Connect with us

Attualità

Women for women, un premio alle donne che combattono tumori e violenza: la cerimonia

Published

on

I riflettori della Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma si sono accesi per la registrazione dell’evento TV: “Women for Women against Violence – Camomilla Award” giunto alla sua VI edizione. La Kermesse, per la regia di Antonio Centomani, è stata condotta da Arianna Ciampoli e Livio Beshir.

Il format, unico nel suo genere, ideato e fortemente voluto dalla presidente dell’Associazione Consorzio Umanitas, Donatella Gimigliano, è stato organizzato in partnership con la Giulio Merlo Spa, con la produzione esecutiva di Micromegas di Erminio Fragassa e AP Production, unisce i due temi della violenza di genere e del tumore al seno.

MyZona

Da notare: tutti tamponati prima di entrare al Parco della Musica, in un tendone ad ho allestito dalla Croce Rossa per l’occasione! Quindi, in sicurezza, si puossono riaprire gli spazi alla cultura, se si vuole, con un piccolo sforzo in più!

Consegnati all’Auditorium Parco della Musica i ‘Camomilla Award’

«Women for Women against Violence, parte dal racconto delle cicatrici nel corpo e nell’anima delle donne ferite – racconta la vulcanica Gimigliano – da un tumore o vittime di un uomo, e arriva ad un premio, il Camomilla Award, ispirato al fiore che cura le piante malate. Un evento tv al femminile per parlare di violenza attraverso racconti autentici. Esperienze che inevitabilmente segnano, ma che possono anche evocare coraggio e desiderio di vita, prima ancora che di lotta».

Sul palco il racconto di storie vere e testimonianze personali, per riflettere sull’importante percorso di “rinascita” che tante donne affrontano ogni giorno. Storie drammatiche ma anche storie di speranza come quelle raccontate da Maria Antonietta Rositani “Bruciata dal mio ex e tradita dallo Stato” la cui vicenda è stata narrata dalla bravissima Irene Ferri. La Rositani è stata premiata da Carmen Pisano owner di Acaia Medical che l’ha omaggiata di un voucher per la cura delle cicatrici. 

Nicoletta Cosentino “Da vittima di violenza a Cuoca Combattente”, l’impatto con la violenza psicologica e la forza di ricostruire la propria vita grazie alla passione per la cucina. Il suo racconto è affidato all’attrice Loredana Cannata. Cinzia Filipponi “dal tunnel del tumore alla mia rinascita” ha portato la sua personale testimonianza, non tanto della malattia, quanto della gioia di vivere ritrovata. La sua testimonianza è stata affidata alla brava Chiara Francini. Maurizia Quattrone, Vice Questore aggiunto Polizia di Stato, ha testimoniato il delicato caso cronaca di Sara Di Pietrantonio, la ventiduenne romana uccisa dal suo ex fidanzato, e ha spiegato l’impatto con la violenza per un tutore delle Forze dell’Ordine. In ultimo Alessandro, che da un altro punto di vista ha raccontato: “Come ho sconfitto quel tarlo e ritrovato l’amore”, interprete del suo vissuto l’attore Simone Sabani. 

Consegnati all’Auditorium Parco della Musica i ‘Camomilla Award’

Moltissime le personalità che presenti alla registrazione televisiva della kermesse, non sono in qualità di premiati. Hanno ricevuto il “Camomilla Award”, che s’ispira alle virtù terapeutiche del fiore della pianta che è il simbolo della solidarietà: Eleonora Daniele per la trasmissione Storie Vere (Rai Uno), Massimo Maurotto, Commissario e coordinatore delle Fiamme Oro Rugby della Polizia di Stato, Gianluigi Nuzzi per la trasmissione Quarto Grado (Retequattro), Giorgio Pasotti. Premio dedicato del Settimanale Oggi a Malika Ayane (nella foto con la Gimigliano) e uno speciale alla Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati che lo ha ricevuto a Palazzo Madama dal Maestro Orafo Michele Affidato e dalla padron della manifestazione, Donatella Gimigliano.

Durante l’evento, il direttore di Salvamamme, Katia Pacelli, unitamente al Presidente di Softlab, Leonardo Iacovelli, hanno anche presentato il pilota dell’app della Valigia di Salvataggio, progetto che recentemente ha visto la sottoscrizione di un protocollo operativo tra l’associazione, rappresentata dalla Presidente, Grazia Passeri, e l’Arma dei Carabinieri della Legione Lazio, rappresentata dal Generale Marco Minicucci, entrambi presenti all’evento. A consegnare l’ambito riconoscimento tante personalità e giornalisti del calibro del magistrato Simonetta Matone, Elisabetta Mancini, capo ufficio staff del vice direttore Generale della Polizia di Stato, Francesco Schittulli, Presidente della LILT (Lega Italiana Lotta contro i Tumori), Angelo Polimeno Bottai, vicedirettore Tg1, Paolo Petrecca, vicedirettore Rai News, Maria De Souza, Direttore All Women Magazine, Adriana Pannitteri, Maria Rita Grieco. 

Special guest: Roby Facchinetti, Giovanni Caccamo, Andrea Casta, Gianluca Guidi. Lo spettacolo ha visto anche la partecipazione di Francesca Ceci, Antonella Salvucci, Carlotta Lo Greco, Elena Russo, Claudia Tosoni. Il parterre, inoltre, è stato arricchito dalla presenza del Generale della GDF Fabio Migliorati, Maria Rosaria Omaggio, Cristina e Maria Teresa Buccino, Elena Aceto di Capriglia, Irene Bozzi, il manager Andrea Petrangeli.

Consegnati all’Auditorium Parco della Musica i ‘Camomilla Award’

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Continue Reading

Attualità

Inclusione: in 8 borghi abruzzesi, incontri interculturali con 500 partecipanti

Published

on

Inclusione

Dopo diciannove appuntamenti e ben 35 incontri in otto comuni dell’Aquilano e tredici incontri nelle scuole, che hanno coinvolto centinaia di persone, italiane e straniere, e si è conclusa a Fontecchio la prima corposa fase del progetto “Incontri, culture e tradizioni senza confini”, promosso dall’associazione di promozione sociale Arci L’Aquila.

Da maggio attraverso incontri virtuali, per poi passare a Calascio, Raiano, Castelvecchio Subequo, Barisciano, Rocca di Mezzo, Scoppito e Pizzoli, fino a Fontecchio, una serie di laboratori e officine culturali hanno fatto avvicinare persone di culture e provenienze diverse, spesso non accomunate neppure dalla stessa lingua ma componenti delle stesse comunità.

MyZona

Realizzato in partenariato con le associazioni di volontariato Auser L’Aquila, Bibliobus L’Aquila e La Ginestra Subequana Onlus, in collaborazione con le Cooperative di comunità di Calascio e Fontecchio e Yaw (Young artist workers), con ben 58 appuntamenti in programma rivolti alle scuole e alle comunità locali, il progetto “Incontri” ha coinvolto centinaia di persone in tutto il comprensorio e va avanti fino a ottobre.

Il progetto si fonda sul coinvolgimento di gruppi eterogenei di persone, che avranno un reciproco vantaggio nelle azioni di dialogo e conoscenza attraverso la valorizzazione del territorio e della tradizione. L’arte e l’artigianato sono protagonisti come strumenti di inclusione sociale, veicolo di dialogo interculturale e di conoscenza del patrimonio culturale, materiale e immateriale.

“Il progetto ‘Incontri, culture e tradizioni senza confini’, ha rappresentato un percorso molto bello e ricco ed allo stesso tempo impegnativo e faticoso”, afferma Andrea Salomone, referente del progetto per Arci L’Aquila. “Tante iniziative concentrate in pochi mesi, pur di recuperare il tempo perso con l’emergenza epidemiologica. La determinazione e la ferma volontà delle quattro associazioni partner di portare a termine il progetto, ha fatto sì che, con l’impegno di tutte le figure coinvolte, si portassero a termine le azioni e gli obiettivi di progetto”.

“A partire da maggio, sono stati svolti gli incontri rivolti alla cittadinanza ed alle scuole per parlare di cultura, di ambiente e di diversità, momenti che hanno raggiunto circa 150 persone e 150 studenti delle scuole di Raiano, Scoppito, Rocca di Mezzo e Fontecchio. Il percorso poi è proseguito attraverso i laboratori artistico culturali, al fine di facilitare la trasmissione dei saperi attraverso forme di socialità, gioco, osservazione e creatività, e con le officine agresti-artigianali, con momenti di scambio di pratiche e di esperienze”.

“Sia i laboratori che le officine si sono svolte nei piccoli paesi dell’hinterland aquilano (Calascio, Barisciano, Castelvecchio Subequo, Raiano e Fontecchio) oltreché presso l’Istituto comprensivo Don Milani di Pizzoli”, continua Salomone. “Sono stati, sempre, incontri preziosi e sempre emozionanti, per tutti i partecipanti. Il tutto reso possibile da 10 esperti che hanno guidato lo svolgimento di ben 35 incontri in presenza, da metà giugno al primo agosto. In tutto il progetto ha raggiunto oltre 500 persone con il coinvolgimento dei beneficiari dei progetti di accoglienza e integrazione gestiti da Arci L’Aquila che si sono messi in gioco partecipando attivamente in ogni attività progettuale”.

“Tutto questo grazie ai comuni di Fontecchio, Raiano e Barisciano, che hanno supportato il progetto e le collaborazioni con le cooperative di comunità di Fontecchio e Calascio oltre alla associazione Frequenze di Barisciano”.

“Azione conclusiva del progetto”, spiega Salomone, “sarà la restituzione del percorso svolto, ai comuni coinvolti e alle scuole partecipanti, con alcuni momenti di confronto che si svolgeranno a settembre, per riflettere sull’importanza di creare reti e momenti di inclusione nei piccoli borghi dell’aquilano, riscoprendo quelle differenze e quei mestieri che possono costituire, per le nostre zone, valori aggiunti, positivi ad arricchenti”.

Il progetto “Incontri” è finanziato dalla Regione Abruzzo nell’ambito dell’avviso pubblico rivolto a iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale per la realizzazione di attività di interesse generale di cui all’art. 5 del codice del terzo settore.

Continue Reading

Attualità

Tokyo 2020: su il sipario con “Moving Forward”, l’arte di guardare attraverso le ferite

Published

on

Tokyo

Moving forward, non poteva esserci altro titolo alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici Tokyo 2020. Una cerimonia in una città che non ha avuto paura di mostrare le ferite di un tempo difficile come quello che stiamo vivendo, con condizioni che avevano messo in forse, per il secondo anno di fila, anche la possibilità di effettuare i giochi stessi. Ferite da far rimarginare, crepe, frammenti da rimettere insieme. Non sono i giapponesi a insegnarci l’arte del kintsugi?

Un minuto di silenzio con tutti i presenti (pochi per la verità) in piedi, comprese l’imperatore Naruhito e il presidente del Cio, Thomas Bach, è stato osservato allo stadio Olimpico in conclusione della parte iniziale della cerimonia di apertura, quando è stata ricordata la pandemia – con personaggi vestiti di bianco, medici, infermieri, pazienti – e i suoi momenti più drammatici.

MyZona

Una sequenza di immagini di cui le mascherine hanno fatto tristemente parte integrante e non solo come dispositivi di protezione. Sempre nelle battute iniziali, è stata la volta dei tapis roulant, delle cyclette e delle spin-bike in dotazione di alcuni figuranti comparsi nel buio. Strumenti di allenamento individuale, a sottolineare i tanti mesi di isolamento, con delle luci a segnare delle connessioni: come a scandire attraverso immagini un altro slogan di questo tempo: “Distanti ma uniti”.

Lo speaker ha dunque invitato tutti ad alzarsi per onorare la memoria delle vittime. In precedenza, erano state mostrate alcune immagini del lockdown in tutto il mondo, tra le quali quelle di una piazza Duomo di Milano completamente vuota.

Leggi anche: Le prime Olimpiadi della storia

Come da tradizione, la delegazione della Grecia è stata la prima a sfilare nella cerimonia di apertura di Tokyo 2020, con i portabandiera e gli altri con la mascherina. Subito dopo gli atleti del Team dei Rifugiati. L’Italia Team è poi entrata dopo nello stadio Olimpico di Tokyo  sfilando nella cerimonia di apertura dei Giochi della 32/a Olimpiade moderna. In testa i portabandiera Jessica Rossi ed Elia Viviani. Gli azzurri hanno vestito la tuta bianca con un sol levante tricolore davanti, e quasi tutti hanno sventolato una piccola bandiera biancorossoverde. Le divise, firmate Armani, non sono state esenti da ironia sui social: “Sembrano dei Teletubbies bianchi” ha scritto qualcuno: “Rebus olimpico: perché c’è una pizza tricolore sulla pancia?”. In realtà, almeno nelle intenzioni dello stilista, i toni della divisa avrebbero dovuto richiamare alla purezza dello sport. E bisogna contare che le giacche sono tutte realizzate facendo ricorso a materiali ecosostenibili (poliestere tricot shiny riciclato) e personalizzate pure con la stampa delle prime parole dell’inno nazionale.

Leggi anche: La storia dei Giochi moderni

I primi Giochi in ‘bolla’ ostentano comunque numeri in grande stile: oltre 200 paesi, 306 gare in programma per 42 discipline, con alcune new entry: surf, arrampicata, karate e skate, novità volute dal Cio per fidelizzare il pubblico più giovane. Emozione poi al passaggio di Paola Egonu scelta tra le persone che hanno accompagnato la bandiera olimpica: “Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato”, ha commentato alla vigilia.

Continue Reading

Attualità

Green Pass per cinema e teatri dal 5 agosto e ancora stop alle discoteche: il nuovo decreto

Published

on

Il consiglio dei Ministri ha dato il via libera al nuovo decreto legge Covid. Un documento che, come anticipato, contiene una serie di misure che riguardano i settori dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Arriva l’obbligo di Green Pass per cinema e teatri, ma aumenta il numero di spettatori ammessi ad assistervi, sia al chiuso che all’aperto. In zona gialla si entrerà a cinema e teatro con Green Pass, mascherina e distanziamento, ma gli spettatori potranno salire all’aperto dagli attuali 1000 fino a un massimo di 2500 e al chiuso da 500 a 1000. Mentre in zona bianca, dove ora sono fissati limiti di capienza, viene fissato un tetto all’aperto di 5mila persone e al chiuso di 2500 persone. Le discoteche resteranno chiuse così come è precluso qualsiasi spettacolo in cui non si può garantire adeguato distanziamento del pubblico, con posti definiti.

MyZona

Dunque, gli spettacoli aperti al pubblico, anche all’aperto, saranno accessibili solo con posti a sedere pre-assegnati e a condizione che sia assicurato il distanziamento (oltre che muniti di Green Pass). Una situazione ben diversa rispetto alla Francia, dove molte più attività all’aperto sono consentite col pass sanitario anche senza distanziamento.

Leggi anche: Clapton potrebbe rinunciare agli show con Green Pass

Questi gli altri parametri introdotti: lo stato d’emergenza per il Covid dovrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Il Green Pass dal 5 agosto servirà anche per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti. Il certificato verde – spiegano fonti governative – non sarà invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso.

Leggi anche: Green Pass, la situazione in Francia

Terapie intensive al 20% e al 30% per le aree mediche per diventare arancioni e rispettivamente al 30 e al 40% per entrare in zona rossa. Mentre per entrare in zona gialla sarà sufficiente il 10% di occupazione delle terapie intensive e il 15% di ricoveri. Proteste nella notte a Torino.

Continue Reading

In evidenza