Draghi rilancia la cultura nell’agenda politica del Paese

C’è la cultura tra le priorità indicate dal premier Mario Draghi, nell’arco del dibattito generale sulla fiducia in Senato. “L’Italia è una grande potenza culturale, riconosciuta in tutto il mondo”, ha ricordato. “E anche per questo durante il G20 daremo grande importanza ai temi della cultura con un incontro dedicato. Naturalmente le restrizioni necessarie a contenere la pandemia hanno messo a dura prova musei, cinema, teatri, musica, danza, tutto lo spettacolo dal vivo e ogni arte in generale”.

“Ora”, ha detto Draghi – ancora la cultura va sostenuta (tutte le attività vanno sostenute). Il rischio è di perdere un patrimonio che definisce la nostra identità. La perdita economica è ingente; ancor più grave sarebbe la perdita dello spirito. Molto è stato fatto per assicurare ristori adeguati; ma serve fare ancora di più. Soprattutto, serve rinforzare le tutele dei lavoratori e va colta l’opportunità del Next Generation per potenziare gli investimenti sul patrimonio culturale, sul capitale umano, sulle nuove tecnologie. Il ritorno nel più breve tempo possibile alla normalità deve riguardare anche la cultura, in tutte le sue forme, perché imprescindibile per la crescita e il benessere del Paese”.

MyZona

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli