È morto Sidney Poitier, primo attore di colore a vincere l’Oscar

Il mondo del cinema piange Sidney Poitier, stella del cinema hollywoodiano, scomparso quest’oggi all’età di 94 anni. Era nato il 20 febbraio del 1927 a Miami prima di trasferirsi a New York all’età di 17 anni.

Fu il primo attore afroamericano a vincere l’Oscar (nel 1964, come migliore attore) assegnatogli per la sua interpretazione nel film “I gigli del campo”. La pellicola gli valse anche un Golden Globe. Nel 1958 aveva vinto un premio BAFTA (sempre come migliore attore) per il film “La parete di fango”.

MyZona

Leggi anche: L’appello dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo: più aiuti al settore

Nel 1967 Sidney Poitier prende parte a uno dei film simbolo degli anni Sessanta, “Indovina chi viene a cena”, al fianco di Katherine Hepburn e Spencer Tracy. Il film ottenne un incredibile successo internazionale e ottene dieci nomination agli Oscar del 1969, vincendone due: miglior attrice protagonista (Katherine Hepburn) e miglior sceneggiatura (William Rose).

Nel 2002 gli venne conferito l’Oscar alla carriera mentre nel 2009 l’allora presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, lo tributò con la Medaglia Presidenziale della Libertà.

Leggi anche: Denzel Washington e Frances McDormand protagonisti del Macbeth di Joel Coen

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli