Connect with us

Musica

Addio a Franco Battiato

Published

on

Il “Maestro” della musica italiana Franco Battiato si è spento dopo una lunga malattia nella sua casa a Milo. Il maestro di Catania aveva compiuto da poco 76 anni. Cantautore, compositore e pittore ha lasciato un’impronta indelebile nella musica italiana. Era nato il 23 marzo 1945 a Riposto in provincia di Catania. Dal rock progressivo all’avanguardia, alla musica leggera, ha approfondito anche un canone che ha influenzato la canzone d’autore.

Lontano dalle scene musicali ed artistiche dal 2017, Franco Battiato viveva circondato dall’affetto dei suoi familiari nella sua vita alle pendici dell’Etna, dopo che un incidente domestico lo aveva costretto a interrompere concerti e tour.

MyZona

Tra i primi a dare la triste notizia è stato Antonio Spadaro, attuale direttore della rivista La Civiltà Cattolica. “E guarirai da tutte le malattie Perché sei un essere speciale. Ed io, avrò cura di te. Ciao, Franco Battiato”.

Gli anni ’70, Bla Bla e Ricordi
Partecipa attivamente alle correnti di ricerca e sperimentazione europee. Le sue prime incisioni escono per l’etichetta sperimentale Bla Bla: FetusPollution , Sulle corde di AriesClicM.elle le “Gladiator”. Passa a Ricordi, che pubblica FeedbackBattiatoJuke Box  e L’Egitto prima delle sabbie. Con quest’ultimo brano Battiato vince nel 1978 il Premio Karlheinz Stockhausen.

Gli anni ’80 e la EMI
Nel 1979 pubblica L’Era del Cinghiale Bianco, primo lavoro con la Emi Italiana. Seguono Patriots e La voce del Padrone, al vertice della classifica italiana per un anno con oltre un milione di copie. Battiato diventa un “caso”, materia di studio per gli intellettuali e fonte d’ ispirazione per i musicisti. Gli album successivi sono: L’arca di NoèOrizzonti perdutiMondi lontanissimiEchoes of sufi dances.

L’opera Genesi e la produzione pop degli ultimi ’80.
Dal 1984 Battiato è al lavoro per Genesi. L’opera debutta al Teatro Regio di Parma nel 1987, accolta con trionfale consenso. Per la Emi escono: NomadasFisiognomica e Giubbe rosse

L’inizio degli anni ’90, tra dischi pop e opere classiche.
Esce la colonna sonora composta per il film Benvenuto Cellini – Una vita scellerata. Incide Come un Cammello in una grondaia. L’album contiene il brano Povera Patria, che diviene in breve tempo un simbolo di impegno civile. Come un Cammello in una grondaia è riconosciuto Miglior Disco dell’Anno 1991 nel referendum della stampa specializzata promosso dalla rivista Musica e Dischi. Lavora alla sua seconda opera lirica, Gilgamesh, che debutta con successo al Teatro dell’Opera di Roma. Segue il Tour di Come un cammello in una grondaia, con l’orchestra I Virtuosi Italiani, Antonio Ballista e Giusto Pio. A Baghdad canta con l’Orchestra Sinfonica Nazionale Irachena. Pubblica Caffé de la Paix e la Messa Arcaica, composizione per soli, coro e orchestra.
La metà degli anni ’90 e la collaborazione con Manlio Sgalambro.
Viene rappresentata nella Cattedrale di Palermo l’opera Il Cavaliere dell’intelletto, su libretto del filosofo Manlio Sgalambro. Esce Unprotected,. Poi è la volta de L’ombrello e la macchina da cucire. La EMI inglese pubblica Shadow, Light. 
I secondi anni ’90, Polygram e Sony. Polygram pubblica L’imboscata. Uno dei brani dell’album, La cura, è riconosciuto Miglior Canzone dell’Anno al Premio Internazionale della Musica. Esce Gommalacca, contenente il singolo di grande successo Shock in my town. Viene pubblicato Fleurs, album che gli vale la targa di Miglior Interprete nel Premio Tenco.

Dal 2000. Nel giugno 2000 esce Campi magnetici, con le musiche del balletto commissionate dal Maggio Musicale Fiorentino. Esce Ferro Battuto, con la partecipazione di alcuni prestigiosi ospiti, primo fra tutti Jim Kerr dei Simple Minds. Arriva nei negozi Fleurs3, con una canzone inedita cantata in coppia con Alice, intitolata Come un sigillo.

