Connect with us

Cinema

Ikos, un corto per denunciare la violenza del bullismo

Published

on

Se ne parla già ancora prima che esca di “Ikos”, il cortometraggio sul bullismo di Giuseppe Sciarra prodotto da Cinetika. Protagonista del documentario oltre allo stesso Sciarra anche l’attore feticcio di Ferzan Ozpetek, Edoardo Purgatori – ultimamente in forte ascesa tra spot pubblicitari e film in cantiere con registi importanti (Gabriele Mainetti).  “Ikos” parla dell’infanzia e dell’adolescenza violenta del regista pugliese Sciarra in un paese del sud dove dall’età di otto anni fu additato come omosessuale dai suoi coetanei e da alcune persone adulte. 

Leggi anche: Regalare emozioni attraverso la musica: il progetto di un sassofonista abruzzese

MyZona

Mi ricordo che da bambino alcuni miei coetanei quando camminavo per strada mi sputavano in faccia, altri mi lanciavano delle pietre addosso. Ma quello che mi feriva di più erano le loro risate sguaiate, scomposte, volgari – spiega Giuseppe Sciarra C’era una crudeltà e una cattiveria gratuita nelle loro vessazioni contro di me che io non capivo.  Ho taciuto per ventitré anni quello che ho subito al mio paese, ora voglio che si sappia cosa ho vissuto e cosa vivono ancora tanti adolescenti.”

Purgatori sarà la voce narrante del progetto e darà un’interpretazione molto sofferta della vicenda del filmmaker foggiano che per anni ha taciuto sulle violenze subite, tentando anche il suicidio. 

Il breve documentario con Sciarra e Purgatori promette di far discutere molto e si prefigge nel suo piccolo di sensibilizzare sul bullismo l’opinione pubblica nella speranza che le istituzioni vaglino una legge contro il bullismo per adesso approvata alla camera dei deputati ma ferma al senato.

Leggi anche:  “La città di vapore”: Carlos Ruiz Zafón e la scrittura immortale

Cinema

Flag Day: il rapporto padre-figlia nella lente di Penn e nella musica di Vedder

Published

on

Flag Day

C’è attesa anche tra i fan dei Pearl Jam per la nuova importante collaborazione tra Eddie Vedder e Sean Penn. Per la seconda volta in carriera (indimenticabili le canzoni di Into the Wild) il frontman della band di Seattle firma da solista la colonna sonora di Flag Day.

L’album con la colonna sonora del film sarà disponibile dal 20 agosto, lo stesso giorno di uscita del film nelle sale. Tra le canzoni anche dei brani che vedono la collaborazione di Glen Hansard, cantautore irlandese spesso in tour insieme a Vedder. Novità è anche il debutto di Olivia Vedder, la figlia dello stesso cantante dei Pearl Jam, in un brano ripreso anche dai trailer ufficiali.

MyZona

Anche il film mette in scena un rapporto tra padre e figlia, ma la situazione è ben particolare: “Il padre di Jennifer Vogel, John, era entusiasta della vita”, si legge nella sinossi ufficaile. “Da bambina, Jennifer si meravigliava della sua magnetica energia e della sua capacità di far sembrare la vita una grande avventura. Le ha insegnato così tanto sull’amore e sulla gioia, ma in realtà è anche stato il più famigerato falsario nella storia degli Stati Uniti”.

Tra gli aottori Josh Brolin, Norbert Leo Butz, Dale Dickey, Eddie Marsan, Bailey Noble, Hopper Jack Penn, Katheryn Winnick oltre a Sean e Dylan Penn che interpretano i ruoli di padre e figlia da protagonisti.

A proposito di Pearl Jam, non è così sicura la loro performance al sessantesimo compleanno di Barack Obama nel weekend. Inizialmente era stato annunciato uno show “privato” della band per 475 fortunati ospiti dell’ex presidente, a Martha’s Vineyard nel Massachusetts. Ragioni di sicurezza, legate ai nuovi protocolli per contrastare la variante Delta, avrebbero spinto gli organizzatori a rinunciare alla performance.

Continue Reading

Cinema

“Matt Damon offende la mia reputazione”, l’accusa di Amanda Knox sul film prossimo all’uscita

Published

on

Amanda Knox matt damon tom mccarthy

Amanda Knox torna a far parlare di sé. Questa volta per una diatriba contro Matt Damon.

L’attore hollywoodiano e il regista Tom McCarthy con il film “La ragazza di Stillwater” avrebbero, secondo la 34enne, sfruttato la sua storia.

MyZona

La pellicola è stata presentata fuori concorso al Festival di Cannes dove ha ricevuto una standing ovation di cinque minuti. Uscirà nelle sale italiane in autunno, il 9 settembre.

«Il mio nome non mi appartiene? La mia faccia? La mia storia? Torno su queste domande perché altri continuano a trarre profitto dal mio nome, viso e storia senza il mio consenso». Questo è quanto Amanda Knox ha scritto su Twitter.

Il regista aveva affermato di aver preso ispirazione dalla vicenda che coinvolse l’ex studentessa americana di stanza a Perugia, accusata insieme a Raffaele Sollecito dell’omicidio di Meredith Kercher. L’assassinio consumatosi nel capoluogo umbro nel novembre del 2007 costò all’allora ventenne di Seattle alcuni anni di carcere in Italia fino ad arrivare all’assoluzione definitiva dalla Corte di Cassazione nel 2015.

Nonostante ciò il film si discosterebbe in molti punti dalla storia reale.

Leggi anche Gus Van Sant: la metafora del male banale e il potere del realismo in “Elephant”

Né McCarthy né Damon avrebbero contattato la Knox nella scrittura del film che rovinerebbe la sua reputazione distorcendo la realtà dei fatti. Il film, a detta della donna, la farebbe apparire sotto una luce negativa. Secondo lei infatti «trasformando in finzione la mia innocenza, la mia totale mancanza di coinvolgimento, cancellando il ruolo delle autorità nella mia condanna ingiusta McCarthy consolida l’immagine di me come persona colpevole e inaffidabile».

Tra il film e la vicenda perugina ci sono molti punti in comune. Molte le incomprensioni linguistiche, culturali, legali. Come Amanda Knox anche la protagonista Allison, interpretata da Abigail Breslin, sconterà alcuni anni di carcere lontano da casa, mentre Matt Damon (Bill Baker), punta di diamante del cast, andrà a Marsiglia per aiutarla.

Le somiglianze sono dunque molte. La storia di quella notte umbra di 14 anni fa ancora continua a far parlare. E l’oblio e anonimato che ricerca la statunitense non è ancora qualcosa semplice da raggiungere.

Continue Reading

Cinema

La Famiglia Addams 2: guarda il trailer del cartone (video)

Published

on

La famiglia più spaventosa di tutti i tempi torna al cinema nel sequel d’animazione, La Famiglia Addams 2. In questo nuovo capitolo, troviamo Morticia e Gomez sconvolti dal fatto che i loro figli stanno crescendo, rinunciando persino alle cene di famiglia per dedicarsi ai loro passatempi mostruosi. Per recuperare il rapporto con i figli, decidono di partire con Mercoledì, Pugsley, Zio Fester e il resto della famiglia con l’orribile camper stregato per avventurarsi in una terrificante vacanza di famiglia. Il loro viaggio attraverso l’America li condurrà fuori dal loro mondo coinvolgendoli in esilaranti avventure, insieme all’iconico cugino IT e a nuovi eccentrici personaggi. Cosa potrebbe mai andare storto?

Leggi anche: Tutte le nuove uscite di agosto sulle principali piattaforme streaming

MyZona

Leggi anche: “Sibyl – Labirinti di donna”: dal 2 settembre al cinema

CAST:

MORTICIA – Virginia Raffaele

GOMEZ – Pino Insegno

MERCOLEDÌ- Eleonora Gaggero

PUGSLEY – Luciano Spinelli

NONNA ADDAMS- Loredana Bertè

DIRETTO DA:

Greg Tiernan e Conrad Vernon

Continue Reading

In evidenza