Non ci resta che piangere: 26 anni senza Massimo Troisi

“Il comico dei sentimenti“, così era soprannominato Massimo Troisi, tra i principali esponenti della comicità napoletana venuto tragicamente a mancare il 4 giugno del 1994. Era nato a San Giorgio a Cremano il 19 febbraio del 1953 ed è morto a Roma, come detto, il 4 giugno del 1994, subito dopo aver terminato le riprese de Il Postino, film che lo ha consacrato al grande pubblico come uno tra gli interpreti migliori della sua generazione. Attore, regista e sceneggiatore, nella seppur breve carriera cinematografica e teatrale è stato in grado di lasciare un’eredità straordinaria.

Leggi anche: Teatro Maria Caniglia di Sulmona, da 88 anni riferimento per la città d’arte

MyZona

La Smorfia” con Lello Arena e Enzo Decaro è stato il suo Big Bang artistico, quello che gli ha permesso di dar eil via a una carriera ricca di successi. Primo fra tutti il capolavoro “Ricomincio da tre” del 1981″, per poi proseguire anche dietro la cinepresa, per un totale di 13 film da attore, tra cui 7 da regista. Indimenticabili “Non ci resta che piangere” insieme a Roberto Benigni, “Le vie del Signore sono finite” o “Il Postino” il suo ultimo capolavoro.

Una carriera intensa ma troppo breve segnata da una malattia cardiaca fin dalla fanciullezza. Troisi infatti morì il 4 giugno del 1994 a causa di un arresto cardiaco, due giorni prima di terminare la sua ultima pellicola “Il Postino”.

Leggi anche: Speciale Commedia dell’arte: la nascita del professionismo teatrale

Al mio cuore

Al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali…
Io, padrone di un bel niente
Neppure di me stesso.

Soffoco d’affetto
e vivo di nascosto
Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali…

Intorno si stupiscono
del mio modo di fare
Per loro sbaglio tutto
ancora prima di iniziare

Non e’ cosi’ importante
che muoia qualcosa dentro
Io cedo qualche sogno
e un po’ di liberta’
Un compromesso che in fondo accetto per vilta’…

Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali…

Passar tutto il tempo
a pensare al modo migliore
E in quale occasione
sfiorarti la mano
per dire ti amo

Mentre la situazione
politica italiana
Andrebbe seguita
con molta piu’ attenzione
Vuoi che mi lasci andare sulle note di una canzone d’amore…

Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali…


Da leggere anche

Antonella Valente
Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli