Connect with us

Cinema

21 dicembre 2012: tra marketing e profezie

Federico Rapini

Published

on

profezia maya 2012

Una morte annunciata

Il 21 dicembre 2012 siamo morti tutti. Forse. O almeno doveva essere così. Era praticamente sicuro. Molti si erano rassegnati. Avevano fatto scorta di birre per aspettare, sulle solite panchine che li hanno visti crescere, l’arrivo di asteroidi che avrebbero distrutto la terra.
Risultato? Le birre finirono, il tasso alcolico salì e di meteoriti neanche l’ombra. Cosi come delle maree, tornado, eruzioni e chi più ne ha più ne metta. Era palese che i Maya o, meglio, chi incalzava teorie sulle loro fantomatiche profezie, non ci avevano preso.

Secondo alcuni sedicenti scienziati però l’errore sarebbe da attribuire all’introduzione del Calendario Gregoriano nel 1562 e all’errata lettura del conteggio degli anni dell’antica popolazione precolombiana. Quindi l’anno “buono” sarebbe questo 2020, che d’altronde finora non si è fatto parlare dietro in materia di disastri.

Leggi anche: “Do They Know It’s Christmas?”: quando la musica di Bob Geldof sfamò l’Africa

Guerrilla marketing cinematografica

La “pubblicità” riguardo la profezia Maya per il 2012 è sembrata più che altro una parte attiva di guerrilla marketing che ha avuto più successo di quello che ci si poteva aspettare. Tant’è che il film intitolato proprio “2012”, incentrato proprio sulla fine del mondo, fu atteso con trepidazione non rispettando però le attese.

Le recensioni non furono sicuramente entusiastiche. Quasi 3 ore di film, ricche di effetti speciali d’impatto per una classica americanata senza un’adeguata sceneggiatura di supporto. Strade che si aprono, oceani che si sollevano, monaci tibetano messi qua e là quasi a richiamare teorie ancestrali riguardanti le origini della civiltà in Nepal e in Tibet.

Teschi di cristallo: Tibet, Maya e Nazisti

Le terre dell’Himalaya da sempre sono infatti un richiamo per gli appassionati di storie riguardanti le antichissime popolazioni arie così come, secondo alcune leggende, questi luoghi sembrerebbero essere l’accesso al regno sotterraneo di Shamballah, identificato nell’età moderna con il regno di Agarthi, patria del Re del Mondo. Gli stessi nazisti, già negli anni ’30, compirono alcune spedizioni alla ricerca dell’ingresso a questo mitico mondo.

Nazisti che sono legati alle leggende sia del Tibet che dei Maya. Si narra che uno dei 13 teschi di cristallo, attribuiti erroneamente alla civiltà precolombiana (molti studi odierni hanno stabilito che siano stati intagliati da macchinari moderni) e che custodirebbero proprietà magiche nonchè informazioni sull’origine e il destino dell’umanità, sia appartenuto ad Himmler, il capo delle SS tedesche, dopo che gli fu portato in dono da uno dei soldati inviati sull’Himalaya. Questi teschi tra l’altro sono gli stessi che ispirarono Spielberg per il film di Indiana Jones. Leggende e film che ancora una volta sono legati tra loro.
Intorno a questi teschi si è creata la leggenda che quando saranno riuniti per l’umanità inizierà un nuovo ciclo. E quando si pensava che ciò dovesse accadere? Proprio il 21 dicembre 2012.

Fatto sta che sono passati ben 8 anni e l’uomo non sembra aver ancora raggiunto quell’integrità morale per essere degno di andare incontro alla conoscenza appartenente ai teschi di cristallo.
Ma più che di una profezia catastrofica sembra più facile credere ad una male interpretazione delle numerose iscrizioni lasciate dai Maya. I quali erano sicuramente grandi conoscitori della matematica e dell’astronomia.

“Coincidenze? Non credo” ma in senso pubblicitario

Al di là dei presunti errori di calcolo dei sedicenti scienziati sopracitati, la data che avrebbero indicato i Maya nel loro calendario sarebbe stata forse semplicemente la fine del 13° ciclo, quello dell’Età dell’Oro. Secondo alcuni studiosi della civiltà precolombiana ogni età del loro calendario si sarebbe conclusa con alcuni cataclismi. Se vogliamo prendere per buona questa teoria, collegandoci all’errore di calcolo che rimanderebbe al 2020, forse questo anno catastrofico qualcuno lo aveva più o meno predetto. Ma come dice Adam Kadmon “coincidenze? Io non credo”. Ma più probabile che le coincidenze siano state indotte per la già citata guerrilla marketing.

L’unica cosa certa è che quel film sul 2012 fu “una cagata pazzesca” di fantozziana memoria.

Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Cinema

È morto Walter Bernestein, fu sceneggiatore de Il Prestanome

Antonella Valente

Published

on

Come riporta l’Ansa, “Sì è spento a 101 anni Walter Bernstein, sceneggiatore statunitense, oltre che regista, autore di oltre novanta film. L’annuncio della sua scomparsa, avvenuta il 22 gennaio, è stato dato dalla moglie alla Cnn. Tra le sue sceneggiature quella de Il prestanome, con protagonista Woody Allen e diretto da Martin Ritt, che gli valse nel 1977 una candidatura agli Oscar. Scrisse anche Il diavolo in calzoncini rosa, film del 1959 diretto da George Cukor con Sophia Loren, e Quel tipo di donna di Sidney Lumet, sempre con l’attrice italiana.

Leggi anche: Salvador Dalì in Italia nel 1959, il genio dell’arte si racconta

Continue Reading

Cinema

Luca: il nuovo film Disney-Pixar è ambientato in Italia

Riccardo Colella

Published

on

È stata fissata per il 18 giugno 2021 l’uscita di Luca, il nuovo film Disney-Pixar che sarà ambientato in Italia. Se è vero che i precedenti successi della casa statunitense si sono spesso basati sulle esperienze personali e sui ricordi dei registi, non è un caso che la produzione abbia voluto affidare a Enrico Casarosa, la direzione del prossimo progetto.

Sono nato a Genova, e ho trascorso le mie estati sulle spiagge”, ha dichiarato il regista al magazine britannico Empire. “Ho conosciuto il mio miglior amico quando avevo 11 anni. Io ero molto timido e ho incontrato questo ragazzino piantagrane che viveva una vita totalmente diversa dalla mia. Volevo fare un film proprio su quel tipo di amicizie che ti aiutano a crescere”.

Lo stesso regista ha voluto, con Luca, rendere omaggio ai cineasti italiani del passato e ai capolavori felliniani, aggiungendo quel tocco fiabesco e innocente così evidente nei film di Hayao Miyazaki.

L’Italia e la Liguria, quindi, al centro del prossimo film Disney-Pixar. La storia parla della profonda amicizia che nasce tra Luca e Alberto, due ragazzini che trascorrono l’estate sulla riviera ligure, tra trenette al pesto, giri in motorino e gelati sulla spiaggia.

Il rapporto tra i due amici, però, sarà messo a dura prova da un’oscura verità che si cela dietro alla figura del protagonista. Per entrambi, sarà un’importante occasione di crescita personale.

Il sodalizio tra Enrico Casarosa e la Pixar nasce nel 2006, quando il regista genovese collabora come storyboard artist alla realizzazione di Cars – Motori ruggenti. In seguito collabora alla realizzazione di Ratatouille e Up, entrambi vincitori agli Oscar come miglior lungometraggio d’animazione.

Il debutto da regista, invece, avviene nel 2011 col cortometraggio La luna, presentato in anteprima al Festival Internazionale del film d’animazione di Annecy e che, ottiene la candidatura agli Oscar 2012.

Continue Reading

Cinema

Pandemia e cinema chiusi bloccano l’uscita di No Time to Die

Federico Falcone

Published

on

Dovremo attendere la fine dell’anno per vedere “No Time to Die“, nuovo film della saga di James Bond. Ben tenendo a mente, però, due fattori determinanti affinché ciò possa realmente verificarsi: l’andamento in meius della pandemia e la possibilità di riapertura per i cinema. Aspetti, questi, indispensabili perché una pellicola che punta a incassi record non può prescindere dal botteghino cinematografico. E ora, purtroppo, i cinema sono in assoluto standby, quindi fare previsioni è altrettanto complesso. Dicasi lo stesso per la pandemia.

Leggi anche: Quella volta in cui George Orwell incontrò Ignazio Silone

Originariamente il film sarebbe dovuto uscire lo scorso anno ma poi è stato rinviato all’autunno 2020 e successivamente all’aprile di quest’anno. Le previsioni non hanno tenuto conto, però, di una seconda ondata del coronavirus, delle sue varianti e del rischio altissimo di una terza ondata primaverile. Impossibile, quindi, promuovere il film in queste condizioni.

Leggi anche: Oscar 2021: cambia il regolamento per la categoria Miglior Film Straniero

L’account ufficiale del film ha riportato l’ennesimo cambio data. Tutto slitta all’8 ottobre 2021. Inevitabile. La saga di Bond appassiona, da sempre, il pubblico di tutte le età e anche se questo sarà l’ultimo episodio con protagonista Daniel Craig, l’appeal di 007 è ben lungi dal tramontare. Il cast include Ralph Fiennes, Léa Seydoux, Naomie Harris, Ben Whishaw, Christoph Waltz e Jeffrey Wright, interpreti rispettivamente di M, Madeleine Swann, Moneypenny, Q, Blofeld e Felix Leiter.

Leggi anche: Phil Spector muore in carcere per complicanze legate al Covid

Continue Reading

In evidenza