Roma a Teatro: gli spettacoli dall’11 al 16 gennaio

Nonostante le apprensioni del periodo, il teatro non si ferma e nella prima settimana dopo le feste offre agli appassionati romani una possibilità di scelta davvero di prima qualità, tra classici moderni rivisitati con acume e commedie intelligenti che, tra causticità e sorrisi, aiutano a riflettere.

Autentica chicca per tutti coloro che dal 12 al 23 andranno all’Argentina, dove sarà in scena (per la prima volta in Italia) “Piazza degli eroi” di Thomas Bernhard, un testo estremamente politico dello scrittore austriaco che suona come una condanna senza appello per tutte le connivenze con le autorità dittatoriali e autoritarie di ogni tempo. Dirige Roberto Andò, con Renato Carpentieri, Imma Villa e Betti Pedrazzi.

Leggi anche: “Il governo intervenga sul caro bollette di teatri e cinema”, l’appello di Forte (Stage Entertainment)

Il genio senza tempo di Gogol e la sua capacità di dar vita ad una satira corrosiva e dissacrante nei confronti del potere, dall’11 al 16 gennaio al Teatro Quirino incontrano l’inesauribile vena comica di Enrico Guarneri per una versione de “L’ispettore generale” che promette scintille.

Dall’11 al 23 al Vascello imperdibile appuntamento con la Carrozzeria Orfeo e il suo ultimo lavoro “Miracoli Metropolitani”, che riporterà in scena tutta la carica attoriale di Beatrice Schiros e dei suoi compagni in una feroce rappresentazione di un mondo contemporaneo attanagliato dalla spersonalizzazione indotta dai social network e dall’ossessione per il cibo.

Una commedia sentimentale ma piena di verve e brillantezza è “Alla stessa ora, il prossimo anno”, sempre dall’11 al 23 all’Ambra Jovinelli, nella quale due innamorati, portati in scena da Alberto Giusta e Alessia Giuliani, vivono la loro particolare storia d’amore incontrandosi un solo giorno l’anno per 24 anni. Regia di Antonio Zavatteri.

Ancora le stesse date per “Darwin inconsolabile. Un pezzo per anime in pena” al Teatro India, scritto e diretto da Lucia Calamaro, in cui le vicende di alcuni personaggi apparentemente molto strambi vanno a comporre un composito mosaico umano, caratterizzato da stili di vita frenetici e nevrosi descritti con illuminante ironia.

La reunion di un trio comico dopo una lunga separazione fornisce l’occasione di raccontare una bella parabola di amicizia e risate in “Non ci resta che ridere”, scritto e diretto da Antonio Grosso, dal 14 al 16 alla Sala Umberto.

Dal 13 e sempre fino al 16, a Lo Spazio, prima volta in Italia per “The Toxic Avenger”, tratto dal film cult di Lloyd Kaufman del 1984, un trascinante musical rock che invita il pubblico a riflettere sull’urgenza di alcune tematiche ambientali. La versione italiana è diretta da Nicholas Musicco.

Un simpatico omaggio all’ “arte del pettegolezzo” è quello che curato da Pino Strabioli in “La posta del cuore”, all’OFF/OFF Theatre dall’11 al 13, in cui si prendono di mira certe dinamiche amorose appartenenti ai mondi più patinati e, nello stesso tempo, si rende omaggio alla grande Franca Valeri. Con Santino Fiorillo.

Leggi anche: Parole & Suoni, quando Modugno mise in musica Pasolini e Quasimodo

C’è tempo fino al 16 al Le Maschere per “Il folletto ciabattino, scritto e diretto da Gigi Palla, una pièce ispirata a tante celeberrime favole che hanno come protagoniste le scarpe e le loro proprietà magiche.

Uno spettacolo in bilico tra speranza e fede, attualità e riflessione, è quello che arriva sul palcoscenico del Cometa Off dall’11 al 23, “Il Miracolo”, con Anna Cianca e Galliano Mariani.

Ultima segnalazione per “In salvo!”, dal 14 al 16 all’Altrove Teatro Studio, la storia cruda e dura di due fratelli (interpretati da Anika Schluderbacher e Marco Marconi) che vivono la loro strana storia fatta di equivoci e disagi in una sorta di isolamento dal resto del mondo.

Articolo precedenteJunk food e alienazione nel nuovo spettacolo della Carrozzeria Orfeo: parla Gabriele Di Luca
Articolo successivoVentitré anni senza Fabrizio De André: le nostre 10 canzoni preferite