Connect with us

Cinema

Perfetti Sconosciuti arriva negli USA: remake a stelle e strisce per il film di Paolo Genovese

Avatar

Published

on

Eagle Pictures e Spyglass produrranno il remake americano del film di Paolo Genovese

A tre anni dall’uscita nelle sale italiane, è stato annunciato il remake americano del film campione di incassi di Paolo Genovese. Spyglass Media Group con il socio e CEO Gary Barber,  i soci Lantern Entertainment, Eagle Pictures3Marys EntertainmentCineworld Warner Bros, produrrà l’adattamento di uno dei film italiani di maggior successo degli ultimi anni.

In arrivo, dunque, il 20esimo remake. Record che gli aveva già permesso l’ingresso di diritto nel Guinness dei Primati. Le riprese di “Perfect Strangers“, questo il titolo provvisorio, inizieranno già a inizio anno, con la presenza della star di Awkward Black Girl e di Insecure, Issa Rae, che oltre a recitare nella pellicola, ne sarà anche sceneggiatrice e produttrice.

Ancora top secret il resto del cast, che verrà rivelato nelle prossime settimane

“Issa è la scelta perfetta per adattare il brillante film di Paolo Genovese, data la sua autenticità e il suo essere tra i talenti creativi più ricercati. Con il remake di Perfetti Sconosciuti, Eagle conferma il suo ruolo di socio strategico straniero e la sua missione all’interno di Spyglass, ovvero di essere una porta per i prodotti e i talenti italiani verso gli Stati Uniti”, ha dichiarato Tarak Ben Ammar, presidente di Eagle Pictures.

Questa commedia sull’amicizia, l’amore e il tradimento, è stata particolarmente apprezzata: in Italia ha vinto 2 David di Donatello, 3 Nastri d’argento, 1 Globo d’oro e 4 Ciak d’oro. Negli Stati Unitiè stata premiata al Tribeca Film Festival per la migliore sceneggiatura.

Ama il cinema più di se stesso. Studente, laureato in ingegneria industriale, ottimista, fermamente convinto di vivere nel periodo d'oro della cultura pop. Sopporta la nostalgia solo quando è il motore di sentimenti positivi, non quando è il nocciolo di discorsi che magnificano il passato a scapito di un presente mistificato. Ha fatto sua una frase del film Thank you for smoking: "Questo è il bello della discussione: se argomenti in modo giusto, non hai mai torto."

Cinema

Coronavirus: è morto Andrew Jack, il maggiore Ematt di Star Wars

Avatar

Published

on

By

Era noto per aver interpretato il maggiore Caluan Ematt nella saga di Star Wars, negli episodi “Il risveglio della forza” del 2015 e “Gli ultimi Jedi” del 2017. Andrew Jack è morto ieri, in Inghilterra, stroncato dal Covid-19, diagnosticatogli tre giorni prima del decesso, quando ormai era troppo tardi. Le complicazioni respiratorie e la conseguente infezione polmonare sono risultate fatali.

Lo ha reso noto il suo manager, Jill McCullough, che ha sottolineato come, a causa del virus, non ha potuto salutare l’ultima volta l’amata moglie, Gabrielle Rogers, anche lei attrice. Scene che purtroppo conosciamo bene anche qui in Italia.

Come riportato anche dal Corriere della Sera, la stessa Rogers ha voluto scrivere un saluto d’addio sui proprio account social media. “Ad Andrew Jack è stato diagnosticato il coronavirus due giorni fa. Non provava dolore e se ne è andato via pacificamente sapendo che la sua famiglia era tutta con lui“.

Continue Reading

Cinema

Coronavirus: Tom Hanks e la moglie hanno sconfitto il virus

redazione

Published

on

Tom Hanks e la moglie, Rita Wilson, avrebbero sconfitto il Coronavirus. Dopo i quindici giorni di quarantena obbligatoria, necessaria per aver rivelato di aver contratto il virus mentre era in Australia per girare il suo ultimo film, ieri è tornato a casa, a Los Angeles. A darne notizia è Just Jared, sito di gossip a stelle e strisce.

L’attore e la moglie avrebbero dunque passato indenni la prova del tampone, quello che, in questa circostanza, avrebbe accertato la positività al Covid-19. Ma fortunatamente sembra essere risultato negativo e, in virtù di tale possibilità, Hanks ha potuto prendere l’aereo e tornare negli Stati Uniti.


Continue Reading

Cinema

Edoardo Pesce è Alberto Sordi nel film tv che omaggia l’artista romano

“Permette? Alberto Sordi” racconta i vent’anni in cui il giovane Sordi è diventato l’Albertone nazionale, colui che “non ci ha mai permesso di essere tristi”

Antonella Valente

Published

on

“Permette? Alberto Sordi” è un film che festeggia ‘Albertone nazionale’ a cento anni dalla sua nascita.

La Rai rende omaggio ad uno dei più illustri attori del cinema italiano con un film tv in onda oggi in prima serata su Rai1 a partire dalle 21.
Con la regia di Luca Manfredi, figlio del celebre Nino, ad interpretare il ruolo di Alberto Sordi troviamo Edoardo Pesce, attore romano vincitore del David di Donatello come attore non protagonista in “Dogman” di Matteo Garrone.
La pellicola racconta i 20 anni della formazione di Sordi come uomo e come artista. Parte, infatti, dal 1937 quando venne escluso dall’Accademia dei filodrammatici di Milano a causa della sua particolare candenza romana. Tornato nella capitale, gli venne affidato da esordiente il doppiaggio di Oliver Hardy, della coppia Stanlio e Ollio, e pian piano iniziò a lavorare nel varietà e nelle radio.
Diversi incontri importanti hanno segnato gli anni della formazione di Sordi, a partire da Andreina Pagnani, già allora diva della prosa e del doppiaggio, senza dimenticare la vicinanza di un giovane regista quale Federico Fellini che sognava di fare cinema o di Vittorio De Sica.

Il film descrive gli amori, le amicizie, le ambizioni e la determinazione di un artista che sarebbe diventato famoso in tutto il mondo, uno degli attori più accreditati e richiesti dal cinema italiano. Sordi non si accontentò di fare il doppiaggio, voleva mettere la sua faccia sul grande schermo.


“Credo di essere stato capace di rendere l’idea di un Alberto Sordi più giovane e sembra che siamo riusciti a consegnare un affettuoso omaggio a questo grande artista per il suo centenario – dichiara Edoardo Pesce – la romanità che ho dato è la stessa che ho vissuto nella mia famiglia che è romana da oltre quattro generazioni. In casa si è sempre parlato romano, in maniera dialettale e bella, con quella romanità che può essere definita quasi poetica. Non il romanaccio, diciamo, odierno. Quella romanità musicale che si rifaceva ad Aldo Fabrizi, Proietti, Petrolini, Alberto Sordi stesso, che ho riproposto in questo film anche senza troppa fatica”.

“Penso di aver messo molto di me in questo personaggio – continua Pesce – Mi sono approcciato ad Alberto Sordi non come persona ma come personaggio e maschera della nostra cultura e commedia, come farebbe un napoletano con la maschera di Pulcinella. Ecco io ho indossato quella di Sordi con la sua musicalità, tono ed espressione. Ho seguito il consiglio del mio amico Marcello Fonte e il giorno del compleanno di Alberto, il 15 giugno, sono andato sulla sua tomba al Verano a portargli dei fiori e gli ho detto “Signor Sordi, lei di brutte figure non ne fatte mai, speriamo non ne faccia fare anche a me!”.

Continue Reading

In evidenza