Profondo e allucinato, il Van Gogh di Alessandro Preziosi fa sold out al Fenaroli di Lanciano

Le austere e slavate pareti di una stanza del manicomio di Saint Paul. Come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bianco? È il 1889 e l’unico desiderio di Vincent è uscire da quelle mura, la sua prima speranza è riposta nell’inaspettata visita del fratello Theo che ha dovuto prendere quattro treni e persino un carretto per andarlo a trovare…

Attraverso l’imprevedibile metafora del temporaneo isolamento di Vincent Van Gogh in manicomio, interpretato da Alessandro Preziosi, lo spettacolo di Khora.teatro in coproduzione con il Teatro Stabile d’Abruzzo, che si avvale della messa in scena di Alessandro Maggi è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine.

MyZona

Il testo vincitore del Premio Tondelli a Riccione Teatro 2005 per la “…scrittura limpida, tesa, di rara immediatezza drammatica, capace di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva” (dalla motivazione della Giuria n.d.r.) firmato da Stefano Massini con la sua drammaturgia asciutta ma ricca di spunti poetici, offre considerevoli opportunità di riflessione sul rapporto tra le arti e sul ruolo dell’artista nella società contemporanea.

Mercoledì 19 febbraio 2020 ore 21,00

KHORA Teatro – TSA Teatro Stabile d’Abruzzo
Prodotto da Alessandro Preziosi – Tommaso Mattei – Aldo Allegrini

Vincent VAN GOGH L’odore assordante del bianco di Stefano Massini

Alessandro Preziosi con Francesco Biscione e con Massimo Nicolini Roberto Manzi, Leonardo Sbragia, Antonio Bandiera

Scene e costumi Marta Crisolini Malatesta, disegno luci Valerio Tiberi e Andrea Bugarella, musiche Giacomo Vezzani, Supervisione artistica Alessandro Preziosi, regia di Alessandro Maggi


Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli