ecco per me essere libero è liberarsi dei complessi, non aver paura di sbagliare, di ricominciare, vuol dire di essere libero di rimettere tutto in discussione.” 

Un appello lanciato con la canzone che vuole arrivare dritto al pubblico, in particolare alla Generazione Z cresciuta a pane e social dove l’apparenza, l’essere quello che non si è e l’hating sono spesso fonte di grande ansia. Dove si sente l’impossibilità di vivere un amore liberamente seguendo le proprie inclinazioni per colpa di stereotipi e pregiudizi.

Iniziando a esibirsi live da giovanissimi nelle strade di Roma, i Måneskin con la loro straordinaria carica hanno velocemente conquistato il pubblico, spazzando via stereotipi di genere, mescolando influenze e stili in un mix originalissimo e unico, arrivando a collezionare con il primo tour 67 date sold out in Italia e in Europa, oltre a 14 dischi di platino e 5 dischi d’oro.

Continue Reading

In evidenza