Connect with us

Libri

“Black out – dietro le quinte del lockdown”: la recensione del Corriere Peligno

Il prodotto saggistico “Black out- dietro le quinte del lockdown-“ ripercorre le strade vuote risalenti al periodo della quarantena e sottolinea quanto il mondo, pur deserto, sia stato in grado di popolare la vita altrui senza alcun contatto fisico, anche solo attraverso una connessione ad Internet, ad una chiamata o ad un balcone vissuto da musica e parole

redazione

Published

on

Nuova recensione di Black Out – dietro le quinte del lockdown“, libro della redazione di The Walk of Fame – Magazine a cura di Chiara del Signore sul Corriere Peligno consultabile qui: Editoria: arriva “Black out- dietro le quinte del lockdown-“ ed è già un successo

La recensione:

“Le storie di un lockdown intridenti la carta bianca di uno dei periodo più bui degli ultimi anni con un inchiostro fatto di esperienza, speranza e paura di cadere in un black out opprimente.Da qui prende il nome il lavoro di Federico Falcone, editore e direttore responsabile del magazine The Walk of Fame,  che spopola nel mondo della stampa coinvolgendo tutti gli ambiti artistici: dal cinema alla danza, dalla letteratura alla scultura, fino ad arrivare al web passando per radio e tv.

Il prodotto saggistico “Black out- dietro le quinte del lockdown-“ ripercorre le strade vuote risalenti al periodo della quarantena e sottolinea quanto il mondo, pur deserto, sia stato in grado di popolare la vita altrui senza alcun contatto fisico, anche solo attraverso una connessione ad Internet, ad una chiamata o ad un balcone vissuto da musica e parole.Il libro raccoglie tutti gli articoli più significativi di The Walk of Fame del periodo che va da febbraio a giugno 2020, testimonianze di una distopia che sa di incubo e che minaccia ancora di tornare ad essere protagonista delle nostre giornate. Proprio per questo si legge tutto al presente, come per ripercorrere i tempi grigi e sentirli più vicini.

Ci si focalizza sui metodi utilizzati per scongiurare lo spettro della solitudine (molto simili a quelli del post dopo Guerra), ci si sofferma a pensare cosa ne sarebbe stato delle persone se quelle luci sui balconi non fossero state accese, se la musica non avesse scandito le ore lente e inesorabili dei giorni, se la tv e il teatro non avessero continuato ad allietare i cuori degli spettatori, anche se da lontano, o se i libri non avessero continuato a far viaggiare con la fantasia i lettori.

È proprio questo l’intento del progetto, quello di non permettere alla mente umana di dimenticare quello che è stato non ammettendo una continuità.Attraverso un tour nei diversi capitoli tematici, il libro fornisce anche un’analisi sui danni provocati negli ambiti artistici con concerti cancellati, biglietti rimborsati o persi e novità rimandate.

“L’obiettivo alla base della stampa di ‘Black Out’ è duplice – spiega l’editore Federico Falcone – da un lato vi è la volontà di rimarcare, una volta di più, l’importanza del settore cultura in Italia, imprescindibile volano di valori umani e fondamentale perno cui far ruotare l’economia del Paese”

Con questa affermazione Falcone intende coinvolgere anche tutti quegli operatori, tecnici e professionisti fondamentali per il sostentamento del mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento, che hanno subito una crisi profonda senza eguali.

“Dall’altro lato, però – continua – vi è la necessità di ridare fiducia, speranza e coraggio a quei settori che ora zoppicano, che faticano a riprendere la normale attività e che non hanno riferimenti certi per ripartire. Il futuro, senza troppi giri di parole, è grigio e pieno di incertezze. Rischiamo, purtroppo, di perdere molti dei nostri servizi culturali attualmente attivi su tutto il territorio nazionale. “Black Out” vuole accendere un ulteriore faro su queste gravità e, quindi, contribuire al rilancio di quel mondo dell’immaginario collettivo traino della nostra società, del nostro modo di vivere e pensare e senza cui, forse, non saremmo stati in grado di affrontare questa pandemia”.

Conclude così Falcone l’analisi del saggio che seguirà il seguente itinerario nelle terre abruzzesi per la presentazione ai lettori : il 21 agosto ad Aielli in piazza Risorgimento, alle ore 18, il 23 agosto a Trasacco, sala consiliare del municipio alle ore 18, il 27 agosto a  Celano ne Il Locale 67, ore 18, 28 agosto a Sante Marie, borgo della lettura alle ore 18 e infine il 29 agosto a L’Aquila a Punto Basilio, alle ore 18.30.

Un resoconto, questo, di un’esperienza recente che sembra essere lontana dai nostri ricordi ma che ogni volta che minaccia il suo ritorno fa accapponare la pelle. Un disegno di una vita che scappa dalla solitudine e che ricorre all’arte come antidoto per esorcizzare i demoni dell’isolamento e della paura della crisi economica”

Libri

Ticket to ride, canzoni in viaggio su spunti letterari: il nuovo programma di Radio L’Aquila 1

Avatar

Published

on

By

Arriva sulle frequenze dell’emittente aquilana Radio L’Aquila 1 (FM 93.5), e in streaming su www.radiolaquila1.it “Ticket To Ride – canzoni in viaggio”, il nuovo programma di approfondimento condotto da Antonella Finucci, Valeria Valeri e Fabio Iuliano.

Ogni settimana, il martedì alle 12,05 e la domenica, in replica alle 15,05 verrà affrontato un tema diverso legato al viaggio, all’andare, alla scoperta. Un percorso declinato in tre canzoni (trasmesse dallo studio o suonate dal vivo) e accompagnato da riflessioni, spunti letterari classici e contemporanei.

La prima puntata, in onda martedì 20 ottobre, è dedicata alla “purezza”. Nelle settimane successive verranno affrontati temi come incontro, spiritualità, macerie e rovine, labirinti, oceani, orizzonti, boschi e montagne, ecc.

“Quando riesci a coniugare sfida e passione bisogna sempre cogliere l’occasione”, sottolinea la professoressa Valeria Valeri. “Così quando Fabio Iuliano, dopo pochi minuti dal nostro primo incontro, mi propose il suo progetto, non ci ho pensato due volte. L’idea di declinare parole di ogni tempo, su ogni argomento, cogliendo suggerimenti, emozioni, sfumature, assonanze evidenti o meno era troppo allettante. Da lì alla nascita di uno strano trio, che si è dimostrato immediatamente una Premiata ditta sulla stessa lunghezza d’onda ma su strade diverse, ci è voluto davvero poco. Internet, libri, vinili e file audio le nostre fonti. La disponibilità del patron di Radio L’Aquila 1, Giovacchino D’Annibale, ha fatto il resto”.

“Quando Fabio Iuliano mi propose un programma musicale da trasmettere in radio decisi che la cosa si sarebbe potuta fare; mai, però, avrei pensato che poi sarebbe potuto venir fuori un programma musicale, culturale con spunti letterari e di spessore come Ticket To Ride – canzoni in viaggio”, dice Giovacchino D’Annibale. “Quando poi Valeria Valeri mi disse che si era sentita con Fabio quasi mi meravigliai. Non avrei mai pensato che poi ai due si sarebbe aggiunta Antonella Finucci con gli stessi interessi e passioni di Fabio e Valeria:’ tre ‘professori’ messi insieme quasi per caso chissà cosa potranno combinare! Ma poi nel giro di una settimana è stata progettato il programma. Ora non rimane che aspettare il riscontro del pubblico radiofonico e non”.

Caminante, caminante, no hay camino, se hace camino al andar – Viandante, sono le tue impronte, il cammino, e niente più, viandante, non c’è cammino, il cammino si fa andando: le parole di Antonio Machado mi hanno accompagnato sin dalle prime lezioni di spagnolo all’università”, commenta Fabio Iuliano, giornalista e docente.

“Così mi piace progettare i miei viaggi, magari con una meta in testa, magari anche conoscendo già le tappe intermedie, ma senza un itinerario preciso. È così che abbiamo concepito questo programma. Un viaggio attraverso le nostre stesse esperienze di viaggio, ma anche attraverso i nostri percorsi letterari e musicali. Un viaggio in cui ci scopre uguali e diversi allo stesso tempo, come personaggi delle nostre storie che prendono forma settimana dopo settimana”.

“Quando cammino spesso mi perdo. Un po’ perché zingara di natura, un po’ appositamente, per curiosità”, dice di sé Antonella Finucci, anche lei docente e giornalista.

“Amo i boschi, i labirinti, i cieli. E insieme il vento, le librerie e Roma. Amo gli elementi e i luoghi che mi fanno sentire minuscola e immensa, allo stesso tempo. I viaggi veri fanno così, riescono a farci sentire infinitesimamente piccoli, parte di un universo che ci lega tutti quanti, e allo stesso tempo grandi, nelle idee, nei pensieri, nella capacità di amare e nella meraviglia della scoperta dell’altro. Che poi l’altro, l’incontro con l’altro, è il senso vero della vita intera, che è il viaggio per eccellenza. Io spero che questo programma, che vi farà viaggiare con noi, vi farà sentire così. Un po’ alberi, sospesi e radicati allo stesso tempo, piccolissimi eppure immensi. E poi Fabio e Valeria sono due compagni incredibili, hanno valigie piene di meraviglie. Comprate il biglietto e saltate a bordo”.

Continue Reading

Libri

“On the road” di Jack Kerouac, il poeta jazz che diede vita alla Beat Generation

Federico Falcone

Published

on

“Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati. Dove andiamo? Non lo so, ma dobbiamo andare”

Il 5 settembre del 1957 fu pubblicato “On the Road“, il leggendario libro di Jack Kerouac che ben presto divenne simbolo della beat generation. Un romanzo autobiografico, scritto nel 1951 e ambientato negli anni Quaranta, basato su una serie di lunghi e imprevedibili viaggi che hanno visto protagonista l’autore. Gli Stati Uniti, land of American Dream, girati in lungo e in largo tra automobili, bus, autostop e, all’occorrenza, mezzi di fortuna. Al suo fianco, l’amico Neal Cassady.

Nonostante per alcuni non sia l’opera migliore di Kerouac (resta fermo il paragone con “Big Sur“), dal giorno della sua pubblicazione a oggi, “Sulla strada” ha venduto circa quattro milioni di copie. Il libro però è andato oltre i numeri.

Ha influenzato milioni di adolescenti negli anni Sessanta, fomentando quel sogno di libertà dell’universo hippie e quella rivoluzione pacifista a lungo auspicata, specialmente dopo i due conflitti bellici Mondiali che hanno devastato la prima metà del Novecento e, con riguardo la patria dello Zio Sam, la grande depressione del 1929.

Leggi anche: Dal Nobel per la letteratura all’esilio, l’incredibile storia di Alexandr Solženicyn

“Tu e io, Sal, esploreremo il mondo intero con un’automobile così perché, amico, in fondo la strada è fatta apposta per farci girare il mondo”

Kerouac Ha dato voce a una gioventù sulle cui spalle gravava un mondo da ricostruire, ha elevato a stile di vita il piacere della scoperta, la curiosità di scoprire posti nuovi e nuove persone. E’ stato la voce dei kids ribelli, desiderosi di provare le esperienze più singolari e, perché no, anche proibite. Prima di essere annoverato tra i libri più importanti del secolo scorso, “On the road” è stato a lungo ritenuto un caposaldo della controcultura americana. Attraverso le sue pagine ha messo in luce quel ventaglio di contraddizioni che animava la società statunitense di allora.

La voglia di libertà si contrapponeva alla denuncia dello sfruttamento dei lavoratori, l’ideologico pacifismo veniva spuntato dal sempre più fervente capitalismo, l’agio, il benessere, l’emancipazione erano a tratti un miraggio. Salvo che non si appartenesse alla società borghese o, tutt’al più benestante. Un viaggio per mettere in luce il decadimento dei valori umani e respirare aria di speranza.

Tutti eravamo felici, ci rendevamo conto che stavamo abbandonando dietro di noi la confusione e le sciocchezze e compiendo la nostra unica e nobile funzione nel tempo, andare

Ironia della sorte, fu proprio Kerouac a coniare il termine beat. L’accezione non era quella rivoluzionaria che oggi gli attribuiamo, bensì religiosa. Egli, infatti, intendeva “beato”. Ecco cosa si legge in una sua testimonianza:

“Un pomeriggio andai nella chiesa della mia infanzia, Santa Giovanna d’Arco a Lowell, Mass. A un tratto, con le lacrime agli occhi, udii il sacro silenzio della chiesa (ero solo lì dentro, erano le cinque del pomeriggio; fuori i cani abbaiavano, i bambini strillavano, cadevano le foglie, le candele brillavano debolmente solo per me). Ebbi la visione di che cosa avevo voluto dire veramente con la parola “Beat”, la visione che la parola Beat significava beato”.

Leggi anche: L’amore triste e ineluttabile di Gatsby: perché il capolavoro di Fitzgerald non passa mai di moda

Il libro fu terminato a New York, dove lo scrittore tornò dopo il lungo viaggio. La gestazione dell’opera fu però condizionata dai continui sbalzi d’umore di Kerouac che, afflitto da depressione e schiavo di alcol e droghe, si stava dirigendo verso pericolosi fasi di autolesionismo. Oltre a ciò incombeva una crisi economica personale che poco si conciliava con le sue inquietudini. Trovò conforto, o almeno ci provò, nello studio del buddismo e della meditazione.

Schivo, di natura riservato e chiuso in sé stesso, venne travolto dal successo di “On the road”. Interviste, articoli di giornali, contatti da ogni luogo: Kerouac non amava tutto ciò e neanche lo ricercava. Oggi lo chiameremmo “antidivo”, ma la verità, però, è che fu semplicemente sé stesso, in ogni fase della propria esistenza. Nel bene e nel male non cambiò mai, portandosi dietro insicurezze, dolori, frustrazioni e, come degli spettri, l’onnipresente presenza di alcol, droghe e e depressione.

A nulla valsero i tentativi della famiglia e degli amici più stretti di farlo uscire da quella spirale di sofferenza. Il 20 ottobre del 1969, nel cuore della notte (all’incirca alle quattro), avvertì delle fitte lancinanti all’addome e si svegliò senza più riprendere sonno. I dolori divennero più forti nelle ore successive e verso mezzogiorno iniziò anche a vomitare sangue. La cirrosi epatica gli aveva irrimediabilmente compromesso il fegato.

Subito la corsa all’ospedale dove fu operato d’urgenza per ridurre l’emorragia interna. Subì anche ventisei trasfusioni. Da quell’intervento chirurgico non si riprese mai e il giorno dopo, il 21 ottobre, morì intorno alle cinque del mattino. Aveva quarantasette anni. Amava definirsi un “poeta jazz”, ma quello, purtroppo, fu l’ultimo viaggio di una vita vissuta Sulla Strada.

Continue Reading

Libri

Gianni Rodari e il sottotesto politico di cui nessuno parla

La dimensione dimenticata del Rodari politico, vera forza motrice delle sue filastrocche infantili

Alberto Mutignani

Published

on

Con una pandemia in atto, c’è stato chi ha avuto la temerarietà di uscire, gel e mascherina, rischiare il tutto per tutto e infilarsi in una libreria per comprare una raccolta di Gianni Rodari. È un gesto audace ma per Rodari si può fare, sembra, e le case editrici lo sanno. Ogni tanto lo ripropongono nelle vetrinette, in qualche nuova veste con un’introduzione di quel docente di Milano e una postfazione di quella penna di Repubblica. Ora che sono cent’anni dalla nascita di quell’intellettuale pallido e militante, qualcuno ha deciso di ricordarlo – più di qualcuno, in realtà – intasando le bacheche social di filastrocche. Ma fuori da quella specie di rivoluzione di colore o forma che tutti stanno citando, c’è la componente politica – il vero “colore” di queste storielle:

Bella la bandiera tricolore
sboccia al sole come sboccia un fiore.
Ma le bandiere sono tutte belle,
fatte per sventolare insieme come sorelle…
L’italiana, l’inglese, la francese,
la russa, la cinese
e quella di Maometto:
mille più mille bandiere a braccetto”

Rimane difficile pensare davvero che “Bandiere” sia stata scritta dai bambini di Vho. La firma è quella di Rodari, che scrive questo inno all’uguaglianza delle bandiere (la russa e la cinese con l’italiana) negli anni in cui si registrano le morti di centinaia di dissidenti nei rispettivi regimi – non me ne vogliano gli ex pci – in cui il Nostro amava fare delle lunghe vacanze di piacere. L’uomo che scriveva della cicala e la formica, e che si faceva amare per la sconclusionata scrittura infantile, era lo stesso che sul “Manuale del Pioniere” (1951) appuntava, a proposito della rivoluzione culturale nelle scuole: “Bisogna sollecitare le organizzazioni democratiche (Partiti, Udi, associazione Italia-Urss, ecc.) perché organizzino spettacoli cinematografici per ragazzi, procurandosi anche qualcuna delle molto belle pellicole per ragazzi prodotte nell’Unione Sovietica e nelle democrazie popolari”.

E fortuna la ebbe con la connivenza trentennale degli amici maestri, di intere classi dirigenti, di un’idea che poi si è insediata, subdola, a spacciare finta moneta sperando nella benevolenza del lettore giovane e ingenuo – che oggi è un lettore adulto e ingenuo. Quando ricordiamo le sue filastrocche, ricordiamo l’autentico baedeker del comunismo, la propaganda verso un mondo che non soltanto dovrebbe esserci estraneo per costituzione, ma che è stato il seme dell’odio e la radice di quel finto spirito di inclusione che oggi coinvolge l’istruzione italiana e i suoi figli della buona dottrina.



Continue Reading

In evidenza