Allora Fest: successo delle Masterclass, videointervista a Corrado Camilli

Foto Andrea Marchegiani www.andreamarchegiani.it

 Tecnica, esperienze dietro e davanti la macchina da presa, aneddoti da raccontare. Sul palco di palazzo Roma si alternano star pluripremiate come il regista Oliver Stone e gli attori Edward Norton, Matt Dillon e Jeremy Irons.

Non si tratta di passerelle, ma di veri e propri momenti di incontro e formazione (Masterclass) promossi dall’organizzazione dell’Allora Fest, in corso fino a domenica a Ostuni (Brindis), in sinergia con la Roma Film Academy. “Sono davvero felice di questa collaborazione e per come si è sviluppata in questa settimana”, spiega il giornalista aquilano Salvatore Santangelo, presidente dell’ente di formazione capitolino. “Abbiamo aderito subito alla proposta dell’Allora Fest di collaborare sulla parte formativa – aggiunge l’amministratore delegato di Roma Film Academy Corrado Camilli – proprio perché in questo festival c’è un buon equilibrio tra la parte di proiezioni e la parte di formazione. Siamo diventati partner esclusivo per la formazione del festival e crediamo fortemente in quello che abbiamo portato avanti in quanto abbiamo individuato due asset che completano la nostra offerta nel settore ‘Education'”.

Camilli individua da una parte il “respiro internazionale di questo evento. E quindi – contestualizza – la possibilità di mostrare ai nostri ragazzi esperienze che provengono da posti più disparati nel mondo. In secondo luogo, la possibilità di queste Masterclass che rappresentano un canale d’accesso importante, un’ulteriore vetrina di cui chi sta facendo formazione cinematografica può beneficiare”. “Penso soprattutto ai più giovani – conclude – che magari in altri contesti avrebbero un timore reverenziale di fronte a nomi così importanti della storia del cinema. Qui, tuttavia, possono approfittare di un contesto più disteso e di un’atmosfera maggiormente familiare rispetto ad altri festival”.

Articolo precedenteTrip hop + indie rock = “Taut”, disco d’esordio del trio Taut
Articolo successivoAllora Fest: videointervista a Enio Drovandi e Francesco Leardini
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.