“Un giorno qualcuno parlerà di te”, le nuove poesie di Andrea Lutri

Lutri andrea lutri

Quante volte ci sentiamo dare degli illusi perché diamo adito ai sogni. E questo capita anche se siamo molto giovani. Ma ciò, se ci pensiamo con il senno di poi, è anche un paradosso, perché ci sono in giro tanti concorsi e pure i Talent, che crescono come funghi, che promettono sogni e successo a palate.

Peccato che poi per molte persone si rivelino qualcosa di passeggero e assolutamente effimero. Capirete poi che è anche cambiata radicalmente l’idea che si ha odiernamente del sogno, che viene perciò costantemente e erroneamente legato al dio denaro. E questo capita perché pare che sia soltanto grazie ad esso che si possa essere felici, poiché è proprio tramite esso che si possono talora aprire tutte quelle porte e portoni che fino a poco tempo prima ci era vietato aprire.

MyZona

E così è anche cambiata la tipologia di essi, e se qualcuno ne ha di altro genere, viene deriso. Si sente la classica pecora nera del gruppo e così, soprattutto se non possiede un carattere forte e determinato, decide non solo di non renderli manifesti al mondo ma nemmeno di dare loro ascolto e di lottare affinché essi possano diventare un giorno una splendida realtà.

Leggi anche “Barbero, in arrivo il nuovo libro sulla nascita dell’editoria”

E questa splendida raccolta di poesie scritte dall’eccellente Andrea Lutri ci aiuta a recuperare il senso primordiale e più romantico, nel senso più etimologico del termine, della poesia, che è anche strettamente e inesorabilmente legata al sogno.

Sentimento chiave delle liriche è l’amore, ma non inteso come quello che si può provare per il proprio partner, ma più universale e generale e in primis verso il nostro io. Tuttavia ciò non significa che dobbiamo pensare sempre e solo al nostro ego, ma -al contrario- accarezzarlo e amarlo, oltre che rispettarlo, sapendo valorizzare i suoi punti di forza.

Ma “ il tutto” senza che vada a discapito degli altri. È un percorso affascinante quello che riusciamo a fare grazie a Lutri e che ci induce, un poco alla volta, poesia dopo poesia, a comprendere quanto sia vasto il mondo dei sentimenti e quanto siano numerose e affascinanti le sue sfumature. È una raccolta particolare, fatta pure di massime, originali e mai banali, che possono anche diventare delle sorte di mantra per la nostra vita. Speciale .

Articolo precedenteCastore e Polluce, legati oltre la morte tra le stelle
Articolo successivoMarvel e fantarcheologia, gli Eterni sono gli Annunaki dell’antica Mesopotamia?