Ecco “Gridami”, il video di Smiss omaggio alla magnificenza di Alba Fucens

Un’idea, un gesto, una voce, un movimento tra la magnificenza del sito archeologico di Alba Fucens nell’Aquilano. Un concept che mette insieme note, parole, onde, forme scritte, pensate e danzate, tra dolcezza, violenza ed essenza.

Si propone così Smiss, inizialmente un progetto collettivo crossmediale declinato attraverso i social e la musica, così come le etichette digitali, da tre anni a questa parte. L’ultimo video, che accompagna la canzone “Gridami”, è stato divulgato nei giorni scorsi.

Un testo graffiante cantato dalla voce strepitosa di Chiara Angeletti, anestesista rianimatore, in arte Smiss (oggi artista indipendente che usa lo stesso nome di quello che era il collettivo). L’attrice protagonista del video è invece, Laura Marini. Anche lei lavora nel settore sanitario.

Il testo è a doppia firma (Altamura – Angeletti). La musica è della stessa Angeletti. Francesco Di Cicco è stato produttore e arrangiatore per la WhiteRoomRecords. Assistenti di produzione: Lucia Hermoso e Rosana Domingo Hernandez.

GUARDA IL VIDEO

Articolo precedenteA Roma la mostra di Robert Doisneau: 130 fotografie distribuite in 11 sezioni
Articolo successivoGuarda il trailer di “Invito al viaggio – Concerto per Franco Battiato”, il film dedicato al Maestro
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.