#LondonCalling alla maratona di Londra con il metodo Strummer

La 42esima edizione della Tcs London Marathon è in programma domenica 2 Ottobre. Dal 1981, anno della prima edizione, la Maratona di Londra è un evento atteso non solo nella capitale ma in tutto il mondo. Si tratta infatti di una delle maggiori maratone al mondo quanto a numero di partecipanti (una delle sei maratone del World Marathon Majors insieme a quelle di Berlino, Boston, Tokyo, New York e Chicago), che nel 2019 ha visto arrivare alla famosa finish line sul Mall, circa 41.600 runner. Una possibilità, non per tutti per carità, è quella di viverla con lo spirito di Joe Strummer.

Joe Strummer, al secolo John Graham Mellor, noto come frontman della band The Clash e pioniere dell’ondata punk rock britannica alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, si è “accreditato” come maratoneta nel 1983 quando ha partecipato all’evento sfoggiando la sua maglietta Police and Thieves. Finì la gara in 4 ore e 13 minuti.

Leggi anche: London Calling, il capolavoro dei Clash

Il suo allenamento ben particolare. “Bevi 8-10 pinte di birra la sera prima della gara. Hai capito? E non fare un solo passo, almeno 4 settimane prima della gara”.

(Non provateci a casa, ragazzi!)

In ogni caso, Joe ha corso un totale di tre maratone, due a Londra e una a Parigi (il percorso non fu completato ma sicuramente fu rispettata la tabella di marcia dei bicchieri la sera prima ).

Proprio parlando i Parigi descrisse la sua “tecnica”.

Q: Didn’t you once run in the Paris Marathon?
Joe: Yep. I ran three of them.
Q: Correct me if I’m wrong but is it also true that you never trained for any of them?
Joe: You shouldn’t really ask me about my training regime, you know.
Q: Why?
Joe: Because it’s not good and I wouldn’t want people to copy it.
Q: Don’t make me beat it out of you.
Joe: Okay, you want it, here it is. Drink 10 pints of beer the night before the race. Ya got that? And don’t run a single step at least four weeks before the race.
Q: No running at all?
Joe: No, none at all. And don’t forget the 10 pints of beer the night before. But make sure you put a warning in this article, “Do not try this at home.” I mean, it works for me and Hunter Thompson but it might not work for others. I can only tell you what I do.”

In memoria del musicista e del suo lavoro, JSF Runners (Joe Strummer Foundation Runners) è stato istituito per aiutare a sostenere la fondazione Joe Strummer per riunire comunità e fornire supporto con progetti da tutto il mondo per creare emancipazione attraverso la musica.

Esiste anche una playlist dedicata

Articolo precedente“La Particina (il vero protagonista di Romeo e Giulietta)”, Teatrosophia apre la stagione
Articolo successivoLa Cassandra di Sonia Bergamasco è più attuale che mai: la denuncia di una società che non ascolta se stessa
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.