Connect with us

Musica

Subsonica: aggiunta una data a Roma ma crescono i sold out in giro per l’Italia

Redazione

Published

on

Grande successo di pubblico per il “MICROCHIP TEMPORALE – Club Tour” dei Subsonica che, oltre ai sold out già annunciati, registra il tutto esaurito anche al Live Club di TREZZO SULL’ADDA il 7 marzo 2020; a TORINO, per la seconda data prevista il 15 marzo al Teatro della Concordia di Venaria Reale; al Vox Club di NONANTOLA (MO) il 27 marzo e all’Alcatraz di MILANO, l’8 aprile.

Inoltre, si aggiunge un nuovo appuntamento a Roma, città in cui si raddoppia con un secondo concerto previsto per il 24 marzo all’Atlantico.

La tournée, prodotta da Vertigo, toccherà quattordici città e partirà il 5 marzo 2020 da Padova (sold out), per poi fare tappa a Nonantola (due date sold out, il 6 e 27 marzo), Trezzo Sull’Adda (sold out, 7 marzo), Perugia (11 marzo), Firenze (12 marzo), arrivando a Torino con tre concerti il 14 e 15 (sold out) e 31 marzo al Teatro della Concordia di Venaria Reale, per poi proseguire a Napoli (19 marzo), Teramo (20 marzo), Bari (21 marzo), Roma (24 e 25 marzo), Pordenone (28 marzo), Senigallia (3 aprile), Marghera (4 aprile) e concludere con due live all’Alcatraz di Milano, l’8 (sold out) e il 9 aprile.

Il 19 gennaio Samuel, Max Casacci, Boosta, Ninja e Vicio saranno anche protagonisti sul palco delle Sardine a Bologna per il nuovo evento nazionale del movimento.

Il 22 Novembre 2019 è uscito “Microchip Temporale” (Sony Music), il nuovo album della band che, a vent’anni dalla pubblicazione del disco che ha segnato in modo indelebile la scena musicale italiana, riavvolge il filo della storia. “Microchip Temporale” è una rielaborazione di “Microchip Emozionale” realizzato in complicità con 14 artisti che hanno oggi, per la maggior parte, l’età dei Subsonica di allora: ACHILLE LAURO, COEZ, COMA_COSE & MAMAKASS, COSMO, ELISA, ENSI, FAST ANIMALS AND SLOW KIDS, GEMITAIZ, MOTTA, M¥SS KETA, NITRO, LO STATO SOCIALE e WILLIE PEYOTE.

Dal 20 dicembre 2019 è disponibile in radio “TUTTI I MIEI SBAGLI”, il singolo nella nuova versione realizzata con Motta, estratto da “Microchip Temporale”. Il brano rappresenta una testimonianza della veste più acusticamente rock di “Tutti i miei sbagli”. Il timbro penetrante, ambiguo e profondo di Motta, insieme alla sua estensione che, in questa versione, trova tutto lo spazio per esprimersi al meglio, rendono questa rielaborazione uno dei momenti più intensi del disco.

Calendario “MICROCHIP TEMPORALE – Club Tour”:

  5 marzo 2020 @ Padova | Hall – SOLD OUT

  6 marzo 2020 @ Nonantola (MO) | Vox – SOLD OUT

  7 marzo 2020 @ Trezzo Sull’Adda (MI) | Live Club – SOLD OUT

11 marzo 2020 @ Perugia | Afterlife

12 marzo 2020 @ Firenze | Tuscany Hall            

14 marzo 2020 @ Venaria Reale (TO) | Teatro della Concordia – SOLD OUT

15 marzo 2020 @ Venaria Reale (TO) | Teatro della Concordia – SOLD OUT

19 marzo 2020 @ Napoli | Common Ground

20 marzo 2020 @ Mosciano Stazione (TE) | Pin Up

21 marzo 2020 @ Modugno (BA) | Demodè Club

24 marzo 2020 @ Roma | Atlantico – NUOVA DATA

25 marzo 2020 @ Roma | Atlantico

27 marzo 2020 @ Nonantola (MO) | Vox– SOLD OUT

28 marzo 2020 @ Pordenone | Fiera, Padiglione 5

31 marzo 2020 @ Venaria Reale (TO) | Teatro della Concordia

  3 aprile  2020 @ Senigallia (AN) | Mamamia

  4 aprile  2020 @ Marghera (VE) | Rivolta

  8 aprile  2020 @ Milano | Alcatraz – SOLD OUT

  9 aprile  2020 @ Milano | Alcatraz

Musica

Sanremo, la Rai cerca con urgenza coppie di figuranti per riempire la platea dell’Ariston

Redazione

Published

on

In vista di Sanremo, la Rai è alla ricerca, con urgenza, di coppie di figuranti conviventi, disponibili per le cinque serate in diretta dal Teatro Ariston del 71esimo festival: una notizia che conferma l’intenzione nei giorni scorsi di procedere con il Festival dal 2 al 6 marzo, con pubblico ridotto e composto, appunto, da figuranti.

Leggi anche: Sanremo, l’eccezione che ignora la regola

Nell’avviso circolato si segnala che l’impegno è previsto dal 2 al 6 marzo 2021: “È fondamentale avere il requisito di convivente – viene precisato – che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate, distanziate dalle altre almeno di un metro. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione”.

Continue Reading

Musica

Di Cioccio-Campanelli: atmosfere in stile Kraftwerk per il nuovo “Zaumberspiegel”

Redazione

Published

on

“Zauberspiegel” è il primo singolo firmato dal duo Di Cioccio/Campanelli. La musica digitale che incontro gli strumenti elettronici analogici, così potremmo definire i lavori firmati dai due musicisti. Gli artisti, prendendo a piene mani dalla lezione dei Kraftwerk, ripropongono una musica fatta di elettronica 80’stechno e industrial.

“Zauberspiegel” è il primo singolo di questa loro nuova avventura musicale insieme, dopo la militanza di entrambi all’interno dei Le Borg: «“Zauberspiegel” è romantica e rievocativa di un’era analogica che appariva foriera di conquiste. Per il titolo abbiamo quindi pensato al nome di un antico televisore, quelli in bianco e nero, enormi, da salotto. Nella parte centrale del brano abbiamo scelto suoni che richiamassero impulsi ed ingranaggi, sovrapponendoli ad un tappeto di basso molto marcato, per sintetizzare l’evolversi dinamico del progresso».

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

In uscita per Aventino Music, il brano è stato interamente registrato dai due presso lo studio di Paolo Di Cioccio: «“Zauberspiegel”, come tutto l’album da cui è tratta, è stata registrata presso la nostra “caverna del suono”, ovvero lo studio privato di Paolo Di Cioccio, con componentistica e strumenti digitali. Unici strumenti analogici, i sintetizzatori Doepfer, utilizzati per creare effetti e rumoristica in generale. Il nostro lavoro iniziale è stato poi raffinato ed impreziosito presso gli studi della Aventino Music, con una non comune ed immediata sintonia».

Leggi anche: “Brigata Bianca”: Samuel rilascia il suo secondo album da solista

“Zauberspiegel” è il primo estratto da “The Last Odyssey”, album dedicato alla memoria di Florian Schneider dei Kraftwerk, in uscita il 3 febbraio: «“The Last Odyssey” è dedicato alla memoria di Florian Schneider e dei suoi Kraftwerk. Abbiamo provato a ricreare quegli stati d’animo dell’elettronica strumentale anni ‘80, cercando una visione moderna del lascito artistico del compianto compositore. Abbiamo così trovato sonorità che fossero contemporaneamente rievocative di quegli anni e, nello stesso, tempo richiamassero qualche eco della prima techno. Di fondo, il nostro lavoro vuole essere ispirato alla gradevolezza dell’ascolto, nel richiamo della tecnologia analogica. Proprio in questa prospettiva ci siamo ispirati ai vecchi 45 giri per la durata dei brani, tutti attorno ai tre minuti».

Leggi anche: Energia e groove, “Beyond Thuderdome” è il nuovo singolo dei Death of a Legend

Continue Reading

Musica

Energia e groove, “Beyond Thuderdome” è il nuovo singolo dei Death of a Legend

Redazione

Published

on

Dopo il successo del primo singolo Faceman, che ha superato i 27k streams in poco più di un mese dalla sua uscita, i Death of a Legend sono pronti a farvi ascoltare Beyond Thunderdome. Il brano è un concentrato di energia e ironia, marchio distintivo della band.

Trippy, il cantante, dichiara: “nessuna città morta che tace in una terra desolata radioattiva e nessuna muscle-car corazzata piena di punte e motoseghe. Ci hanno detto che la cosa più preziosa rimasta era il carburante e si sbagliavano. Poi ci hanno detto che la cosa più preziosa rimasta era l’acqua e di nuovo si sono sbagliati. Tutto sbagliato. È carta igienica… ed è finita”.

Leggi anche: Gli Aborym svelano Hostile: “Per la prima volta abbiamo scritto il disco da band”

Beyond Thunderdome è la prima canzone su cui abbiamo lavorato insieme all’inizio del 2020. La formazione non era completa e stavamo ancora cercando di trovare il nostro modo di fare le cose, quindi la prima versione sembrava più una traccia thrash metal. All’inizio, è stato difficile dare a tutto un senso, ma dopo… fanculo, ci siamo lasciati andare, non l’abbiamo più fatto e tutto è fluito naturalmente. Enjoy”.

Death of a Legend, band rock’n’roll formata da membri della scena hardcore punk milanese, schierano: Trippy alla voce, Mark alle chitarre, Zane al basso e Don Malasorte alla batteria. Lo stile della band mescola le iconici beat del rocker blues Danko Jones, sfaccettature grezze di band come Maylene and the sons of Disaster e The Bronx ed un groove tipico dei primi Volbeat.

Leggi anche: Malu Signu: la ballata di Federico Stabile che fonde il Funk alla lingua siciliana

Continue Reading

In evidenza