Connect with us

Back to the past

L’assassinio di Martin Luther King, paladino dei diritti civili. Celebre il discorso “I have a dream…”

Published

on

Era il 4 aprile del 1968 e Martin Luther King, premio Nobel per la pace, paladino dei diritti civili degli afroamericani, politico e attivista capace di lasciare una traccia indelebile nella storia della comunità statunitense, veniva assassinato mentre si trovava a Memphis, in Tennesse. Il nativo di Atlanta, Georgia, città che conobbe molto bene la segregazione razzista e la violenza sulla popolazione di colore, si trovava sul balcone della propria stanza al Lorraine Motel quando fu raggiunto da un proiettile sparato in lontananza da una carabina Remington 760.

Leggi anche: DiCaprio e Revenant: la prova più estrema per vincere l’Oscar più atteso

MyZona

Erano da poco passate le 18 e, nonostante il disperato tentativo di portarlo al locale St. Joseph Hospital, King morirà nel giro di un’ora scarsa. L’attivista e simbolo della lotta al segrazionismo razziale aveva 39 anni.

Il 28 agosto del 1963, di fronte al Lincoln Memorial di Washington, tenne il celebre discorso “I have a dream“, considerato uno dei più importanti, influenti e potenti del novecento. Lo fece al termine di una marcia di protesta per rivendicare i diritti civili della comunità afroamericana.

Leggi anche: Bartolomeo Pinelli, l’artista della Roma bulla

Discorso integrale

Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro paese. Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il Proclama sull’Emancipazione. Questo fondamentale decreto venne come un grande faro di speranza per milioni di schiavi negri che erano stati bruciati sul fuoco dell’avida ingiustizia. Venne come un’alba radiosa a porre termine alla lunga notte della cattività.

Ma cento anni dopo, il negro ancora non è libero; cento anni dopo, la vita del negro è ancora purtroppo paralizzata dai ceppi della segregazione e dalle catene della discriminazione; cento anni dopo, il negro ancora vive su un’isola di povertà solitaria in un vasto oceano di prosperità materiale; cento anni dopo; il negro langue ancora ai margini della società americana e si trova esiliato nella sua stessa terra.

Per questo siamo venuti qui, oggi, per rappresentare la nostra condizione vergognosa. In un certo senso siamo venuti alla capitale del paese per incassare un assegno. Quando gli architetti della repubblica scrissero le sublimi parole della Costituzione e la Dichiarazione d’Indipendenza, firmarono un “pagherò” del quale ogni americano sarebbe diventato erede. Questo “pagherò” permetteva che tutti gli uomini, si, i negri tanto quanto i bianchi, avrebbero goduto dei principi inalienabili della vita, della libertà e del perseguimento della felicità.

E’ ovvio, oggi, che l’America è venuta meno a questo “pagherò” per ciò che riguarda i suoi cittadini di colore. Invece di onorare questo suo sacro obbligo, l’America ha consegnato ai negri un assegno fasullo; un assegno che si trova compilato con la frase: “fondi insufficienti”. Noi ci rifiutiamo di credere che i fondi siano insufficienti nei grandi caveau delle opportunità offerte da questo paese. E quindi siamo venuti per incassare questo assegno, un assegno che ci darà, a presentazione, le ricchezze della libertà e della garanzia di giustizia.

Siamo anche venuti in questo santuario per ricordare all’America l’urgenza appassionata dell’adesso. Questo non è il momento in cui ci si possa permettere che le cose si raffreddino o che si trangugi il tranquillante del gradualismo. Questo è il momento di realizzare le promesse della democrazia; questo è il momento di levarsi dall’oscura e desolata valle della segregazione al sentiero radioso della giustizia.; questo è il momento di elevare la nostra nazione dalle sabbie mobili dell’ingiustizia razziale alla solida roccia della fratellanza; questo è il tempo di rendere vera la giustizia per tutti i figli di Dio. Sarebbe la fine per questa nazione se non valutasse appieno l’urgenza del momento. Questa estate soffocante della legittima impazienza dei negri non finirà fino a quando non sarà stato raggiunto un tonificante autunno di libertà ed uguaglianza.

Il 1963 non è una fine, ma un inizio. E coloro che sperano che i negri abbiano bisogno di sfogare un poco le loro tensioni e poi se ne staranno appagati, avranno un rude risveglio, se il paese riprenderà a funzionare come se niente fosse successo.

Non ci sarà in America né riposo né tranquillità fino a quando ai negri non saranno concessi i loro diritti di cittadini. I turbini della rivolta continueranno a scuotere le fondamenta della nostra nazione fino a quando non sarà sorto il giorno luminoso della giustizia.

Ma c’è qualcosa che debbo dire alla mia gente che si trova qui sulla tiepida soglia che conduce al palazzo della giustizia. In questo nostro procedere verso la giusta meta non dobbiamo macchiarci di azioni ingiuste.

Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertà bevendo alla coppa dell’odio e del risentimento. Dovremo per sempre condurre la nostra lotta al piano alto della dignità e della disciplina. Non dovremo permettere che la nostra protesta creativa degeneri in violenza fisica. Dovremo continuamente elevarci alle maestose vette di chi risponde alla forza fisica con la forza dell’anima.

Questa meravigliosa nuova militanza che ha interessato la comunità negra non dovrà condurci a una mancanza di fiducia in tutta la comunità bianca, perché molti dei nostri fratelli bianchi, come prova la loro presenza qui oggi, sono giunti a capire che il loro destino è legato col nostro destino, e sono giunti a capire che la loro libertà è inestricabilmente legata alla nostra libertà. Questa offesa che ci accomuna, e che si è fatta tempesta per le mura fortificate dell’ingiustizia, dovrà essere combattuta da un esercito di due razze. Non possiamo camminare da soli.

E mentre avanziamo, dovremo impegnarci a marciare per sempre in avanti. Non possiamo tornare indietro. Ci sono quelli che chiedono a coloro che chiedono i diritti civili: “Quando vi riterrete soddisfatti?” Non saremo mai soddisfatti finché il negro sarà vittima degli indicibili orrori a cui viene sottoposto dalla polizia.

Non potremo mai essere soddisfatti finché i nostri corpi, stanchi per la fatica del viaggio, non potranno trovare alloggio nei motel sulle strade e negli alberghi delle città. Non potremo essere soddisfatti finché gli spostamenti sociali davvero permessi ai negri saranno da un ghetto piccolo a un ghetto più grande.

Non potremo mai essere soddisfatti finché i nostri figli saranno privati della loro dignità da cartelli che dicono:”Riservato ai bianchi”. Non potremo mai essere soddisfatti finché i negri del Mississippi non potranno votare e i negri di New York crederanno di non avere nulla per cui votare. No, non siamo ancora soddisfatti, e non lo saremo finché la giustizia non scorrerà come l’acqua e il diritto come un fiume possente.

Non ha dimenticato che alcuni di voi sono giunti qui dopo enormi prove e tribolazioni. Alcuni di voi sono venuti appena usciti dalle anguste celle di un carcere. Alcuni di voi sono venuti da zone in cui la domanda di libertà ci ha lasciato percossi dalle tempeste della persecuzione e intontiti dalle raffiche della brutalità della polizia. Siete voi i veterani della sofferenza creativa. Continuate ad operare con la certezza che la sofferenza immeritata è redentrice.

Ritornate nel Mississippi; ritornate in Alabama; ritornate nel South Carolina; ritornate in Georgia; ritornate in Louisiana; ritornate ai vostri quartieri e ai ghetti delle città del Nord, sapendo che in qualche modo questa situazione può cambiare, e cambierà. Non lasciamoci sprofondare nella valle della disperazione.

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno. E’ un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia. Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. Ho davanti a me un sogno, oggi!.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.

Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi. Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’America vuole essere una grande nazione possa questo accadere.

Risuoni quindi la libertà dalle poderose montagne dello stato di New York. Risuoni la libertà negli alti Allegheny della Pennsylvania. Risuoni la libertà dalle Montagne Rocciose del Colorado, imbiancate di neve. Risuoni la libertà dai dolci pendii della California.

Ma non soltanto. Risuoni la libertà dalla Stone Mountain della Georgia. Risuoni la libertà dalla Lookout Mountain del Tennessee. Risuoni la libertà da ogni monte e monticello del Mississippi. Da ogni pendice risuoni la libertà.

E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, cattolici e protestanti, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual: Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Back to the past

Giacomo Leopardi, non chiamatelo “sfigato”

Published

on

Giacomo leopardi filosofo di Recanati e Nietzsche

Se alcuni personaggi storici la vulgata li ha condannati ad una damnatio memoriae per la quale sono ricordati come i “cattivi” di turno, altri sono simboli della malinconia, della negatività, dell’essere degli “sfigati”.

Tra questi ultimi vi è sicuramente Giacomo Leopardi. Lo scrittore di Recanati è ancora oggi vittima di luoghi comuni alimentati da anni e anni di insegnamenti senza capo né coda.

MyZona

Quello che viene ricordato da generazioni di alunni come un antesignano dei nerd, come un gobbo, era invece un fico (magari non nell’accezione di donnaiolo et similia). Un vero genio. Come si dice “la volpe che non arriva all’uva dice che è acerba”. Probabilmente questo è stato il destino di Leopardi. Troppo oltre, troppo in alto per essere capito da chi, quando qualcuno indica la luna guarda il dito.

Nietzsche diceva che “Quelli che ballavano erano visti come pazzi da quelli che non sentivano la musica”. La poesia, gli scritti del recanatese erano sicuramente come quella sinfonia che non tutti sono in grado di sentire.

LEOPARDI E NIETZSCHE

Con il filosofo tedesco condivide numerosi motivi filosofici. Tra tutti c’è sicuramente la presa di coscienza della “morte di Dio” (cioè delle illusorie e rassicuranti certezze metafisiche). La percezione vivissima della tragica grandezza dell’esistenza umana. Ma anche il pessimismo. Non la rassegnazione. Questa visione era figlia della presa di coscienza della decadenza dell’Europa e della sua civiltà. Ultimo, ma non meno importante, è il “ritorno attivo” alla classicità greca-romana.

Leopardi ha nostalgia delle sue origini. Nietzsche in ciò trova la spinta per un nuovo inizio. Il poeta italiano trova però nella fonte dionisiaca del destino europeo la panacea al declino del “secol superbo e sciocco”. Quell’Ottocento dominato da una società borghese.

Nostalgico sì ma fervente patriota e sostenitore di quell’Italia che ancora si doveva fare. Proprio nell’ode di apertura “All’Italia” sosteneva che per ribaltare la decadenza della sua epoca fosse necessario ispirarsi alla grandezza del passato e soprattutto nel provare vergogna per la situazione attuale.

In “Ad Angelo Mai” scrisse che «dal dolor comincia e nasce / l’italo canto».

Ma è nelle sue opere in prosa che diede dimostrazione della sua lungimiranza. Dall’osservazione del contesto a lui coevo anticipò gli effetti della globalizzazione.

“Mancherà dalla vita umana ogni valore, ogni rettitudine, così di pensieri come di fatti; e non pure lo studio e la carità, ma il nome stesso delle nazioni e delle patrie sarà spento per ogni dove”. Così scrisse nelle “Operette morali”.

LE SUE IDEE INNOVATIVE

Non fu sicuramente un don Giovanni come Foscolo. Né un soldato in prima linea come Garibaldi. Ma nelle sue parole si trovano costantemente idee e passi che fanno pensare a lui come un uomo contemporaneo.

Il suo “studio matto e disperatissimo” lo ha reso immortale. Anticipò di quasi 50 anni il nichilismo arrivando a capire, forse per primo, quale fosse il vero male dell’uomo. La mancanza di un obiettivo e di una ragione per stare al mondo.

Fu certamente di carattere schivo, ma superò questo suo limite per innalzarsi. Fu un acuto osservatore, un curioso. E proprio questa sua curiosità gli permise di non rassegnarsi al pessimismo che lo avvolgeva. Solo una mente troppo povera non è in grado di trovare una soluzione al dolore che la vita racchiude in sé. 

E come una ginestra, che riesce a nascere laddove nulla ce la fa, così l’uomo tramite la solidarietà e la curiosità sul senso della vita e del futuro può aggrapparsi alla vita.

In occasione dell’anniversario della sua morte, avvenuta il 14 giugno del 1837 a Torre del Greco, questo poeta sublime, filosofo eccentrico nonché filologo eruditissimo, è quanto mai giusto celebrarlo in quanto uno dei maggiori poeti del pantheon culturale italiano. Provando a cancellare i luoghi comuni di quegli insegnanti che poco amano la letteratura. A differenza di Giacomo Leopardi.

Continue Reading

Back to the past

Nerone, l’esempio di quanto costi essere scomodi ai poteri forti

Published

on

Nerone imperatore dell'impero romano

La storia, si pensa comunemente, la scrivono i vincitori. Ma non è sempre così. Alle volte, a scrivere sono coloro che dai vittoriosi vogliono qualcosa. Sono loro a raccontare. A tramandare fatti. E se quel qualcuno ha tanto da guadagnare, probabilmente ciò che scriverà non sarà del tutto oggettivo.

Le vicende, i personaggi, gli intrighi, la politica di Roma antica è giunta fino a oggi attraverso una moltitudine di documenti. Racconti, poesie, lettere, poemi. Tra questi vi è la documentazione storiografica di autori come Sallustio, Tacito, Svetonio. Ma anche lo stesso Giulio Cesare, con i suoi De Bello Gallico e De Bello Civili, ha tramandato notizie importanti per la conoscenza storica ed etnografica del suo tempo.

MyZona

LE ACCUSE A NERONE FIGLIE DI UN CREDO POLITICO

Ma tutti questi scrittori erano politicamente impegnati. O quantomeno appartenenti a ceti sociali schierati con una determinata corrente politica. É il caso di Svetonio, il principale accusatore di Nerone. 

Fu lui, infatti, sette anni dopo il fatto, ad accusare l’imperatore di osservare dal Palatino, cetra in mano, Roma mentre bruciava.

“Nerone con il pretesto che era disgustato dalla bruttezza degli antichi edifici e dalla strettezza e sinuosità delle strade, incendiò Roma (…) Il fuoco divampò per sei giorni e sette notti, obbligando la plebe a cercare alloggio nei monumenti pubblici e nelle tombe. Allora, oltre ad un incalcolabile numero di agglomerati di case, il fuoco divorò le abitazioni dei generali di un tempo, ancora adornate delle spoglie dei nemici, i templi degli Dèi che erano stati votati e consacrati sia al tempo dei re, sia durante le guerre puniche e galliche e infine tutti i monumenti curiosi e memorabili che restavano del passato”.

Bisogna tener conto che Svetonio (così come Tacito) apparteneva alla classe senatoria, che non vedeva di buon occhio un uomo così popolare. Esistono, inoltre, fonti archeologiche e popolari che attestano che Nerone era amato dalla popolazione (sulla sua tomba non mancarono mai fiori freschi per secoli, anche in età cristiana). Ciò che la storia insegna è che quando un uomo di potere è così odiato da una élite, come il senato romano, vuol dire che forse così cattivo non è.

Per questo, come si legge nel libro di Massimo Fini “Nerone, duemila anni di calunnie”, l’imperatore è stato destinato ad una damnatio memoriae ingiusta. Periodicamente viene fuori ancora la fandonia per cui fu lui ad alimentare l’incendio nonché il primo persecutore dei cristiani.

L’ALTRA STORIA (probabilmente più veritiera)

Bisogna perciò andare a ricontrollare i dati storici.

Per quanto riguarda l’incendio che la notte tra  18 e il 19 luglio del 64 colpi’ Roma e vi infurio’ per alcuni giorni, Nerone non era in città. Era ad Anzio e tornò a cavallo per aiutare e guidare le operazioni di soccorso.

Non era certo la prima volta che le fiamme divampavano nell’Urbe. Nel 6, nel 27, nel 36 e nel 54 il fuoco arse la città. Ma quello del 64 fu il più disastroso. La Roma di allora era stretta fra vicoli tortuosi, dove il popolino faceva utilizzava irresponsabilmente una moltitudine di bracieri, di fornelli, di torce. Il tutto fra le numerose baracche e catapecchie di legno. Bisogna qui sottolineare che Nerone ricostruì in maniera ignifuga la città.

L’immagine lasciata alla storia, del princeps sul colle da cui nacque l’odierna capitale italiana, è stata probabilmente frutto di una campagna politica denigratoria. Come sarebbe stato possibile che Nerone si trovasse sul Palatino se lo stesso era in fiamme?

L’imperatore era sicuramente avverso alle frange più estreme dei cristiani che vedevano in lui il colpevole della degenerazione (dal loro punto di vista) di Roma nella nuova Sodoma. Lo stesso Paolo, nelle lettere ai romani, si diceva preoccupato della radicalità e della pericolosità di alcuni suoi confratelli.

L’incendio portò a pene severe per la comunità cristiana romana, che all’epoca contava poco più di 3000 fedeli. Circa 200, dopo oltre due mesi di processi (la giustizia romana solitamente era molto più sbrigativa), furono giustiziati. In molti, in stile terroristi islamici, rivendicarono (sicuramente enfatizzando) il ruolo svolto nell’incendio.

LA POLITICA POPOLARE DEL PRINCEPS

Nonostante ciò dopo l’incendio, sia a Roma, sia nelle province, i cristiani poterono continuare a predicare senza altre ripercussioni. Le persecuzioni infatti tornarono sotto il principato di Domiziano.

Nerone fu un imperatore e artista, governò Roma come uno statista e fece una serie di riforme tributarie in favore del popolo. Abbassò le tasse e svalutò la moneta. Riuscì in ciò abolendo le tasse indirette senza però aumentare quelle dirette. Forse populista, nonché bipolare e da un certo punto di vista folle al punto giusto, si inimicò il Senato schierandosi contro i poteri forti dell’epoca. Mal sopportava, difatti, l’usura esercitata dall’aristocrazia e dai latifondisti. La sua azione politica era diretta al benessere del popolo. Al di là dei suoi interessi personali. Diversamente dai gruppi egemoni cittadini. Costruì la burocrazia imperiale che ha permesso all’Impero di reggere ancora alcuni secoli.

La sua vita non fu solo dedita alla politica. Il suo vero amore fu la recitazione. Adorava essere una sorta di Mecenate e contornarsi di artisti. La Domus Aurea era un teatro a cielo aperto. E ciò gli inimicò ancor di più i senatori. Il loro orgoglio, ma anche una certa ritrosia verso il nuovo, era di impedimento nell’accogliere Nerone come un imperatore degno di questo nome. Lo consideravano un attore. E farsi governare da una sorta di artista era inaccettabile.

Pagò questo atteggiamento, questo suo modus operandi, con la vita. Fu costretto al suicidio, dopo quattordici anni di governo, a 30 anni. Divenne imperatore a 17 anni contro la sua volontà. Era la madre, l’assassinio della quale è uno dei soli due che gli storici possono attribuire a Nerone con sicurezza, a volere questo ruolo per lui. La volontà di governare l’Impero attraverso il ragazzo era di Agrippina. Il suol famoso discorso al Senato in cui parlò di assenteismo gli costò caro. Come accadde a Caligola e Catilina prima di lui.

Forse più di tutto, bastano le parole di Traiano per descrivere al meglio cosa fu veramente Nerone. Gli anni dal 64 al 68 furono un “quinquennio aureo”, “il periodo più prospero e felice dell’Impero”. Gli anni in cui governò scevro da ogni guida e imposizione materna e non.

Continue Reading

Back to the past

Rino Gaetano, 40 anni senza il cantautore dell’assurdo

Published

on

Rino Gaetano cantautore di Gianna e Berta

“E a mano a mano vedrai che nel tempo
Lì sopra il suo viso lo stesso sorriso
Che il vento crudele ti aveva rubato
Che torna fedele
L’amore è tornato…”

“A mano a mano”, cantava Rino Gaetano. Una delle canzoni più belle del panorama musicale italiano.

MyZona

Era il 2 giugno del 1981, quando il cantautore calabrese, all’anagrafe Salvatore Antonio Gaetano perdeva la vita in un incidente stradale sulla via Nomentana a Roma, all’età di soli 30 anni. Nacque a Crotone nel 1950, ma si trasferì fin da bambino nella Capitale.

DAGLI ESORDI AL SUCCESSO

Le testimonianze del tempo ci raccontano di un Rino che, prima di diventare famoso, strimpellava la chitarra e cantava con uno stile tutto suo, grintoso, ironico, dissacrante. Nel 1974 pubblicò il suo primo album “Ingresso libero”, che però non riscosse grande successo. Da questo venne estratto un 45 giri anticonformista fin dal titolo “Tu, forse non essenzialmente tu”.

Il successo arriva l’anno dopo, con il singolo “Ma il cielo è sempre più blu”, la sua canzone più famosa, più venduta e più cantata. Un brano abbastanza strano, senza una logica apparente, molto semplice e orecchiabile, che mescola vicende e aspirazioni della più varia umanità. Nel 1978 pubblica il disco “Nuntereggae più” e si esibisce al Festival di Sanremo con “Gianna”, un pezzo graffiante, estroverso. Nel 1979 esce l’LP “Resta vile maschio, dove vai?”, seguito l’anno dopo da “Io ci sto”, con cui si conclude prematuramente la sua carriera artistica.
Le canzoni di Rino Gaetano restano un po’ a metà tra la musica popolare e la canzone d’autore. Parlano di temi personali e sociali come la solitudine, le frustrazioni, l’emarginazione.

«Ho sempre pensato che le canzoni di Rino Gaetano fossero come installazioni d’arte, capaci di meravigliare l’occhio e di ipnotizzare i sensi», così lo ricorda Sergio Cammariere.
Fu un artista geniale che sapeva mescolare ironia e denuncia sociale. Originale, unico, estroso. Un cantante in grado di essere ironico e di raccontare i depredati, i maltrattati, gli sfruttati, tutte quelle persone ferite dalla vita. Canzoni che, tuttora, sono attuali, vive.

IL RINO GAETANO DAY

Oggi, 2 giugno, ha luogo la XI edizione del Rino Gaetano Day, in cui si celebra il geniale cantautore nella ricorrenza della sua scomparsa. Un evento organizzato da Anna e Alessandro Gaetano, e per il secondo anno consecutivo si svolgerà online. Il #rinogaetanoday2021 sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook “Rino Gaetano Band”, sul loro canale YouTube e on air su Radio Italia Anni 60 Roma FM 100.5, alle ore 18:30 circa.

Invece venerdì 4 giugno 2021 alle ore 16,30 il giornalista Gianmarco Cilento dialogherà con Michelangelo Iossa, autore della biografia di Rino Gaetano, uscita nel quarantesimo anniversario della morte dell’artista calabrese. L’evento sarà trasmesso in diretta sul gruppo Facebook dell’Associazione PaoLab.

Il libro, dal titolo “Rino Gaetano. Sotto un cielo sempre più blu” , racconta la storia del musicista partendo dal “suo sud” fino all’incredibile culto sviluppatosi negli ultimi decenni. Dall’infanzia vissuta a Crotone, agli anni scolastici di Narni, passando per il Folkstudio di Roma e il Festival di Sanremo fino all’incidente mortale di via Nomentana.

Salvatore Antonio Gaetano, per tutti Rino, è il protagonista di un lungo racconto biografico in cui si fondono la Magna Grecia, la scuola cantautorale romana, gli anni Settanta, lo sberleffo, il reggae e le donne di tante canzoni, da Berta a Gianna che “difendeva il suo salario dall’inflazione”.

Una serie di esperienze che permisero al giovane cantautore di trovare una sua personalissima strada espressiva. Una via che illuminò i tardi anni Settanta con hit irregolari e amatissime dal grande pubblico come “Ma il cielo è sempre più blu” e “Nuntereggaepiù”. Rino Gaetano non è, però, soltanto il cantautore sanremese con il cilindro e a dimostrarlo è la sua discografia. Spesso complessa e frutto dell’incontro con grandi musicisti e session-man italiani. Gli stessi che hanno contribuito a creare un lento e inesorabile culto, fatto di canzoni che viaggiano di bocca in bocca, fiction televisive e citazioni cinematografiche.

di Teresa Uomo

Continue Reading

In evidenza