Il cinema, PERDUToAMOR e il Nastro d’Argento
Esce nelle sale PERDUToAMOR, esordio cinematografico alla regìa di Battiato. Il film, scritto con Manlio Sgalambro, è riconosciuto d’Interesse Culturale Nazionale; Franco Battiato vince il Nastro d’Argento come miglior regista italiano esordiente. Esce Dieci stratagemmi, ispirato ad un antico testo cinese di tattica e strategia militare. Al Teatro dell’Opera di Roma, Battiato è in concerto con la Royal Philharmonic Orchestra di Londra. Esce il dvd live Un soffio al cuore di natura elettrica. Quindi il film Musikanten, con Sonia Bergamasco e Alejandro Jodorowsky. La sceneggiatura è scritta da Battiato e dal filosofo Manlio Sgalambro. Escono Il Vuoto e Niente è come sembra. Dopo Fleurs2, che vede le partecipazioni, tra gli altri, di Annie Ducros, Antony e Juri Camisasca, il 2009 è l’anno di Inneres Auge, L’Occhio Interiore, dove è presente un grido di protesta contro il decadimento del genere umano, partendo dalla situazione politica italiana fino al lontano Tibet: uno dei gioielli dell’album è l’interpretazione di “Inverno “ di De André. Nel 2011 Battiato compone Telesio, nuova opera, con libretto di Manlio Sgalambro. Nel 2012 Apriti Sesamo.  Nel 2014 Joe Patti’s Experimental Group, album realizzato insieme a Pino “Pinaxa” Pischetola: brani elaborati in chiave elettronica e sperimentale. Nel 2015 Le nostre anime, una vera summa di quanto realizzato da Battiato dal suo primo album ad oggi, compreso anche il lavoro cinematografico.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Musica

Paura per Omar Pedrini, ma il suo sole non resterà spento a lungo

Published

on

omar pedrini

“In gergo tecnico ho un (fottuto) aneurisma aortico”. Così, qualche giorno fa, Omar Pedrini – ex leader dei Timoria – aveva motivato il suo ricovero in ospedale. Poi l’operazione, condotta nella clinica Villa Torri di Bologna dal cardiochirurgo vascolare Roberto Di Bartolomeo e dalla sua equipe. L’intervento, come si apprende dai canali ufficiali dello “zio rock”, è riuscito dopo 5 ore. Il musicista ha ripreso conoscenza dopo poco.

Sabato, lo stesso cantante aveva rivolto ai fan un messaggio per rassicurarli, annunciando peraltro di doversi sottoporre all’intervento. Nella foto, il braccialetto del reparto di Cardiochirurgia esibito come se fosse un pass per il backstage. “L’agenzia che cura i miei tour sta già contattando gli organizzatori delle serate imminenti per trovare soluzioni ed io li ringrazio” ha scritto. “Sarebbe stata l’estate della ripartenza e invece resterò un po’ ai box. Ma devo accettare serenamente il mio karma”.

MyZona

“Diceva qualcuno – ha aggiunto Pedrini – ‘Un guerriero sa imparare ad amare il suo dolore’. Questo è quanto. La mia volontà è di tornare sul palco quanto prima e riprendere il viaggio con la mia fantastica band, ma ora sarebbe stupido fare programmi o peggio annunci, prima di domani. Ci siamo salutati alla fine del 2019 col vento in poppa, ora dobbiamo essere pronti per volare senza vento. Intanto vi abbraccio forte, almeno da qui e mi raccomando, ‘col pensiero tu, tu stammi accanto!'”

Foto: OmarPedriniOfficial

Continue Reading

Musica

Roberto Angelini: a fine giugno al via il tour estivo

Published

on

Roberto Angelini annuncia il tour estivo, che partirà il prossimo 28 giugno dall’Auditorium Parco della Musica di Roma. Una manciata di date in cui l’artista avrà l’occasione di presentare dal vivo anche gli ultimi singoli “Incognita”, “Condor” e “L’Era Glaciale”, che hanno fatto da apripista a quello che sarà il suo prossimo disco di inediti, il quinto della sua carriera, in uscita il prossimo autunno. Un ritorno atteso dopo nove anni dal precedente lavoro in studio, “Phineas Gage” (2012).

Leggi anche: “Euro 2020, sport e musica per guardare oltre: esplosione di colori alla cerimonia inaugurale”

Autore, chitarrista e produttore tra i più apprezzati della scena musicale italiana, Roberto Angelini ha attraversato la musica lasciando la propria impronta nelle moltissime collaborazioni intraprese con numerosi artisti. Tra le più recenti, la firma come co-produttore dell’ultimo pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” e quella di produttore del primo disco di Margherita Vicario. E ancora, diversi e importanti progetti paralleli: tra i più fortunati quelli legati a Nick Drake con Rodrigo D’Erasmo – un album, un tour, un documentario – e, non da ultima, la fondazione di un’etichetta indipendente, “FioriRari” con la quale pubblicherà anche il prossimo lavoro. Parallelamente è impegnato in una carriera televisiva ormai quasi decennale, dapprima su Rai3 con “Gazebo” e poi su La7 con “Propaganda Live”.

MyZona

I CONCERTI ESTIVI

28 GIUGNO – ROMA, AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA 3 LUGLIO – BOLOGNA, GO GO BO 22 LUGLIO – PRATO, OFFICINA GIOVANI 29 LUGLIO – CALCI (PI), MUSICASTRADA FESTIVAL 5 AGOSTO – CORIGLIANO D’OTRANTO (LE), SEI FESTIVAL

UN PO’ DI BIOGRAFIA

Nato a Roma nel 1975, Roberto Angelini fa il suo esordio come cantautore nel 2001 con l’album “Il Signor Domani” (Virgin). Lo stesso anno partecipa a Sanremo Giovani con l’omonimo brano e si aggiudica il Premio della Critica “Mia Martini”. Nel 2003 pubblica l’album “Angelini” (EMI) che contiene le hit “GattoMatto” e “La Gioia del Risveglio”. Questo disco, molto più pop del precedente, lo fa conoscere al grande pubblico.

Da lì a poco, il cantautore sente l’esigenza di tornare alle origini: rompe il contratto con la EMI e fonda una sua etichetta indipendente, “FioriRari”. Con questa pubblicherà due dischi a suo nome, “La Vista Concessa” (2009) e “Phineas Gage” (2012). Nel frattempo riprende con più interesse l’attività di musicista diventando molto richiesto per il suo personale modo di suonare la lapsteel (Fabi, Silvestri, Gazzè, Planet Funk, Fabrizio Moro, Emma Marrone, Orchestraccia).

Nascono vari progetti paralleli. I più fortunati e longevi sono “Discoverland”, duo fondato con il cantautore Pier Cortese che si diverte a reinterpretare e miscelare brani del passato e del presente, e un duo nato insieme al violinista Rodrigo D’Erasmo per celebrare e divulgare un artista cult come Nick Drake. Da qui prenderà vita un disco, “Pong Moon”, che darà origine a una moltitudine di eventi e collegamenti che perdurano ancora oggi (ad esempio il documentario “Songs in a conversation” diretto da Giorgio Testi, presentato nel settembre 2019 al Festival del Cinema di Roma e tuttora in programmazione su Sky Arte).

Come produttore fa muovere i primi passi nella discografia ad artisti come Margherita Vicario, Andrea Rivera e Luca Carocci. Firma come co-produttore il fortunato e pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” (2019), partecipando anche al lungo tour di presentazione del disco, come membro stabile della band. Come autore scrive il brano “Calore” che lancia, con la vittoria di “Amici” nel 2010 la carriera di Emma Marrone. Dal 2013 consacra la sua popolarità al fianco di Diego “Zoro” Bianchi, dapprima su Rai3 con la trasmissione “Gazebo” poi su La7 con “Propaganda Live”.

Attualmente è al lavoro per ultimare il suo quinto disco da cantautore, in uscita nel 2021 per l’etichetta “FioriRari” e anticipato dal brano “Incognita” e dai singoli “Condor” e “L’Era glaciale”, presentati in numerose trasmissioni. Da Social Club su Rai2 e Radio2 a The Square su Sky Arte, da Radio1 Music Club a Radio2 Prendila così fino a Propaganda Live su La7, passando per Magazzini Musicali su Rai2, Save The Date su Rai5, Luce Social Club su Sky Arte e moltissime altre.

Leggi anche: “Continua il successo del duo The Phantom Rockets: online “Monster””

Continue Reading

Musica

Benny Goodman: ricordando “The King of Swing”

Published

on

Per alcuni era solamente il figlio di due immigrati ebrei provenienti dalla Russia, per molti è stato colui che è riuscito ad aprire un varco nella mentalità americana degli anni ’30. Un musicista, un creativo, un rivoluzionario. Benjamin David “Benny” Goodman, come disse il suo amico Gene Krupa, è semplicemente il “Re dello Swing“.

A trentacinque anni dalla sua scomparsa, a soli 77 anni, lo vogliamo omaggiare e ricordare così, ripercorrendo la sua vita, dai primi anni al Chicago Music College, fino alla nascita della “Big Band” e ai momenti più importanti della sua carriera come clarinettista jazz.

MyZona

Benny Goodman non fu semplicemente un grande musicista. La sua caparbietà e volontà lo spinsero oltre, rendendo un mondo esclusivo come il jazz, non solo per la cultura nera, ma anche per i bianchi. Grandi qualità. Già, perché se è dai primi anni che si vede se un bambino sia dotato o meno, con Benny, i suoi genitori, non ebbero dubbio; soprattutto suo padre, l’uomo che lo spinse a creare il prima possibile la leggenda.

Fu grazie ad un concerto tenuto da alcuni musicisti jazz provenienti da New Orleans che il giovane Benjamin finì per innamorarsi definitivamente del genere di cui diverrà maestro; insieme a Ben Pollack e la sua band, una delle più importanti di Chicago, capitale del jazz, suona con gruppi internazionali, incide i suoi primi pezzi e conosce Bix Beiderbecke, leggendario cornettista.

Leggi anche: Patti Smith: il ritorno sul palco della sacerdotessa del rock

L’eleganza che caratterizzava ogni sua performance, lo stile unico e raffinato con cui suonava il proprio strumento, tutto ha reso Goodman il maestro di un nuovo genere musicale, figlio stesso del jazz: la musica tradizionale, quella degli schiavi, stava compiendo un salto in avanti che gli avrebbe spalancato porte su porte. E così il vecchio lasciava posto al nuovo e il classico dava il benvenuto a Benny e al suo Swing.

Per capire al meglio il potere di quest’uomo, dobbiamo intendere il termine in questione: la differenza fondamentale fra il classico jazz di Armstrong ed Ellington, con il nuovo swing, sta tutto nel ritmo. Benny lo aveva capito e per questo la musica era così diversa, così nuova, pronta a spingerti a ballare per tutto il tempo. Con la sua Big Band, il quartetto Wilson-Krupa-Hampton-Goodman, arriviamo all’apice del successo, registrato nella mente di tutti con la data 1938.

Siamo al Carnegie Hall di New York City dove si tenne il concerto più famoso della sua carriera, con un clamoroso tutto esaurito (2760 posti occupati) e una scaletta a dir poco memorabile. Don’t Be That WaySometimes I’m Happy e One O’Clock Jump, queste furono solo alcune delle canzoni che riempirono la mente e il cuore di tutta quella gente. Questa esibizione fu l’apice di un periodo storico nonché di un’intera carriera, almeno fino all’arrivo del bebop jazz con la guerra.

Leggi anche: AC/DC: fuori il videoclip di “Witch’s Spell” e una limited edition del brano

Lo swing aveva unito e conquistato. Fu grazie a Benny che il jazz non restò la musica esclusiva dei neri, per sempre. Avvicinò il mondo e la cultura bianca a quella tradizionale ormai obsoleta degli schiavi d’America. Un importante passo per la musica, che non è più privata ed esclusiva di chi la crea, ma diventa finalmente di tutti, mondiale.

Il Re del Jazz è riuscito molto facilmente in quell’impresa, posando le labbra e le dita sul suo bellissimo clarinetto e dando vita al jazz. Molti critici di musica sono oggi dell’avviso che Goodman ha avuto lo stesso valore, per il jazz e lo swing, di Elvis Presley per il Rock’n’Roll, entrando così nel famoso Olimpo della musica.

Personalmente? Ce lo vedo bene accostato alla leggenda del rock’n’roll! Grazie Benny, per averci dato modo, ancora oggi, di esser parte di un mondo che appariva di nicchia ed esclusiva e che adesso ha una portata mondiale ma soprattutto immortale nel tempo.

Photocredit by Wikipedia Commons

Continue Reading

In evidenza