Orwell e il valore delle sue analisi 71 anni dopo

Giornalista, scrittore e opinionista politico-culturale, George Orwell è considerato uno degli autori più influenti del XX Secolo. La sua grande fama è legata in parte a due romanzi, scritti verso la fine della sua vita negli anni Quaranta: l’allegoria politica di “La fattoria degli animali” e la distopia di “1984”. Fantapolitica e fantascienza capaci di analizzare e talvolta prevedere dei meccanismi i totalitari di controllo del pensiero. Quante volte, specie di questi tempi, ricorre oggi l’aggettivo “orwelliano?”

Orwell è pseudonimo di Eric Arthur Blair. Nacque nasce in India il 25 giugno 1903 con il nome di Eric Arthur Blair, a Motihari, nel Bengala. Morì a Londra, per tubercolosi, il 21 gennaio 1950, esattamente 71 anni fa. La famiglia è di origine scozzese, il padre, angloindiano, è funzionario dell’Indian Civil Service, l’amministrazione britannica in India.

MyZona

Nel 1907 si stabilì con la madre e due sorelle nel Sussex e, successivamente, vinse una borsa di studio per la Public School di Eton. Tra gli insegnanti anche Aldous Huxley, narratore che, con le sue Utopie alla rovescia, avrà grande influenza sul futuro scrittore.

“La realtà esiste nella mente umana e non altrove”

Tante le esperienze di vita, prima di arrivare alla maturità letteraria. Nel 1922 si arruolò nell’Indian Imperial Police, lavorando cinque anni in Birmania (da qui il primo romanzo “Giorni Birmani”). Seguirono anni tra Parigi e Londra, ma soprattutto la sua partecipazione attiva nella Guerra Civile Spagnola. Vi prese parte combattendo tre le file del Partito Obrero de Unificacción Marxísta. L’esperienza spagnola e la disillusione procuratagli dai dissensi interni della Sinistra, lo portarono a pubblicare un diario-reportage ricco di pagine drammatiche e polemiche, il celebre “Omaggio alla Catalogna”.

Lavorò anche per la BBC durante la Seconda Guerra Mondiale in una una serie di trasmissioni propagandistiche dirette all’India. Fu direttore del settimanale di Sinistra The Tribune e infine corrispondente di guerra dalla Francia, Germania e Austria, per conto dell’Observer.

La fattoria degli animaliL’AUDIOLIBRO INTEGRALE

“La fattoria degli animali” uscì il 17 agosto 1945, bloccata negli anni di guerra, vista la sua feroce satira nei confronti di Stalin e dell’Unione Sovietica che era alleata contro la Germania nazista dell’Inghilterra (in italiano venne pubblicata nel 1947), eppure questo apologo satirico e grottesco sul potere, portato avanti mettendo in scena degli animali come nelle favole di Esopo, non perde il proprio senso, visto che di prese del potere ambigue, di voltafaccia, di totalitarismi striscianti ne vediamo vivere ancora tanti attorno a noi.

Il romanzo ebbe una lunga gestazione se, come pare, la prima idea venne all’autore mentre era sul fronte dei repubblicani durante la Guerra di Spagna e la sua conclusione arrivò sei anni dopo, nel 1943. Dopo la pubblicazione, in anni di Guerra fredda, naturalmente un libro di questo genere venne fortemente strumentalizzato, esaltato da una parte e denigrato o passato sotto silenzio dall’altra, puntando in specie sul satirico pessimismo che lo pervade e che troverà la propria più piena espressione in nell’altra opera celebre di Orwell, “1984” (invertendo le ultime due cifre dell’anno in cui la scrisse, il 1948), che ha uno sguardo al futuro con l’ottica utopistica rovesciata, ovvero al negativo, descrivendo un mondo senza più libertà.

“La fattoria degli animali” è la Manor, dove questi sono normalmente e da sempre sfruttati dal padrone Mr. Jones, fino a quando il proletariato animale pensa sia giusto ribellarsi e prendere il potere. La sommossa viene preparata meticolosamente, e sono pagine di fine humour e analisi della psicologia di massa, sotto la guida, non a caso, di due maiali, il principale dei quali è chiamato Napoleone e l’altro Palla di Neve. Il nuovo regime ha successo e si basa su sette regole base scritte su un muro, che producono pace e giustizia nella distribuzione del lavoro e dei guadagni.

Ma l’ambizione e il gusto per il potere fanno sì che Napoleone (come a suo tempo Stalin), dopo aver allevato di nascosto quattro feroci mastini e istituito un corpo di polizia ai suoi soli ordini, si trasformi in feroce capo assoluto, dichiarando i maiali classe dirigente, dopo aver accusato di tradimento e esiliato Palla di Neve, che impersona un po’ Trotsky. Sul muro, cancellati i vecchi comandamenti, c’è chi diceva se ne dovesse scrivere ormai uno solo: “Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri”, sapendo che “nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario”. Finzioni, mistificazioni cambiano tutte le carte in tavola e un giorno si scopre persino che i maiali stanno concludendo un trattato di pace con l’antico sfruttatore umano, di cui prendono tutti i difetti.

“1984”L’AUDIOLIBRO INTEGRALE

Il romanzo distopico per eccellenza che racconta un ipotetico mondo futuro, ambientato nella Londra del 1984 controllato da un governo fortemente totalitario: nel romanzo la società è dominata dal Grande Fratello, un misterioso personaggio che nessuno ha mai incontrato di persona e che tiene costantemente sotto controllo la vita dei cittadini, mediante l’uso di speciali teleschermi “si poteva bensì abbassare ma non mai abbassare del tutto… nulla si possedeva di proprio se non pochi centimetri cubi dentro il cranio. Il Grande Fratello è infallibile ed onnipotente. Ogni successo, ogni risultato positivo, ogni vittoria, ogni conoscenza scientifica… si pensa provengano dalla sua guida e dalla sua ispirazione. Nessuno lo ha mai visto anche se egli è un volto sui manifesti, la voce dal teleschermo. Si può essere certi che non morirà mai, ed esiste un notevole margine d’incertezza per stabilire la sua data di nascita. Il Grande Fratello è la forma con la quale il Partito ha deliberato di presentarsi al mondo”.

In questo mondo in cui la libertà è stata del tutto abolita, il protagonista del romanzo, Winston Smith, decide di ribellarsi e inizia a scrivere un diario: già questo è un gesto molto pericoloso, che, se scoperto, può portare all’arresto, alla tortura e alla soppressione.

Pur appartenendo al Partito Esterno (organizzazione politica che collabora col Grande Fratello falsificando i documenti a favore del governo), Winston è deciso a fare di tutto per rovesciare la società e inizia a indagare sul passato nella speranza di poter analizzare più chiaramente il suo nemico. Durante le ricerche Winston incontra Julia, descritta come “una ragazza dall’aria risoluta, di circa ventisette anni, con una gran capigliatura nera, faccia lentigginosa e movimenti svelti e atletici” che, come Winston, lavora nel Partito Esterno.Tra Julia e Winston nasce subito una storia d’amore che resterà segreta e i due si incontreranno solo di nascosto. Entrambi entreranno nella “Fratellanza”, un’associazione segreta che vuole distruggere il Grande Fratello; saranno contattati da O’Brien, che Winston ritiene essere uno dei membri di questa confraternita, ma che invece si rivelerà uno dei massimi dirigenti del regime.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli