Brian May colpito da un infarto: l’annuncio dallo stesso leggendario chitarrista dei Queen

Brian May è stato colpito da un infarto di recente. A parlarne è lo stesso leggendario chitarrista dei Queen costretto, qualche giorno fa, a una corsa in ospedale. Il chitarrista dei Queen, che pensava di essersi “Strappato il ‘gluteus maximus'” mentre faceva giardinaggio, si è rivolto ai follower di Instagram per dare un aggiornamento sul suo stato di salute e spiegare che, oltre a quello che inizialmente era stato riportato come un semplice infortunio muscolare e si è rivelato essere un doloroso problema di nervi, ha anche avuto un infarto.

“Sono un tipo in salute”, ha scritto di sé, “vado in bici, in forma, ho la pressione sanguigna perfetta, mangio in modo salutare. in ogni caso, nel bel mezzo dei trattamenti per questi dolori alla schiena ho avuto un piccolo infarto, sono stati solo 15 minuti di dolore in petto, sudore, dolore alle braccia. Il mio dottore mi ha portato in ospedale con la sua auto, ho fatto tutti gli esami e abbiamo visto che c’era un problema e sono stato molto fortunato ad esser stato curato velocemente. Il giorno dopo abbiamo visto che avevo ben tre arterie che erano ostruite e c’era molta pressione su di me per farmi mettere dei bypass ma altri mi hanno detto che non c’era bisogno e che avrei avuto una soluzione molto più veloce con gli stent, ed ho optato per quest’ultima”.

MyZona
https://www.instagram.com/tv/CAmCpCjF26v/?utm_source=ig_embed

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli