Connect with us

Cinema

“Io prima di te”: Emilia Clarke e l’importanza della libertà

Published

on

Io prima di te, film del 2016 avente per protagonisti Emilia Clarke (Last Christmas, Il Trono di Spade) e Sam Claflin (Hunger Games, Scrivimi ancora), è liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Jojo Moyes, uscito nel 2012. Alla regia del dramma sentimentale troviamo la regista britannica Thea Sharrock. La pellicola, uscita ormai cinque anni fa, può essere inserita all’interno di quel filone cinematografico che, nonostante tratti temi intimi, delicati e profondamente impegnativi, conserva uno stile capace di sviluppare un climax da commedia tale da non risultare pesante. A volte, infatti, anche sceneggiature complesse da un punto di vista emotivo possono essere narrate con leggerezza. Sì, anche prescindendo dalle tematiche dolorose descritte, riesce a strappare sempre e comunque un sorriso.

Louisa Clarke (Emilia Clarke), ragazza estremamente generosa e con un grande cuore, vive in un piccolo paesino della campagna inglese insieme ai genitori, al nonno, alla sorella e al figlio di quest’ultima. Dopo anni di lavoro come cameriera in un bar perde la sua occupazione e, in fretta e furia, si accinge a cercare qualcos’altro, dal momento che il suo contributo finanziario è fondamentale per il sussidio della famiglia. Louisa accetta, quindi, di lavorare per una ricca famiglia che è in cerca di una figura che tenga compagnia all’intrattabile figlio Will (Sam Claflin), divenuto quadriplegico a seguito di un incidente.

MyZona

Leggi anche: “Su Sky la storia di Alfredino: nel 1981 tenne l’Italia col fiato sospeso

Will si dimostra fin da subito maldisposto nei confronti dell’allegra ragazza, pieno di cinismo e con una voglia di vivere ormai andata perduta. Egli tenta in tutti i modi di farla rinunciare alla difficile missione. Ovviamente Louisa non si arrende e, armata di dolcezza, determinazione e pazienza riesce a far rinascere nel ragazzo un pizzico di entusiasmo e sentimenti ormai sepolti. Da qui inizia una vera lotta contro il tempo per Louisa, che tenterà in ogni modo di salvare Will dalla triste decisione presa e che non sembra intenzionato a mettere da parte.

Numerose sono le pellicole che negli anni hanno trattato il tema drammatico dell’amore verso una persona malata, e Io prima di te prova a dare una sua personale direzione originale a queste dinamiche così delicate. Il film riesce, inoltre, nel suo intento di far immedesimare lo spettatore in quello che è il dolore provato da un giovane ragazzo, pieno di voglia di vivere e con un futuro roseo davanti a sé, che improvvisamente si ritrova con una vita spezzata per sempre. Inevitabile è tutto quello che ne deriva. La depressione, il rifiuto, l’impotenza e il sentirsi un peso. Sentimenti e stati d’animo che possono condurre all’idea che l’unica soluzione per sfuggire a questa “non vita” sia la morte.

La storia tratta, difatti, anche il tema delicato dell’eutanasia e lo affronta in maniera notevole senza cadere nel banale. Un rischio concreto quando si sceglie di collocare questo tipo di dramma all’interno di un film romantico. Io prima di te sottolinea l’importanza, sempre e comunque, del diritto alla libertà per l’essere umano. Una libertà di scelta che non può essere sottratta, anche se questa vira per una decisione drammatica e irreversibile. Nessuno può arrogarsi il diritto di scegliere per un’altra persona, nonostante le condizioni tragiche in cui questa si possa trovare.

«Vivi bene, semplicemente vivi».

Leggi anche: ““Druk – Un altro giro”, l’inno alla vita di Thomas Vinterberg

Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aurea onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.

Cinema

“Les amours imaginaires”: il triangolo amoroso di Xavier Dolan

Published

on

Come “Ho ucciso mia madre” (2009) si apre con una confessione, anche la seconda opera del talentuoso Xavier Dolan, “Les amours imaginaires” (Gli amori immaginari), inizia con la medesima modalità. Qui non c’è il giovane Hubert (Xavier Dolan) che si confessa alla sua videocamera, ma un gruppo di ragazzi intenti a raccontarsi a vicenda le proprie tristi vicende amorose. Questi cuori infranti non sono i protagonisti, anzi non c’entrano nulla con la trama del film. Ma come una sorta di tragedia greca che rimane sullo sfondo, questi, nel corso dello sviluppo della pellicola ritornano e rendono partecipe lo spettatore delle proprie tristi e personali confessioni.

Leggi anche: “Giacomo Leopardi, non chiamatelo “sfigato””

“Les amours imaginaires”, uscito nel 2010, venne presentato da Xavier Dolan alla Certain Regard del Festival di Cannes di quell’anno accompagnato da una citazione di Alfred De Musset: «Ci sbagliamo spesso nell’amore, spesso ne siamo feriti e spesso scontenti. Ma amiamo e quando saremo in punto di morte ci volgeremo indietro e ci diremo: “Ho sofferto spesso, mi sono sbagliato talvolta, ma ho amato”».

MyZona

Il film è incentrato, difatti, sul tema dell’amore giovanile. Amori che spesso vivono solo nella testa dei sognatori. Labili, come castelli di carta, gli amori immaginari, si nutrono di fantasie e non trovano riscontro con la dura realtà. Dolan sceglie di raccontarli mettendo in scena un triangolo amoroso e andando ad omaggiare, a modo suo, la Nouvelle Vague (si pensi ad “Jules e Jim” del 1962 di François Truffaut). Impossibile è non pensare, inoltre, a “The Dreamers” (2003) di Bernardo Bertolucci.

Il secondo film del giovane regista canadese vede protagonisti due amici d’infanzia, Francis (Xavier Dolan) e Marie (Monia Chokri). Il loro solido rapporto d’amicizia viene messo in crisi quando l’oggetto del desiderio dei due giovani diventa il medesimo: Nicolas (Niels Schneider). Il ragazzo, giunto da poco dalla campagna, fa amicizia con Francis e Marie che presto mettono in atto un vero e proprio duello per accaparrarsi le attenzioni del bel giovane. Duello ancora più accentuato dalla canzone “Bang Bang” di Dalida che accompagna tutto il film. In tipico stile Dolan, i brani rispecchiano gli stati d’animo e i sentimenti dei personaggi.

Il regista, ancora una volta, dimostra la propria sensibilità nei confronti delle tematiche umane. Anche se all’apparenza possono sembrare dinamiche infantili, Dolan gli conferisce peso e dà voce a quelle aspettative e a quei silenzi insiti negli amori immaginari.

Tra melodramma e commedia, “Les amours imaginaires” si presenta come un’opera originale e di forte impatto estetico. Colori sgargianti e musica pop attraverso i quali Dolan fa parlare i protagonisti. Una patina di romanticismo avvolge l’intera pellicola, che racconta i sogni e le delusioni amorose ricordando che non è importante cosa si sogna o cosa si desidera. L’importante è non smettere di farlo.

Leggi anche: “Il Signore degli Anelli: annunciato il ritorno al cinema”

Continue Reading

Cinema

Lupin, la seconda stagione della serie Netflix delude le attese

Published

on

Lupin ladri francia su Netflix

Dopo il discreto successo avuto dalle prime 5 puntate uscite l’8 gennaio, Netflix ha lanciato la seconda parte di “Lupin, sulle orme di Arsenio” questo 11 giugno.

La prima stagione della serie si era conclusa con un finale aperto. Il rapimento del figlio del protagonista Assane Diop (Omar Sy) fu una trovata giusta per creare suspence e attesa per il continuo della storia.

MyZona

LUPIN: TRA FUGHE E BANALITÀ

La trama risulta però banale e con pochi colpi di scena. La storia del vero Arsenio Lupin, al quale il personaggio principale si ispira per il suo stile di vita, è invece un continuo spettacolo e capovolgimento di fronte.

L’intreccio narrativo si inserisce, ancora una volta, in una Francia razzista. Sembra però una forzatura. Come la scena in cui Assane entra in un bar in Normandia e si capisce che a causa del colore della sua pelle nessuno è disposto ad aiutarlo. Il tema del razzismo, a partire dalla prima stagione, è ricorrente e un filo conduttore. É infatti questo uno dei motivi principali per cui Diop si ritrova a combattere una sua personale battaglia contro colui che incastrò suo padre anni prima.

Hubert Pellegrini, ricco francese, è l’antagonista per eccellenza che tra una frode assicurativa e una corruzione porta avanti la sua vita a discapito del suo autista che verrà accusato, ingiustamente, di aver rubato un collier da 60 milioni.

Le cinque puntate scorrono comunque abbastanza facilmente. Tra fughe con macchine rubate con antenne radio, arresti ed evasioni improbabili dal bagno, Assane Diop riesce ad avvicinarsi al suo obiettivo anche grazie all’aiuto di due complici. A questi, indirettamente, se ne aggiunge un terzo: il poliziotto Guedira. Il classico personaggio un po’ idiota che man mano diventa un “eroe”.

I riferimenti ai libri di Maurice Leblanc non mancano. Rispetto alla prima stagione ce ne sono forse ancora di più, con richiami a libri ed episodi legati a Lupin sicuramente meno conosciuti. Non mancano, ovviamente, i legami con l’arte del travestimento che in tutte le puntate è un leitmotiv.

UN ALTRO FINALE APERTO (NO SPOILER!)

Come per la prima parte della serie ispirata al personaggio di Arsenio Lupin, anche in questo caso gli ideatori George Kay e François Uzan hanno optato per un finale aperto.

Interessante la scelta dello spettacolo a teatro che richiama l’idea della spettacolarità delle fughe del famoso ladro gentiluomo. Così come anche la scoperta di un complice prima ben camuffato. Ma a parte questo la corruzione della Polizia e l’incontro tra Assane e Hubert era abbastanza scontato.

Il finale lascia comunque l’amaro in bocca. Bisognerà attendere la 3° stagione, per scoprire come finirà la rocambolesca vita del francese, che si scopre essere anche un cinico approfittatore dei sentimenti altrui.

Netflix ha infatti annunciato che “Assane Diop è sempre un passo avanti. Lupin tornerà per una terza stagione. La seconda stagione è in streaming dall’11 giugno“. La data ancora non c’è. Voci di corridoio parlano di gennaio 2022. Rimane sperare che, come per l’uscita di questa seconda parte, attori e produttori non lascino qualche indizio sui social.

Continue Reading

Cinema

Il Signore degli Anelli: annunciato il ritorno al cinema

Published

on

Il signore degli anelli trilogia di Tolkien

Il Signore degli Anelli, torna sul grande schermo in Italia. È la Warner Bros ad annunciare questo ritorno della saga di Peter Jackson a 20 anni dall’uscita del primo capitolo ispirato all’opera di J. R. R. Tolkien.

In occasione di questo anniversario la casa cinematografica ha deciso di riportare la trilogia nelle sale in queste date:

MyZona

-22/26 luglio: “Il Signore degli Anelli- La compagnia dell’Anello”.

-27/30 luglio: “Il Signore degli Anelli- Le due torri”.

-31 luglio/4 agosto: “Il Signore degli Anelli- Il ritorno del re”.

Non saranno le versioni viste al cinema all’epoca, ma estese e rimasterizzate in 4k dallo stesso Peter Jackson. Si tratterà dunque degli adattamenti usciti già nelle sale americane e cinesi rispettivamente a febbraio e ad aprile.

Sarà dunque l’opportunità di riscoprire tre dei film migliori delle ultime due decadi. La storia di Frodo, della Terra di Mezzo e di Sauron.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: SERIE E ANIME

In attesa di questo evento ci sono anche altre notizie riguardo la trilogia. In attesa della serie di Amazon Prime Video, che adatterà il periodo della Seconda era narrato da J.R.R. Tolkien, New Line Cinema, la divisione di Warner Bros. che già aveva prodotto le due trilogie cinematografiche firmate da Peter Jackson, ha annunciato un film animato sempre tratto dall’universo narrativo della Terra di Mezzo.

Il titolo originale per il momento è The Lord of the Rings: The War of the Rohirrim. Pare si tratti di un lavoro standalone, che non ha dunque la pretesa di inaugurare una saga. Alla regia c’è già Kenji Kamiyama, che probabilmente adotterà uno stile contemporaneo giapponese.

La sceneggiatura si baserà sulla guerra di Rohirrim. Si ricollegherà dunque al Fosso di Helm, il luogo in cui ne “Le due torri” avvenne la battaglia tra le forze malvagie di Sauron e l’alleanza di umani, elfi e nani. Sempre in quella fortezza centinaia di anni prima si combattèun scontro guidato dal fondatore del Fosso stesso, Helm Mandimartello, re di Rohan.

Ma non ci sono ancora notizie e dettagli ufficiali. In attesa di ciò non rimane che comprare i biglietti per le date della riproposizione al cinema della trilogia originale.

Continue Reading

In evidenza