Sbarca in Italia il Prog Exhibition, con una serata dedicata a Francesco Di Giacomo

Prog, Prog-rock, Progressive. Comunque lo si voglia chiamare, questo genere musicale, alla volta del mezzo secolo d’età, è, a differenza delle previsioni, vitalissimo

Anzi, in Gran Bretagna, tanto per dar la dimensione del fenomeno, la rivista di genere dedicata, Prog, nata come costola della sorella maggiore Classic Rock, appena messa sul mercato manco dieci anni fa poteva contare su una tiratura di 22 mila copie, un’enormità indice di benessere se messa al confronto con la crisi del settore. E i numeri parlano ancora oggi di invidiabile stabilità sul mercato.

L’Italia, grazie alle sue solidissime radici di musica cosiddetta “colta” (con espressione assai infelice), mutuando stilemi dai cugini inglesi, è stata (ed è) una delle patrie più vitali del progressive. Basti pensare al grado di accoglienza che ha avuto l’album postumo, bellissimo, di Francesco Di Giacomo del Banco, la Parte Mancante, che è scomparso dalle edicole dopo un giorno dalla vendita lo scorso febbraio.

MyZona

Già, perché poi, intorno al progressive si muove un indotto di collezionisti di vinili, feticisti, adepti di varia natura che tengono in vita il verbo ortodosso di quello spirito rivoluzionario.

Di certo ha segnato un cambio di passo epocale nella produzione e nella fruizione della musica, con quella ardita, folle mescolanza di generi che però certamente ha contribuito: a raffinare l’orecchio del pubblico; educare alla tecnica strumentale con fini non solo circensi, ma funzionalmente alle strutture

A diffondere, inoltre, la percezione di ritmi composti, dispari, misti sin lì inauditi, almeno su larga scala; spingere le generazioni più giovani ad affrontare lo studio della musica con un piglio assai più professionale di quello che oggi viene lasciato in eredità.

Amare il progressive era, quindi, una specie di carta di identità, un pass di riconoscimento tra accoliti via via più numerosi e, come capita, con una puntina di diffidenza snob nei confronti di tutto ciò che non era identificabile come prog

Ora, siccome questa musica può contare su una discografia ed una bibliografia raramente tanto nutrite, c’è da segnalare per i tanti appassionati un Festival di incredibile qualità che, dal 1 al 5 marzo, sbarcherà tra Roma, Firenze, Bologna e Milano: Prog Exhibition.

Partiranno domenica 1 marzo 2020, all’Auditorium Parco della Musica, le Orme con David Cross e David Jackson; con loro anche Barock Project e Aerostation. Il giorno successivo, stesso luogo, sarà la volta di poter ascoltare un omaggio a Francesco Di Giacomo di Paolo Sentinelli (con il frontman del Banco ha scritto i brani de La Parte Mancante), che sarà in buona compagnia di Caravan e Oak.

Il Festival, con questi protagonisti, proseguirà il 3 marzo alla Tuscany Hall a Firenze, il 4 marzo all’Eco Teatro di Milano, per atterrare il 5 marzo a Bologna presso il Teatro Celebrazioni. Da pochi giorni è iniziata la prevendita dei biglietti e, senza grande fatica, sono previste catene di sold out.

Una prospettiva niente male per appassionati e anche semplici curiosi che si avvicinano all’immaginifica musica che ha fatto un pezzo importante di storia del Rock. “Non è solo una corrente musicale”, spiegano gli organizzatori, “ma un punto d’incontro di molteplici stimoli. Il linguaggio portante che ha accompagnato la generazione post beat attraverso gli anni ’70 fino ad oggi, con un crescendo di estimatori nel mondo”.

Da leggere anche

Paolo Romano
Giornalista (Roma, 1974) Si fidanza con la musica in tenerissima età e ancora non ha cambiato idea. Ha studiato legge, ha studiato chitarra jazz, poi ha pensato che di musica era più bravo a scriverne (l’ha fatto su Huffington Post, lo fa su l’Espresso). Detesta le mode, i radical chic e chiunque non si impegna a capire, ascoltando prima di parlare. Dodici chitarre, un figlio, un gatto, piante di cui ignora il nome, libri da sistemare gli impegnano il resto della giornata. Passionaccia per idee nuove, derive indipendenti, progetti culturali fuori dal coro. Ha anche scritto un romanzo, La Formica Sghemba (2019, ed. Scatole Parlanti), minaccia di scriverne altri.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli