I tesori delle sorelle Brontë: che l’asta abbia inizio

Sotheby’s ha deciso: all’asta l’incredibile collezione di oltre 500 manoscritti da sempre sotto l’ala protettiva delle famose Emily, Charlotte e Anne Brontë.

Perché sì, le tre sorelle inglesi, celebri soprattutto per la creazione di pietre miliari della letteratura vittoriana come Cime tempestose e Agnes Grey, hanno lasciato al mondo un’eredità di estremo valore culturale.

MyZona

La loro stupefacente collezione di manoscritti, mantenuta nel tempo proprio grazie alle accortezze di queste tre grandi scrittrici, oggi rischia di perdersi. La casa d’asta Sotheby’s ha deciso di mettere all’asta il tutto, portando così a rischio l’unicità di questo patrimonio. Per fortuna che qualcuno si è mobilitato per interferire in tutto ciò.

Leggi anche: L’influenza di Cime tempestose

Con l’intenzione di salvaguardare il preziosissimo tesoro, il Brontë Parsonage Museum, ovvero il museo dedicato alla scrittura delle tre sorelle, e la Brontë Society stessa si sono rivolti al parlamento britannico, per evitare che privati possano compromettere l’integrità della collezione. 

A mettere i puntini sulle “i” è stata la Friend of the National Libraries, ossia l’associazione benefica nata per tutelare il capitale scritto e stampato della Gran Bretagna, la quale, con la sua influenza, è riuscita a stabilizzare un colosso come la Sotheby’s, che si è vista costretta almeno a rimandare l’asta.

Leggi anche: “A riveder le stelle”: a Bevagna il teatro va incontro al pubblico con Dante

Ma non è tutto, perché la suddetta associazione è anche in prima linea per poter acquistare lei stessa tutto ciò che racchiude la Honresfield Library (questo il nome dell’eredità di Emily, Charlotte e Anne). Ma entriamo nel dettaglio: cosa davvero racchiude il lascito di queste maestre della letteratura inglese ottocentesca?

La straordinaria raccolta di volumi include non solo libri stampati ma anche manoscritti, lettere e pagine di diario delle stesse sorelle Brontë: fiore all’occhiello c’è la prima edizione di Cime tempestose, con tanto di commenti scritti personalmente a mano dall’autrice, insieme ad alcuni testi di altri scrittori, amatissimi dalle Brontë, come Walter Scott, Thomas Bewick e Robert Burns.

Ma c’è qualcos’altro, qualcosa che spinge in molti a farsi avanti con la proposta della Sotheby’s, un dettaglio che per gli amanti della letteratura fa davvero la differenza. Il tutto racchiuso in un piccolo libricino, contenente ben 31 poesie scritte di pugno proprio da Emily Brontë. Un quaderno preziosissimo datato 1844, che non è solamente considerato introvabile, ma che segna anche l’inizio della carriera della grande scrittrice.

Più cupa, dai gusti ombrosi e segreti, Emily era l’unica delle tre sorelle che avrebbe potuto dar vita ad una storia potente come quella che vede Heathcliff e Catherine come protagonisti. Fu sua sorella maggiore Charlotte, “mamma” di Jane Eyre, a scoprire questo taccuino segreto, pieno di componimenti affatto pronti per la stampa e del tutto personali.

Le tre donne scrivevano da tempo, soprattutto per diletto. Insieme a loro anche il loro unico fratello, Branwell Brontë, e forse proprio grazie alla sua presenza misero su una vera e propria “setta letteraria”, composta da Currer, Ellis and Acton Bell (i tre pseudonimi maschili che vennero utilizzati per le prime edizioni dei romanzi Brontë, in risposta ai pregiudizi del tempo).

Leggi anche: “I Classici del Giallo della British Library” approdano in Italia

Vite piene, descritte e raccolte fra le pagine private di manoscritti, per il momento ancora accessibili a tutti, al pubblico. Ma le cose potrebbero presto cambiare, e rischieremmo così di veder quel patrimonio perso in case di privati dall’altra parte del mondo, senza poterle reperire e avere sottomano, come pagine strappate di un unico grande libro.

Qualora la raccolta fondi dovesse andare a buon fine, grazie alle cooperazioni tra le biblioteche inglesi, alle associazioni e al passaparola, si potrà finalmente tirare un sospiro di sollievo e potremmo tutti raggiungere Haworth, nello Yorkshire, per goderci a pieno il Brontë Parsonage Museum. La letteratura è libertà d’espressione, e tutti dovremmo poterne godere a pieno nel tempo.

Incrociamo le dita

Da leggere anche

Martina Carnevale
Sono Martina, sommelier da parecchi anni e appassionata di enogastronomia ma soprattutto di tutto quello che riguarda la lettura ( e scrittura!). Amo viaggiare, il mondo del cinema e tutte quelle esperienze che possano arricchirmi.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli