“Ain’t gonna let nobody turn me around”: l’inno alla libertà degli Holebones

Ain’t gonna let nobody turn me around” è il nuovo singolo degli Holebones, pubblicato via B District Music – Bagana Edizioni Musicali e distribuito da Pirames International. Il brano è il primo singolo estratto dal nuovo album della band, “Loud” in uscita il prossimo 23 aprile 2021, oggetto di una campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso. Il brano vanta il featuring di Andy J. Forest armonicista, chitarrista e cantante statunitense (New Orleans), noto per le sue collaborazioni con Francesco Guccini e Edoardo Bennato.

Un brano che ha fatto la storia del blues, impegnato e onesto “Ain’t gonna let nobody turn me around” è uno spiritual nato a fine Ottocento, dai connotati forti e comunicativamente importanti. La canzone è stata storicamente assunta a inno alla libertà e alla lotta per la conquista dei propri diritti, umani e civili. Colonna sonora delle lotte per i diritti civili degli anni Cinquanta e Sessanta, “Ain’t gonna let nobody turn me around  continua purtroppo ancora oggi ad essere valida e attuale, nelle parole e nei messaggi. 

MyZona

Leggi anche: Medicine At Midnight: rilasciato il nuovo album dei Foo Fighters

Un sound blues tradizionale e innovativo allo stesso tempo, che rende il giusto omaggio alla canzone originale:  Ain’t gonna let nobody turn me around  si presenta come una “New Orleans march” lenta e inesorabile. La band commenta: “L’ingrediente speciale di questo pezzo è la magnifica armonica di Andy J. Forest, che ci ha regalato un assolo perfettamente in linea con il sound che avevamo in mente”.

“Ain’t gonna let nobody turn me around ” è frutto della forte armonia tra Andrea Caggiari (voce, basso), Heggy Vezzano  e Niccolò Polimeno (chitarre), Leif Searcy (batteria). Il brano vanta il featuring di Andy J. Forest all’armonica. Il singolo è stato registrato al NoLo Recording Studio (Milano), mixato e masterizzato da Antonio “Cooper” Cupertino.

Leggi anche: Grandi festival e show esclusivi, chi rinuncia e chi ci prova

L’artwork è a cura di Andrea Caggiari: “Un paio di scarpe rovinate dal lungo cammino di chi non si è fermato di fronte a nulla, andando dritto per la propria strada, a testa alta. Ora è arrivato a destinazione, le ha tolte e finalmente si può riposare nella sua ‘freedomland’, questo è l’augurio che facciamo a tutte le persone che lottano contro il razzismo e l’ignoranza della gente”.

Il videoclip raccoglie immagini di marce e proteste da tutto il mondo e in diverse epoche storiche. La band commenta: “Abbiamo pensato di accostare tutte queste immagini per ricordare quanto si è conquistato e quanto ancora ci sia da conquistare in quanto a diritti umani. Dagli Afroamericani nell’America della segregazione ai Black Lives Matter, dalle suffragette di inizio Novecento ai movimenti femministi dei nostri giorni, dagli italiani che emigravano negli anni Venti ai barconi di migranti nel Mediterraneo, passando per il Gay Pride di Milano, le proteste a Hong Kong e le rivolte in Turchia”.

Gli Holebones sono:

Andrea Caggiari – Voce, basso
Heggy Vezzano – Chitarra
Niccoló Polimeno – Chitarra
Leif Searcy – Batteria

Gli Holebones nascono da un’idea di Heggy Vezzano (Francesco Renga, Nina Zilli, Andy j Forest etc.)  e Andrea Caggiari (Amanda e la Banda, Daniele Tenca, Amanda Tosoni & Andrea Caggiari Duet). La volontà è quella di formare un trio per interpretare dal vivo i classici del blues. Il progetto si consolida con l’entrata in formazione alla batteria di Leif Searcy (Carmen Consoli, Malika Ayane). Inizia l’attività live sui palchi del Nord Italia. 

Leggi anche: Il teatro dà voce agli operatori sanitari che lottano contro il Covid 19: il progetto dell’associazione Ariadne

A marzo 2020 il trio inizia a riarrangiare alcuni brani storici del blues, lavorando da casa. Quattro brani dopo l’inizio dei lavori, gli Holebones si accorgono che varrebbe la pena dare una forma più concreta a questo progetto incidendo un intero disco. La ricerca di uno studio di registrazione porta i tre musicisti al NoLo Recording Studio di Niccolò Polimeno. Niccolò (fonico di professione, chitarrista, cantante e autore) resta impressionato dal progetto e decide di sposarlo diventandone il secondo chitarrista. La band è ora al lavoro sul primo album in studio, a supporto del quale è stata lanciata una campagna di crowdfunding su Produzioni da Basso. 

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli